LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I seicento pezzi del soldato Mozart. Un museo di reperti archeologici rubati scoperto in casa di un ex militare del Terzo Reich
Edoardo Sassi
Corriere della Sera cronaca Roma 8/10/2005

Tra i pezzi più rari, un prezioso cinturone in bronzo dell'VIII secolo avanti Cristo - di cui si conoscono cento esemplari al mondo - oltre a uno splendido Oinochoe: brocca da vino con decorazioni policrome, in ceramica attica, probabilmente acquistata duemilaseicento anni fa da qualche facoltosa famiglia etnisca.
Sono solo due tra i seicento reperti archeologici - anfore, teste, oggetti votivi, corredi funebri, monete, collane - tutti provenienti da scavi clandestini e sequestrati nel «museo» personale di R.H., detto Mozart: un ottantaduenne austriaco, ex soldato della Wermacht in Italia durante l'ultima guerra mondiale, e principale protagonista in negativo di un'incredibile storia che si svolge tutta tra Roma e la cittadina di Linz. Una storia che ha coinvolto tombaroli e un traffico internazionale di almeno 3.000 pezzi, tutti passati per le mani di Mozart, integri e sottratti da necropoli e santuari ancora interrati e sconosciuti, per lo più nei dintorni della Capitale: tra il parco di Veio, Tarquinia, Bracciano, Viterbo e l'antica città di Crustumerium, nel Parco della Marcigliana (ma alcune testimonianze apule provengono dal sud Italia).
Un traffico internazionale stroncato con un'indagine durata un anno, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica Pierluigi Cipolla ed eseguita dalla Sezione Archeologia del Comando carabinieri Tutela patrimonio culturale, in collaborazione con l'Interpol.
Ieri, i dettagli dell'«operazione Mozart», stesso nome con cui l'anziano trafficante austriaco da decenni era noto nel giro dei tombaroli attivi tra Roma e dintorni: cinque di loro, collegati l'uno all'altro, braccianti agricoli e allevatori residenti nel Lazio, sono stati già arrestati (reato supposto, «associazione a delinquere»). Altre 34 persone sono indagate. Tutta gente che armata di metaldetector e di speciali «spilloni» in ferro sondava di notte le campagne romane, soprattutto nei dintorni di via della Bufalotta, là dove un tempo sorgeva l'antica Crustumerium, tre volte conquistata da Roma e non nuova alle cronache come «paradiso» dei tombaroli: un'area più volte saccheggiata dai cercatori clandestini di tesori e in gran parte ancora sconosciuta anche agli studiosi (una porzione del territorio è del demanio, il resto di privati).
Ed è proprio in queste campagne che «Mozart» - denunciato ma non arrestato considerata l'età - da decenni era di casa, come si evince dai diari sequestrati nella villa di Linz, ora al vaglio del magistrato per un'inchiesta ancora in corso. Mozart, ufficialmente «guida turistica», spesso accompagnava suoi connazionali in Italia con piccoli pullman dove poi nascondeva «la merce». Un lavoro che serviva solo da paravento. Durante i viaggi infatti, l'uomo faceva acquisti dai suoi amici tombaroli, alcuni dei quali sorpresi con gli antichi tesori avvolti in sacchi di iuta e seppelliti nell'orto in attesa del trasferimento a Linz.
Una vera passione, quella di «Mozart» per l'archeologia, ma soprattutto un affare: nella sua casa aveva infatti orga-nizzato una sorta di museo-show room riservato ai clienti, con tanto di vetrine climatizzate e targhette con i prezzi: dai mille euro (per un piattino mal cotto) a salire. «Una stima del valore di tutti i pezzi individuati, di cui 600 già rimpatriati, e altri 2.400 in arrivo tramite rogatoria internazionale, è attualmente impossibile», hanno spiegato il comandante dei Carabinieri Ferdinando Musella, il soprintendente archeologico di Roma Angelo Bottini e il direttore generale dei Beni Culturali Anna Maria Reggiani, intervenuti ieri alla conferenza stampa. Si sa invece che Mozart nei diari aveva espresso un macabro desiderio: le sue ceneri avrebbero dovuto essere deposte in un'urna etrusca, proprio uno dei pezzi sequestrati che ora prenderanno la direzione di vari musei.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news