LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Reggia deve garantire un lavoro ai nostri cittadini
Gianni Giacomino
Stampa Torino 5/10/2005

Quale sar la destinazione definitiva della Reggia? Quante persone lavoreranno all'interno del mega complesso sabaudo? Che tipo di corsi occorre avviare per formare delle nuove professionalit? Ecco le tre domande fonda-menali alle quali da tempo cercano di dare una risposta gli amministratori dei comuni che gravitano nell'orbita della Reggia, a partire da Venaria, Druento e Robassomero. Cos i politici di zona hanno convocato una conferenza stampa nella quale stata presentata una lettera inviata ai vertici della Regione e della Provincia, dove si chiede di concretizzare una volta per tutte il vero futuro della Reggia, il pi grande cantiere culturale d'Europa che, secondo le stime, coster 10 milioni di euro all'anno solo per la manutenzione. Prima abbiamo badato al recupero architettonico della struttura - dicono Nicola Pollari e Carlo Vietti, sindaci rispettivamente di Venaria e Druento - adesso arrivata l'ora di programmare il futuro occupazionale legato all'ex dimora sabauda, basta con le ipotesi e gli intenti, le proposte e i sogni tenuto conto che entro il prossimo anno buona parte della Reggia sar fruibile al pubblico. Numeri, fino ad adesso, se ne sono snocciolati parecchi. Ma nessuno - precisa Pollari - in maniera definitiva, con cognizione.
Per questo gli amministratori propongono quello che hanno chiamato un tavolo di trattativa per la buona occupazione, un incontro fra la domanda e l'offerta reale di un lavoro. In poche parole la Reggia potrebbe garantire una consistente boccata di ossigeno alla crisi occupazionale che attanaglia la cintura nord-ovest. Anche perch ogni anno si presentano davanti ai nostri sportelli oltre 800 nuovi disoccupati che cercano una sistemazione dignitosa e molti sono anche uomini sulla quarantina che hanno appena perso il lavoro - sottolinea Maria Grazia Matta, la responsabile del Centro per l'Impiego di Venaria che raggruppa anche le realt di Druento, Pianezza, Alpignano, Val della Torre, La Cassa, San Gillio e Givoletto . Noi siamo pronti ad affrontare la nuova scommessa, ma, necessario capire quali siano le possibilit formative. Quali? Chi curer i giardini, chi lucider i pavimenti, chi spolverer statue e sculture, chi si occuper della sorveglianza. Profili definiti di basso livello, ma, indispensabili per il funzionamento di un meccanismo che si preannuncia pi complesso del previsto. E poi restano ancora altre mansioni che non sono mai state definite chiaramente - spiegano ancora Pollali e Vietti -. Non vorremmo che la manodopera venisse reperita all'esterno. La Reggia pu offrire un impiego a chi ne ha bisogno e alle categorie svantaggiate. Si parla di centinaia di nuovi posti di lavoro e di migliaia e migliaia di turisti che ogni anno dovrebbero riversarsi sulle rive del torrente Ceronda. Un'attesa che, per qualcuno, comincia a diventare troppo lunga.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news