LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

II conflitto tra antico e moderno nel disegno delle città
GABRIELE SIMONGINI
il Tempo 07-OTT-2005

NELLE città di oggi tra antico e nuovo non ci deve essere conflittualità, anzi dovrebbe prevalere un rapporto di dare ed avere reciproco». L'architetto ticinese Mario Botta, la cui fama internazionale si deve a progetti quali la riconversione del Teatro della Scala di Milano o il Mart di Rovereto, con queste parole sembra voler smussare gli angoli dell'aspro dibattito che divide i sostenitori dell'inserimento dell'architettura contemporanea nelle città storiche da coloro che invece difendono a spada tratta l'intoccabilità dell'antico. Al proposito sono ormai note le polemiche sulla sistemazione dell'Ara Pacis a Roma di Richard Meier o sul progetto della pensilina per gli Uffizi, a Firenze, di Arata Isozaki.
Il tema del rapporto fra antico e moderno nelle nostre città è stato appunto al centro di una conferenza tenuta dallo stesso Botta a Roma, a Villa Medici, in occasione della cerimonia di consegna del Premio Federico Zeri per lo studio del patrimonio culturale italiano. In realtà, la conferenza si è poi trasformata in dibattito con gli interventi di uno dei maggiori esperti di restauro architettonico, Paolo Marconi e di Bruno Zanardi, noto restauratore di cui vanno almeno ricordati gli interventi sulla Colonna Traiana e sugli affreschi del Sancta Sanctorum, a Roma. «L'architettura contemporanea - ha precisato Mario Botta - deve inserirsi nei contesti storici senza furore modernista ma anche senza nostalgia del passato. È troppo diffuso un sentimento passatista che è tipico di una società debole come la nostra, incapace di proporre grandi valori e quindi intenzionata a rifugiarsi nel passato. In una città italiana l'architetto lavora più su un territorio della memoria che non su un territorio fisico. L'unico modo di rispettare il passato è quello di essere autenticamente moderni. E comunque l'architettura contemporanea è un problema di qualità: il nuovo inventato da Carlo Scarpa è un valore aggiunto all'antico».
Proprio il tema della qualità architettonica ha provocato gli interventi di Zanardi e Marconi. Il primo ha denunciato il fatto che in Italia ci sono troppi architetti, circa 150.000. «Siamo nel paese del "tengo famiglia" - ha continuato Zanardi- e quindi ogni architetto, tramite conoscenze e canali di vario tipo, vuole mettere le mani su un progetto. E così nascono brutture di ogni tipo, specialmente nelle periferie. Si dimentica sempre che nell'antichità le cose si modificavano seguendo un ordine naturale ed armonioso, mentre oggi è tutto più selvaggio e incontrollato».
Secondo Paolo Marconi, il problema non sta nel numero di architetti quanto piuttosto nella loro formazione. «Oggi le Facoltà di Architettura - ha detto Marconi - sfornano gente spesso impreparata, capace solo di fare schizzi improbabili che vengono passati agli ingegneri per tutti i problemi realizzativi. Questa situazione difficile si può risolvere solo con una maggiore attenzione alla didattica».
L'ultima parola è stata naturalmente quella di Botta: «Le nostre città - ha detto il grande architetto - spesso sono brutte perché la nostra società è brutta. Nei prossimi decenni la sola urbanistica ragionevole sarà quella della demolizione, specialmente nelle periferie. E tra poco dovremo restaurare perfino il moderno, che spesso già cade a pezzi».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news