LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tagli al Fus, il cinema sulle barricate
Lucia Coluccelli
ItaliaOggi 5/10/2005

Grande manifestazione nazionale a Roma del mondo dello spettacolo contro i tagli del ministro Tremonti. La prossima settimana ci sar una giornata di sciopero di cinema, teatri e conservatori. Per la prima volta, imprenditori e lavoratori insieme hanno deciso per una protesta corale contro i tagli del ministro dell'economia, Giulio Tremonti, al Fus (Fondo unico dello spettacolo), decurtato di 164 milioni di euro all'anno, per i prossimi tre anni, passando cos da 464 a 300 milioni. Le risorse del cinema precipiterebbero, cos, a quota 54 milioni di euro dagli 84 rimasti. L'Associazione per il teatro italiano, artisti operatori e tecnici, in particolare, ha organizzato luned sera un'assemblea al Teatro Sala Umberto di Roma contro i tagli.
Sono 50 mila i lavoratori a rischio e migliaia le aziende pronte a chiudere, gi in terribile sofferenza per la situazione di crisi in cui naviga lo spettacolo e il cinema, dichiarano le principali associazioni dello spettacolo e del cinema. Anche se verr approvato un taglio pi contenuto, la situazione talmente compromessa che sar difficile resuscitare un comparto gi vessato da ogni Finanziaria. Non ci resta che Ciampi. Domani, intanto, sar reso noto un comunicato di Agis (Associazione generale spettacolo), Anica (Associazione nazionale industrie cinematografiche), Api (Autori e produttori indipendenti), Anac (Associazione degli autori) e i sindacati Cgl, Cisl e Uil. Alla protesta si aggiunge anche quella di Gabriella Carlucci, deputata e responsabile dipartimento spettacoli di Forza Italia, che vuole continuare la propria battaglia in difesa dell'intero comparto, cominciata gi nei primi mesi del proprio mandato.
Stiamo organizzando la protesta, spiega Carlo Bernaschi, presidente Anem (Associazione multiplex aderenti all'Anica) e vicepresidente Anica. Il presidente Ciampi ha ribadito il ruolo insostituibile della cultura per la nostra identit storica. Lo spettacolo e il cinema sono elementi primari. I fondi del Fus sono passati da 464 milioni di euro a 300 milioni. Spariscono, poi, i fondi del Lotto (nel 2005 hanno messo a disposizione del cinema 8 milioni). Tutto il finanziamento del gruppo pubblico ricade nel Fus: aumentano quelli che hanno diritto a chiedere i finanziamenti e diminuiscono i fondi. Lo scorso anno sono stati finanziati 110 film, nel 2005 si sono ridotti a 50, e per il 2006 non si arriver a 25.
Le persone occupate nello spettacolo sono intorno alle 200 mila, aggiunge Alberto Francesconi, presidente Agis, che ricorda anche come l'Agis abbia elaborato negli ultimi mesi un progetto di riforma del Fus che verr presentato nei prossimi giorni. Intanto, con i tagli attuali, anche il fondo per i cinema d'essai si riduce da 2,7 milioni al milione. Arischio la Biennale Cinema, il Centro sperimentale di cinematografia.
Inutile continuare a chiedere fondi al Fus, prosegue il produttore Sandro Silvestri dell'Api, meglio puntare sulla tassa di scopo annunciata dal ministro per i beni culturali, Rocco Buttiglione. Non sarebbe solo l'esercizio a pagare questa tassa con un minor ricavo sui biglietti, anche le televisioni, free e pay, l'home video e Internet contribuirebbero. Sarebbe un mezzo per evitare anche festival come Taormina. Ci sarebbero pi soldi anche per trasformare le sale.
Ma sul punto si apre il dibattito. Infatti Paolo Protti, presidente dell'Anec (Associazione nazionale esercenti cinema), pur esprimendo grande amarezza alla notizia dei tagli violenti al Fus, ribadisce un fermo no all'introduzione della tassa di scopo che finirebbe per gravare sul prezzo del biglietto e non intaccare le tv. Gianni Massaro, presidente dell'Anica, invoca i tax shelter, almeno per le industrie cinematografiche come fece gi la legge Lagorio, n. 163 del 30/4/85. Infatti, allora, venne introdotta la possibilit per le industrie cinematografiche di defiscalizzare i soldi reinvestiti nelle produzioni, conclude Massaro. Con le agevolazioni si produssero molte pellicole. Potrebbe essere il primo passo verso tax shelter per tutti mai approvati in Italia, al contrario di molti paesi, come Canada e Germania.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news