LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Settis: biglietti più cari e meno visitatori. Così si finisce per chiudere tutti i musei
Andrea Di Robilant
La Stampa 5/10/2005

«I nostri musei non sono un optional, non sono ambienti decorativi a cui gettare ogni tanto qualche elemosina. Sono una ricchezza sulla quale investire. E invece, ancora una volta, dobbiamo registrare una disattenzione patologica della classe politica nei confronti dei nostri beni culturali». Salvatore Settis, direttore della Normale di Pisa, storico dell'arte, esperto di musei e museologia e autore di «Battaglie senza eroi», una raccolta di saggi su questi temi appena pubblicata da Electa, lancia una durissima accusa contro la classe politica. E avverte che quest'ultimo taglio al bilancio per i beni culturali mette seriamente a rischio l'attività museale nel nostro Paese.
Come spiega questa cecità cronica?
«Non credo in una congiura. L'unica spiegazione che ho è il singolare deficit culturale dei nostri politici. Ahimè trasversale».
Il ministro Buttiglione ha parlato di un taglio di 198 milioni di euro...
«Ma è molto superiore, tra i quattrocento e i cinquecento milioni, rispetto alle esigenze minime avanzate dal ministero in sede di bilancio».
Sembra impossibile che si arrivi a chiudere i musei.
«Invece è una conseguenza inevitabile. Alcuni musei cominceranno a chiudere sale, altri dovranno chiudere per alcuni periodi». In realtà ci stavamo abituando non solo a musei aperti ma anche ad orari più lunghi, con aperture serali.
«Un'esperienza molto positiva, che ci ha avvicinati ai musei europei. Ma è stato possibile grazie a personale variamente precario che bisogna poter pagare per tenere».
Il ministro propone di aumentare il costo del biglietto. E' una soluzione?
«Il calo dei finanziamenti porterà per forza al rialzo dei biglietti e così avremo meno visitatori. Non può essere questa la soluzione del problema. Il nostro obiettivo dovrebbe essere di attirare la gente nei musei, non di allontanarli. Avremo meno giovani, meno famiglie. Idealmente, i musei pubblici dovrebbero essere gratis».
Gratis?
«Noi non abbiamo mai coltivato una tradizione di questo tipo, ma per i britannici, ad esempio, sarebbe impensabile pagare il biglietto per andare alla National Gallery».
In realtà la finanziaria prevede il riassorbimento di alcuni precari. Può essere utile?
«I nostri beni culturali sono un patrimonio delicato. L'accesso al ministero non può essere possibile solo attraverso il precariato: abbiamo bisogno di personale tecnico di alto livello. Invece abbiamo sempre meno personale qualificato. Non ha senso stabilire un Codice dei beni culturali se poi non si ha il personale per applicarlo»..
E i concorsi?
«Saranno vent'anni che non si fanno più concorsi. L'età media del nostro personale tecnico è di 55 anni. Il 30 per cento delle sovrintendenze è retto da reggenti perché non abbiamo abbastanza dirigenti per riempire quei posti».
Come se ne esce?
«Un'inversione di tendenza nei finanziamenti e il ripristino dei concorsi»
Altrimenti?
«Se continuiamo di questo passo tra dieci anni i nostri musei saranno chiusi. E nelle sovrintendenze non ci sarà più nessuno».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news