LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

14/04/2003 BAGHDAD - Brucia la Biblioteca di Baghdad
Vittorio dell'Uva
il Mattino, Luned 14 Aprile 2003

Capitale nel caos, da oggi pattuglie miste di americani e poliziotti del disciolto regime .



Le modeste prove tecniche di normalizzazione si scontrano con il nazionalismo iracheno.

Grazie Usa, ma per il dopo Saddam vogliamo fare da soli, chiariscono mille funzionari del passato regime che si riuniscono in una sala-conferenze nei pressi dell'Hotel Palestine. La linea - e di questo a Washington dovranno tenere conto - la stessa dettata da Ahmed Chalabi, presidente dell'Iraqi National Congress e da Mohamed Al Akim, il leader sciita in esilio a Teheran decisi a porre una ipoteca sul nuovo potere.

Per loro non assolutamente possibile nemmeno ipotizzare un governorato americano. Funzionari di polizia in divisa fanno sentire in particolare la propria voce, durante un’assemblea. Sostengono di voler salvare la capitale dal saccheggio non stop, ma provano a difendere anche il proprio posto di lavoro.

Alle new entry si oppongono con molta determinazione, trovando disponibilit nel comando americano orientato a non andare tropppo per il sottile. L'ordine pubblico sar affidato agli stessi poliziotti che lo gestivano per conto del rais, anche se l'emergenza li induce a mettere da parte l'orgoglio. L'idea di formare pattuglie miste con i marines trova la sua formalizzazione che la render da oggi concreta.


A molti iracheni, che hanno badato negli anni a non apparire troppo in sintonia con il regime, la mossa non piace. Si offrono fin dall'alba per lavorare sotto la guida del governo americano. Temono che il vecchio apparato possa mostrare pericolose capacit di resistenza. Ci ritroveremo sempre di fronte alle stesse facce del partito Baath, denuncia il membro di una delegazione di indipendenti che marcia verso l'Hotel Palestine, considerato ormai una sorta di ufficio di collocamento. Un suo baffuto collega affida la delusione ad un messaggio dai toni molto pi crudi: Abbiamo scoperto che Bush come Saddam.


La partita che si gioca intorno al riordino della polizia considerata, non senza ragione, vitale. La razzia continua ad essere ostentata e sistematica, accompagnandosi a atti di puro vandalismo che producono danni irreparabili al Paese. Dopo l'assalto dei giorni scorsi al museo nazionale, da ieri in fiamme anche la Biblioteca di Baghdad. I marines, che troppo a lungo sono rimasti da lontano a guardare, hanno cominciato a raccogliere con un secchiello l'acqua dallo stagno. Alcuni del loro ceck-point sono stati spostati verso le aree centrali della citt.
Sporadicamente bloccano qualcuno dei furgoni, carichi all'inverosimile, con cui si muovono i saccheggiatori. L'assalto ad una banca, condotto con pi slancio, ha portato all'arresto di venticinque persone.


Baghdad occhieggia da dietro alle finestre sbarrate e si regola di conseguenza. Provando a rubare squarci di normalit. Merce ricomparsa sui banchetti dei mercatini di periferia. Moltiplicato il numero dei negozi che vendono il pane. Forte l'attesa per il ripristino delle linee elettriche cui dovrebbero lavorare genieri Usa in arrivo. Un mercato nero e parallelo della benzina, che viene sottratta alle cisterne militari o ad ogni rottame di auto abbandonato in strada, garantisce mobilit soprattutto ai taxi collettivi diretti fuori citt. Durante il loro percorso incrociano le colonne di quanti, dopo avere cercato rifugio nei villaggi vicini, provano a tornare alle proprie case sperando di ritrovarle integre nonostante la pioggia di bombe.


