LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cinema, sos modello Titanic. Non passa il decreto, il ministro chiede una tregua, il settore sciopera
L. Jatt.
Il Messaggero 8/10/2005

ROMA - La misura colma, gridano gli operatori del cinema. Tanto che il 14 ottobre prossimo, che non a caso un venerd di "prime" cinematografiche, le sale rimarranno chiuse per protesta e si dar vita ad una manifestazione nazionale a Roma. Allo sciopero parteciperanno anche l'Afic (Associazione Festival Italiani di Cinema) e l'Assomusica. Sul piatto, il contenuto della Finanziaria 2006 che taglia il 35 per cento del Fondo Unico dello Spettacolo e penalizza in modo pesante il settore cinema: i fondi passano infatti da 84 a 54 milioni oltre ai tagli alle risorse del Lotto che l'anno scorso avevano fruttato al settore 8 milioni di euro. Il Governo ha ufficialmente abbandonato il cinema ha affermato ieri l'Anica mentre nel pomeriggio il ministro dei Beni Culturali, Rocco Buttiglione, ha invitato a trovare una strada comune: Inutile fare polemiche, ora bisogna pensare al cinema italiano e ha lanciato un appello a maggioranza e opposizione: Sigliamo una tregua e troviamo insieme una via percorribile. Tecnicamente - ha proseguito Buttiglione - ci sono diversi cammini che si possono compiere e io invito tutti a fare un gesto di buona volont. L'ostruzionismo pu continuare su altre cose ma non sul cinema italiano. L'atmosfera rimane comunque incandescente. L'on. Giovanna Melandri dei Ds ha ribattuto alle parole del ministro: Tecnicamente si pu parlare di "tregua" quando ci sono due parti in guerra tra loro. In questo caso abbiamo invece assistito - dice la Melandri - dal 2001 ad oggi non ad una guerra tra maggioranza e opposizione ma ad un attacco frontale da parte dell'attuale Governo. La sola via percorribile per la Melandri fermare la spirale dei tagli progressivi al finanziamento pubblico avviata nel 2001 dal Governo Berlusconi, cancellare la legge manifesto sul cinema voluta da Urbani e ridare spazio ad una reale politica di sostegno alla musica, al teatro, alla danza e al cinema.
E' sceso in campo anche Roberto Benigni, in attesa di uscire con il suo ultimo La tigre e la neve, parlando di cultura, quella che in Italia conta sempre meno. Tutto lo spettacolo e il cinema in particolare non interessano pi, visto che non gli si da alcun valore. L'Anica, da parte sua, dopo la decisione del Governo che ieri ha fatto decadere il decreto salva-cinema, ha affermato che evidentemente si tratta di una decisione strategica che lascia andare alla deriva un intero settore il quale ora deve fare i conti con la sua crisi pi nera mai subita. Sulla mancata approvazione del decreto "salva-cinema" si espresso anche il direttore generale per il Cinema, Gaetano Blandini che sottolinea i contraccolpi negativi anche sulla recente produzione di una trentina di film tra corti, opere prime e lungometraggi. Penso agli esordi di Bentivoglio e della Caselli, ai film di Marco Risi e Lizzani.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news