LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'arte di oggi non sa esprimere il senso del sacro
Stefano Zecchi
il Giornale 5/10/2005

Quale arte comunica il senso del sacro? Quella in grado di trasferire nella forma la spiritualit di un'epoca, il senso della tradizione e l'identit di un popolo. Ogni tempo e ogni popolo hanno trovato nell'arte il riferimento concreto, sensibile, visibile per la testimonianza della fede, per l'esercizio del culto religioso e per la comprensione della bellezza ineffabile della trascendenza e dell'infinito. Non sono necessarie particolari conoscenze di storia o di filosofia dell'arte per capire come il rapporto tra l'arte e la dimensione del sacro sia sempre stato vitale nella storia dell'uomo. In ci che l'arte rappresenta, si riconosce il popolo, e nella differenza degli stili artistici si esprime la bellezza che l'uomo ha cercato di imprimere alla materia per sottrarla all'assenza di significato e per consegnarle un valore di verit. Anche un bambino rimane incantato di fronte a una cattedrale, alla sua magnificenza, alla sua potenza espressiva. E la meraviglia, lo stupore per la bellezza sono ci che avvicina, quasi con istintiva immediatezza, la persona al significato simbolico a cui l'opera rinvia. Insomma, una chiesa non soltanto una costruzione di pietra o di mattoni ma ci che in grado di evocare qualcosa di pi della sua semplice struttura materiale. Questo il miracolo dell'arte: un linguaggio che racconta all'uomo ci che i suoi occhi, da soli, non sanno vedere; un linguaggio che apre il cuore dell'uomo a una verit che la ragione, da sola, non sa cogliere. Ma quest'arte possibile perch proprio ci che vuole l'artista ed proprio ci che il popolo ha sempre chiesto all'artista. Fino a poco fa, fino a quando l'educazione estetica era al centro della formazione dell'uomo, fino a quando la bellezza era la forma sensibile con cui si rappresentava la verit. Il Novecento si abbatte come una mannaia distruttrice sul valore dell'educazione estetica. E infatti il Novecento il secolo che, nella millenaria storia dell'uomo, ha maggiormente teorizzato il brutto della forma dell'arte. Perch si potuta celebrare con gioiosa enfasi la distruzione della bellezza e lo sbeffeggiamento dell'educazione estetica? Essenzialmente a causa della pervasivit che nel Novecento ha avuto lo sviluppo del sapere scientifico. Ecco, allora, che la verit non appartiene pi alla bellezza dell'arte: la validit della conoscenza propriet della, scienza, che , ovviamente, del tutto indifferente alla bellezza del mondo. Lo scienziato si preoccupa del progresso, non del bello. E infatti abbiamo uno straordinario sviluppo tecnologico e un disastro per quanto riguarda la difesa del bello. Di per s questo fenomeno potrebbe essere archiviato come un effetto secondario dello sviluppo scientifico. In fondo, cos' la bellezza di fronte alla grandiosa importanza della tecnologia? Poca cosa, si potrebbe rispondere, se non fosse per il nichilismo - vera malattia spirituale del nostro tempo - che la conseguenza della distruzione della bellezza. Perch un artista, come Duchamp. pu affermare che un orinatoio pu essere arte? Perch considera l'arte nulla di simbolico, nulla che rimandi al senso del sacro e della trascendenza. Ci si pu stupire. allora, che Piero Manzoni consideri aste la. sua merda e che questa sia esposta nel museo di arte contemporanea di New York? E cos arriviamo ai bambini di Cattelan impiccati a un albero di Milano: solo pupazzi, certo, che per stanno a dire come l'arte sia solo provocazione. Come stupirsi, allora, se le chiese sembrano dei bunker, come quella a Gibellina di Quaroni? La chiesa viene considerata una semplice cosa che non pu celebrare un sentimento alto come quello religioso, perch l'arte non ha pi alcuna funzione celebrativa e simbolica. Questo il nichilismo del nostro tempo, che l'arte contemporanea rappresenta. C' grande necessit di riappropriarci del significato dell'educazione estetica sia per sottrarre la bellezza al mondo dell'effimero in cui il nichilismo moderno l'ha relegata, sia per restituire all'arte la sua funzione simbolica.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news