LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'arte di oggi non sa esprimere il senso del sacro
Stefano Zecchi
il Giornale 5/10/2005

Quale arte comunica il senso del sacro? Quella in grado di trasferire nella forma la spiritualità di un'epoca, il senso della tradizione e l'identità di un popolo. Ogni tempo e ogni popolo hanno trovato nell'arte il riferimento concreto, sensibile, visibile per la testimonianza della fede, per l'esercizio del culto religioso e per la comprensione della bellezza ineffabile della trascendenza e dell'infinito. Non sono necessarie particolari conoscenze di storia o di filosofia dell'arte per capire come il rapporto tra l'arte e la dimensione del sacro sia sempre stato vitale nella storia dell'uomo. In ciò che l'arte rappresenta, si riconosce il popolo, e nella differenza degli stili artistici si esprime la bellezza che l'uomo ha cercato di imprimere alla materia per sottrarla all'assenza di significato e per consegnarle un valore di verità. Anche un bambino rimane incantato di fronte a una cattedrale, alla sua magnificenza, alla sua potenza espressiva. E la meraviglia, lo stupore per la bellezza sono ciò che avvicina, quasi con istintiva immediatezza, la persona al significato simbolico a cui l'opera rinvia. Insomma, una chiesa non è soltanto una costruzione di pietra o di mattoni ma è ciò che è in grado di evocare qualcosa di più della sua semplice struttura materiale. Questo è il miracolo dell'arte: un linguaggio che racconta all'uomo ciò che i suoi occhi, da soli, non sanno vedere; un linguaggio che apre il cuore dell'uomo a una verità che la ragione, da sola, non sa cogliere. Ma quest'arte è possibile perché è proprio ciò che vuole l'artista ed è proprio ciò che il popolo ha sempre chiesto all'artista. Fino a poco fa, fino a quando l'educazione estetica era al centro della formazione dell'uomo, fino a quando la bellezza era la forma sensibile con cui si rappresentava la verità. Il Novecento si abbatte come una mannaia distruttrice sul valore dell'educazione estetica. E infatti il Novecento è il secolo che, nella millenaria storia dell'uomo, ha maggiormente teorizzato il brutto della forma dell'arte. Perché si è potuta celebrare con gioiosa enfasi la distruzione della bellezza e lo sbeffeggiamento dell'educazione estetica? Essenzialmente a causa della pervasività che nel Novecento ha avuto lo sviluppo del sapere scientifico. Ecco, allora, che la verità non appartiene più alla bellezza dell'arte: la validità della conoscenza è proprietà della, scienza, che è, ovviamente, del tutto indifferente alla bellezza del mondo. Lo scienziato si preoccupa del progresso, non del bello. E infatti abbiamo uno straordinario sviluppo tecnologico e un disastro per quanto riguarda la difesa del bello. Di per sé questo fenomeno potrebbe essere archiviato come un effetto secondario dello sviluppo scientifico. In fondo, cos'è la bellezza di fronte alla grandiosa importanza della tecnologia? Poca cosa, si potrebbe rispondere, se non fosse per il nichilismo - vera malattia spirituale del nostro tempo - che è la conseguenza della distruzione della bellezza. Perché un artista, come Duchamp. può affermare che un orinatoio può essere arte? Perché considera l'arte nulla di simbolico, nulla che rimandi al senso del sacro e della trascendenza. Ci si può stupire. allora, che Piero Manzoni consideri aste la. sua merda e che questa sia esposta nel museo di arte contemporanea di New York? E così arriviamo ai bambini di Cattelan impiccati a un albero di Milano: solo pupazzi, certo, che però stanno a dire come l'arte sia solo provocazione. Come stupirsi, allora, se le chiese sembrano dei bunker, come quella a Gibellina di Quaroni? La chiesa viene considerata una semplice cosa che non può celebrare un sentimento alto come quello religioso, perché l'arte non ha più alcuna funzione celebrativa e simbolica. Questo è il nichilismo del nostro tempo, che l'arte contemporanea rappresenta. C'è grande necessità di riappropriarci del significato dell'educazione estetica sia per sottrarre la bellezza al mondo dell'effimero in cui il nichilismo moderno l'ha relegata, sia per restituire all'arte la sua funzione simbolica.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news