LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Giù le mani dai fondi per la Scala e Venezia». Centrosinistra e centrodestra contro la manovra
Enrico Marro
Corriere della Sera, 06/10/2005

Al teatro
Il ministro Rocco Buttiglione ha lanciato l'allarme contro il taglio di 200 milioni che la Finanziaria prevede per i fondi destinati ai Beni culturali. «A meno che non si voglia chiudere la Scala o i musei — ha avvertito Buttiglione — non siamo in grado di reggere una riduzione così drastica. In un anno il flusso turistico in Italia è diminuito dell'1%».

Al festival
Il bilancio dell'ultima Mostra del cinema di Venezia è all'ordine del giorno del consiglio di amministrazione della Biennale che si riunirà oggi. Tra le questioni sul tavolo ci saranno i tagli del 40% che la Finanziaria prevede al Fus. Intervento che potrebbe mettere a repentaglio la prossima edizione della Mostra del cinema.

ROMA — «O chiudiamo la Scala o chiudiamo i musei». Rocco Buttiglione. ministro dei Beni culturali la mette giù pesante. Del resto, lo scorso luglio, inaugurando la 35esima edizione del Giffoni Film Festival, aveva garantito: «Mai più tagli alla cultura». E invece, spiega ora lo stesso ministro, c'è una sforbiciata di 200 milioni di euro, aggiungendo: «Non siamo in grado di reggere una riduzione così drastica. Sono preoccupato: la memoria storica della nazione è facile da distruggere, ma è difficile da ricostruire. Il ministero è già sotto la soglia di sopravvivenza. Bisogna fermarsi adesso». Le parole del ministro trovano eco in quelle di Giovanna Melandri (Ds), già titolare dei Beni culturali nel governo Prodi, che ieri in prima pagina su Europa, il quotidiano della Margherita, ha denunciato uno «strabiliante taglio» al Fus, il Fondo unico per lo spettacolo, che finanzia cinema, teatro, musica, lirica, danza. Fus che, aggiunge Melandri, «fu lasciato dai governi dell'Ulivo nel 2001 alla cifra record di 516 milioni di euro» per scendere, conclude, ai 300 milioni previsti per il 2006.
E pensare che alla fine del '93 i sindacati e il mondo della cultura e dello spettacolo protestarono contro un taglio di 100 miliardi di lire previsto nella Finanziaria per il '94, che riduceva il Fus da mille a 900 miliardi di lire, lo stesso livello dell'82. Insomma, i tagli alla cultura sono una costante. Come le proposte per fronteggiarli. L'allora sottosegretario con delega sulla materia, Antonio Maccanico, lanciò l'idea, rimasta sulle cronache dei giornali, di compensare le riduzioni di fondi con «i soldi confiscati a Tangentopoli».
La prima della Scala era già «a rischio» dieci anni fa, quando il sovraintendente Carlo Fontana denunciava i tagli per l'opera lirica previsti dalla Finanziaria. E Carla Fracci, la regina della danza, propose: «Per salvarci tutti, riduciamo i nostri compensi. Io rinuncio al 15% del mio cachet». Che i tagli alla cultura non siano di destra o di sinistra, ma accomunino «tutti i governi» lo denunciò qualche anno fa il maestro Riccardo Muti, sdegnato davanti a una riduzione del Fus di 20,6 milioni di euro previsto dalla Finanziaria 2003. Poca cosa rispetto al taglio di 142 milioni previsto dalla manovra per il 2006. Il Fus passa infatti da 442 a 300 milioni. Vengono poi alleggeriti di 90 milioni gli investimenti per il patrimonio culturale, di 30 i fondi dal gioco del lotto destinati ai beni culturali e di 2 gli stanziamenti per il piano arte contemporanea. Lancia l'allarme Davide Croff, presidente della Biennale di Venezia, per le conseguenze che i tagli potrebbero avere sulla Mostra del Cinema. Per Vincenzo Vita (Ds), assessore alla Cultura della provincia di Roma, c'è il rischio di «ridurre gli orari dei musei, cancellare eventi e manifestazioni, chiudere biblioteche». Ma il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, non la pensa così. E insiste: ridurre sprechi e consulenze.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news