LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alberi storici tutelati come monumenti
Al. Ar.
Corriere della Sera 8/10/2005

ROMA E' una tradizione per la Sardegna la longevit. Per gli uomini, come per gli alberi. Ed infatti vive a San Baltolu di Luras (Sassari) l'albero da record: un oleastro che ha impiegato oltre duemila anni per diventare alto 15 metri e largo quasi 12. E' lui l'albero piu vecchio d'Italia. E' lui il capostipite dei patriarchi verdi, circa 150 esemplari in tutta Italia di alberi monumentali che presto verranno tutelati come fossero la Piet di Michelangelo o la Porziuncola di San Francesco.
Oggi danneggiare un albero che si trascina dietro millenni di storia o di tradizione, ma anche credenze popolari, un reato che viene punito con una sanzione amministrativa. Ma abbiamo pronta una legge che far diventare penali questi reati, garantisce Gianni Alemanno, il ministro per le Politiche agricole che ieri ha annunciato direttamente al presidente della Repubblica la nuova normativa a tutela di questo storico patrimonio ambientale.
Si festeggiavano i 183 anni del Corpo forestale dello Stato, ieri. E alla cerimonia a Roma Carlo Azeglio Ciampi ha accolto con favore la nuova legge sugli alberi monumentali, un patrimonio che proprio il Corpo forestale da oltre vent'anni si sta occupando di censire, curare, catalogare. Sono sempre stato vicino al Corpo forestale, ha detto Ciampi. E ha aggiunto: E' importante la cultura dell'ambiente.
E' importante rispettarlo l'ambiente che ci sta intorno. E conoscerlo. Cominciando proprio dai patriarchi verdi. Per i forestali questi giganti della natura rappresentano molto di piu di un patrimonio di cultura e biodiversit da tutelare, dice Cesare Patrone, capo del Corpo forestale. E spiega: Questi alberi monumentali sono un libro aperto, una pergamena srotolata a cavallo dei millenni che contiene informazioni vive e trascrizioni dettagliate in grado di farci fare un balzo verso il mondo lontano degli ecosistemi che li hanno generati.
Sono oltre vent'anni che le guardie forestali girano in lungo e in largo per boschi e radure a caccia di questi gioielli antichi. E stanno ancora faticando a stabilire a chi tra di loro spetti la palma dell'albero piu alto. Perch stabilire qual quello piu largo facile, alla fine. A Sant'Alfio, in provincia di Catania, alle pendici dell'Etna, c' un Castagno chiamato dei Cento Cavalli: di ventidue metri la sua circonferenza, agevole misurare che due metri piu grande di quell'altro castagno che vive a Mascali, sempre in provincia di Catania. Ma come si fa ad essere certi quando le misure si devono fare in altezza, verso il cielo?
Come si fa a stabilire se piu alto il Liriodendro che cresce nel parco della Besana, in provincia di Como, o una delle Sequoie sempre verdi che crescono nel Biellese, nel Parco Burcina di Pollone, per la precisione? Infatti, non si stabilisce. E ci si deve accontentare di sapere che tutti e due svettano su nel cielo per oltre cinquanta metri, metro piu o metro meno. Ma se non ci si vuole accontentare si puo anche andare a vedere. Gli alberi pi alti. O quelli che raccontano le storie di San Francesco o dei Briganti o di Garibaldi: c' un libro che li racconta tutti ("Grandi alberi d'Italia". De Agostini). Lo hanno scritto i forestali.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news