LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENOVA: Palazzo Reale raddoppia le sale e "apre" sul mare
MICHELA BOMPANI
04/10/2005, La Repubblica, Genova



QUANDO la riqualificazione parte da un museo. Ci prova Pré, dove il prestigioso Palazzo Reale sta per cominciare i lavori [a dicembre) di espansione delle sale espositive, inglobando una palazzina incastonata in via Gramsci: e sarà la rivoluzione. Verrà infatti aperto un nuovo accesso al museo, angolo piazza Statuto. Così, da dicembre 2006, dal Porto Antico, basterà attraversare la strada, per varcare la soglia della dimora dei Savoia. Senza dover passare dall'ingresso principale, in via Balbi.
Non solo, il direttore del museo, Luca Leoncini, ha un'agenda fitta: a cominciare da una visita (ex) reale. A dicembre, saranno infatti Emanuele Filiberto e la consorte ad inaugurare, dopo dieci anni di vicissitudini, l'appartamento del Duca degli Abruzzi, interamente ripristinato nelle sue dieci stanze. Con l'ultima franche di lavori da 500.000 euro, sono state ricostituite filologicamente le ultime tre stanze
a sud, chiuse dagli anni Sessanta. L'apertura dell'appartamento del Duca coinciderà con l'inizio dei lavori di raddoppio del museo. Nelle sale ora occupate dalla Soprintendenza del Patrimonio, che delimitano il giardino, verrà ripristinata una Biblioteca con 6000 volumi: si tratta della collezione originaria del Palazzo. Venne dispersa, ma ricostruita puntualmente, e quasi interamente, da un privato. Che ora è pronto a venderla al museo. Poi,
è già stata acquisita la palazzina che da piazza Statuto, in via Gramsci, sale su fino a quota del giardino del Reale: qui saranno allestite, in dodici mesi, nuovi spazi espositivi e soprattutto si aprirà il secondo ingresso al museo.
In più, in via Balbi, accanto all'accesso principale, apriranno a giugno 2006 la caffetteria e il bookshop di Palazzo Reale, fruibili indipendentemente dalla galleria nazionale. «L'obiettivo è
di riportare il palazzo allo splendore del Settecento, quando era uno dei motivi per cui si faceva un viaggio a Genova», spiega Luca Leoncini. Alla vigilia della rivoluzione, che riattiverà la presenza di visitatori in via Balbi ma soprattutto presso la nuova porta di Gramsci, Leoncini guarda al territorio: «II museo dovrà essere uno dei motori della riqualificazione». Non a caso sta lavorando ad una guida Sagep, di prossima pubblicazione, che s'intitola proprio "II borgo di Prè", una puntuale ricognizione storica del tessuto in cui dal 1643 s'incastona la reggia Balbi (poi Durazzo), che Carlo Felice trasformò in Savoia dal 1823.
«Con i grandi epreziosi restauri del Comune — spiega Leoncini— questa zona sta rinascendo: sono ottimista, ma dobbiamo dare tempo al tempo. Immagino il quartiere di Pré fatto di tanti buoni ingredienti: gli studenti, il museo, l'università, il porto antico, e ovviamente l'integrazione». Con la supervisione del soprintendente ai Beni Architettonici,
Giorgio Rossini, e del Direttore generale Liliana Pittarello, l'operazione Reale è dunque iniziata, nonostante l'imbuto della Finanziaria.
L'appartamento del Duca degli Abruzzi, ricostituito nei più piccoli particolari, grazie anche al ritorno in via Balbi dei mobili originali (erano stati trasferiti in Prefettura, per arredare l'appartamento del Presidente della Repubblica) . Gli architetti Manuela Salvitti e Raffaele Colombo hanno ricavato due ulteriori sale espositive e firmato il progetto di caffetteria e bookshop: gli arredi saranno disegnati ad hoc dall'architetto Stefano Fera. Nonostante il crollo di visitatori, che ha investito tutta la città nell'estate 2005, il Reale può contare su una mediadi 40.000 ingressi l'anno:e Leoncini sta cucendo un calendario espositivo per un altro luogo affascinante del museo, il teatro del Falcone. Nel2006unamo-stra su Ippolito Caffi e, nel 2007, un'esposizione dedicata a Valerio Castello, curata con la soprintendente Marzia Cataldi Gallo.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news