LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cinema, sos modello Titanic. Non passa il decreto, il ministro chiede una tregua, il settore sciopera
L. Jatt.
Il Messaggero 8/10/2005

ROMA - La misura colma, gridano gli operatori del cinema. Tanto che il 14 ottobre prossimo, che non a caso un venerd di "prime" cinematografiche, le sale rimarranno chiuse per protesta e si dar vita ad una manifestazione nazionale a Roma. Allo sciopero parteciperanno anche l'Afic (Associazione Festival Italiani di Cinema) e l'Assomusica. Sul piatto, il contenuto della Finanziaria 2006 che taglia il 35 per cento del Fondo Unico dello Spettacolo e penalizza in modo pesante il settore cinema: i fondi passano infatti da 84 a 54 milioni oltre ai tagli alle risorse del Lotto che l'anno scorso avevano fruttato al settore 8 milioni di euro. Il Governo ha ufficialmente abbandonato il cinema ha affermato ieri l'Anica mentre nel pomeriggio il ministro dei Beni Culturali, Rocco Buttiglione, ha invitato a trovare una strada comune: Inutile fare polemiche, ora bisogna pensare al cinema italiano e ha lanciato un appello a maggioranza e opposizione: Sigliamo una tregua e troviamo insieme una via percorribile. Tecnicamente - ha proseguito Buttiglione - ci sono diversi cammini che si possono compiere e io invito tutti a fare un gesto di buona volont. L'ostruzionismo pu continuare su altre cose ma non sul cinema italiano. L'atmosfera rimane comunque incandescente. L'on. Giovanna Melandri dei Ds ha ribattuto alle parole del ministro: Tecnicamente si pu parlare di "tregua" quando ci sono due parti in guerra tra loro. In questo caso abbiamo invece assistito - dice la Melandri - dal 2001 ad oggi non ad una guerra tra maggioranza e opposizione ma ad un attacco frontale da parte dell'attuale Governo. La sola via percorribile per la Melandri fermare la spirale dei tagli progressivi al finanziamento pubblico avviata nel 2001 dal Governo Berlusconi, cancellare la legge manifesto sul cinema voluta da Urbani e ridare spazio ad una reale politica di sostegno alla musica, al teatro, alla danza e al cinema.
E' sceso in campo anche Roberto Benigni, in attesa di uscire con il suo ultimo La tigre e la neve, parlando di cultura, quella che in Italia conta sempre meno. Tutto lo spettacolo e il cinema in particolare non interessano pi, visto che non gli si da alcun valore. L'Anica, da parte sua, dopo la decisione del Governo che ieri ha fatto decadere il decreto salva-cinema, ha affermato che evidentemente si tratta di una decisione strategica che lascia andare alla deriva un intero settore il quale ora deve fare i conti con la sua crisi pi nera mai subita. Sulla mancata approvazione del decreto "salva-cinema" si espresso anche il direttore generale per il Cinema, Gaetano Blandini che sottolinea i contraccolpi negativi anche sulla recente produzione di una trentina di film tra corti, opere prime e lungometraggi. Penso agli esordi di Bentivoglio e della Caselli, ai film di Marco Risi e Lizzani.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news