Nell’atmosfera piena di guerra, si ritorna con il buio che favorisce l'attivit di gruppi armati che provano ancora a sfidare gli americani. Li formano soprattutto gli irriducili volontari della Jihad arrivati da Paesi vicini, tra i quali comunque sta per venire meno la disponibilit al sacrificio. In una scuola di Baghdad i marines hanno trovato altri trecentodieci giubbotti esplosivi preparati con il C4 e biglie di ferro. Sui timer le istruzioni erano in arabo.







Porcellane costose e in qualche caso preziose, finiscono una dopo l'altra in frantumi. Le porte in ottone degli ascensori non meritano sorte migliore. Camion portano via grate di ferro e cancelli che finiranno nelle fonderie di una periferia che tutto raccatta. La ricerca delle auto rimaste in garage trova a gestirla con poca esperienza. Nei sotterranei allagati per lo scoppio delle condotte dell'acqua avanza anche una barca rastrellata sulle vicine rive del Tigri. L'iman di una vicina moschea trova che le iscrizioni sacre incise sulle pareti siano un po' fuoriluogo. Allah - dice - stato forse troppo grande con lui.
Del libertino Saddam stata appena scoperta in un altro quartiere della citt, la garconniere tutta specchi conosciuta a molte delle signore del regime. Che il ras, tutto preso a celebrare se stesso, fosse anche un affamatore del popolo, molti iracheni lo stanno appena scoprendo. Durante l'embargo, che ha rappresentato una condanna per molti bambini, non uno solo dei suoi cantieri stato fermato.
Quarantotto ore prima che Baghdad cadesse, il figlio Udai stato visto alla Banca Centrale a portar via con pi di un pick-up casse di valuta pregiata e tonnellate di lingotti in oro massiccio.
Questa la nostra rivoluzione francese, gestita per dagli americani, il commento amaro di Waled Shenir, un docente di musica che dice di essere venuto ad Al Sahalam soltanto per dare uno sguardo. Poco apprezza quello che vede e che per il futuro intravede: Conosco la storia. Non la razzia a farci migliori. Mi preoccupa il collaborazionismo che fa perdere agli uomini tutto l'onore. gi accaduto nella Francia che fu invasa da Hitler.
Al Esham, un uomo robusto la cui moglie si tiene in disparte, trova non meno di lui che il fosso non debba essere troppo in fretta saltato. Giura di essere custode di molti segreti che potrebbero spingere gli americani a mandarlo in galera.
Sono un pilota dell'Iraqi arways. Ho lavorato anche per l'aviazione militare. Adesso vi spiego chi sono i nostri liberatori - dice - Se il mio Paese fosse soltanto uno scatolone di sabbia non vi avrebbero messo mai piede. Sono qui per conto di Israele e per prendersi il nostro petrolio. Il popolo iracheno l'ultimo dei loro pensieri. La sua rivelazione, che dovrebbe apparire scottante arriva un attimo dopo a bassa voce: Negli anni Ottanta dagli Usa ci spedivano le armi biologiche. Andavo a caricarle a Francoforte, in segreto. Gli americani sapevano che sarebbero state usate contro l'Iran. Adesso che l'Iraq non le possiede sono venuti a pigliarsi il Paese.
Lo scandalo della ricchezza di cui si circondava la corte incanala verso il rais non poche maledizioni. Ma l'amore tarda lo stesso a sbocciare verso il nuovo padrone. Bush il supporter dei ladri, si legge su uno striscione bianco e blu apparso nella Piazza 14 Ramadan e che nessuno ha ancora rimosso.
Uscendo da Al Sahalam senza portare con s un solo frammento, Leif Saleh Ismet ricorda i suoi fratelli Mahdi, Fares e Saad, scomparsi nelle segrete del potere e di cui la madre per anni trattata come una cagna invoca disperatamente il ritorno. Ma ai marines di un vicino posto di blocco nemmeno dedica il suo sguardo.
A sentir lui non tutte le orecchie del regime sono state definitivamente tappate ed meglio non fare scelte di campo fin quando la testa del ras non sar stata mostrata.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news