LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Museo archeologico privato a Linz, denunciato 82enne "re dei cocci"
Repubblica online
07/10/2005, La Repubblica online

Austria, un ex della Wermacht organizzava tour nel Lazio
Riportati in Italia 600 pezzi etruschi, trovati altri 3000 reperti

L'uomo si difende dicendo di aver "salvato un tesoro"


Rupert Aichmeir, l'anziano denunciato in Austria
ROMA - Militare della Wermacht nella seconda guerra mondiale, titolare di un'agenzia turistica, direttore di un museo privato archeologico a Linz, in Austria. Fuorilegge. Dalle sua mani sono passati, negli ultimi decenni, almeno tremila reperti archeologici trafugati dalle zone di Crustumerium, antica citt latina in provincia di Roma. Con la complicit di circa cinquanta tra "tombaroli", ricettatori, acquirenti e fiancheggiatori, l'ottantaduenne austriaco Rupert Aichmeir si era guadagnato l'appellativo di "re dei cocci" ma per molti il suo nome di battaglia restava "Mozart", come lui, originario della terra del musicista. Seicento pezzi tra anfore, vasi etruschi e statuette sono stati recuperati dai carabinieri per la tutela del patrimonio culturale ma altre migliaia di reperti sospetti sono stati scoperti in depositi sparsi in un raggio di chilometri intorno alla citt di Linz.

In prigione, il "re dei cocci" non c' finito perch troppo anziano: stato semplicemente denunciato, ma cinque suoi stretti collaboratori, tutti italiani con precedenti penali per scavi abusivi, sono stati accompagnati a Regina Coeli e rischiano fino a sette anni di carcere.

Lui, il vecchio leader dell'organizzazione, quando stato fermato nel marzo scorso dai carabinieri aveva in macchina un borsone verde dove nascondeva, sotto profumati limoni e bottiglie d'olio d'oliva, un paio di statuette appena rubate da uno scavo in Toscana. Di solito per, i preziosi esemplari li importava in Austria sui pullman usati dalla sua agenzia turistica specializzata in tour archeologici nei paesi della vecchia Etruria.

Li ripuliva nel suo laboratorio di casa e, se necessario, provvedeva personalmente anche al restauro; poi li esponeva fissando i prezzi al pubblico con l'aiuto dei listini delle case d'aste. Era convinto di essere una sorta di "salvatore del patrimonio archeologico", come ha detto al microfono di una televisione austriaca: "Gli italiani - ha spiegato - non erano in grado di occuparsi di quei tesori; per fortuna li ho salvati io".

(7 ottobre 2005)



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news