LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ALTAMURA: Cava dinosauri, ci sono i fondi
La Gazzetta del Mezzogiorno(NordBarese), 04/10/2005


ALTAMURA Importante passo avanti per l'apertura al pubblico della cava delle impronte dei dinosauri di 80-75 milioni di anni fa. È stato sottoscritto un accordo tra il Comune e la Ecospi (la società che è proprietaria della cava) per valorizzare l'eccezionale ritrovamento paleontologico scoperto nel 1999 restituendolo alla fruizione collettiva. Già disponibile un finanziamento di un milione di euro che rischiava di andare perso. È ancora presto per dire quando il sito sarà aperto. Tutto dipende dalle prossime tappe. Sta di fatto che il protocollo d'intesa firmato dal Comune e dall'Ecospi scioglie gran parte dei nodi irrisolti. Grazie all'intesa siglata dal sindaco Mario Stacca e dall'amministratore unico della Ecospi, Vincenzo Fiore, infatti, si può iniziare materialmente ad agire ed a realizzare interventi. L'obiettivo del protocollo è infatti «la valorizzazione del bene ai fini della pubblica fruizione». La Ecospi infatti «si obbliga a consentire la pubblica fruizione della cava» dopo alcuni lavori di «musealizzazione» del sito. Inoltre sono previsti interventi di promozione «a carattere turistico-ricettivo». È a disposizione del Comune un finanziamento di un milione di euro derivante dall'accordo di programma quadro del 2003 fra il Ministero per i beni e le attività culturali e la Regione Puglia. La Soprintendenza Archeologica, che quale ente periferico statale si occupa della paleosuperficie, cioè il giacimento vero e proprio, ha trasferito il finanziamento al Comune per snellire le procedure. Il Comune ha accettato. Ora sono stati perfezionati gli accordi. Ed inizia così una corsa contro il tempo. Il finanziamento va impegnato entro il 31 dicembre. Servirà per interventi di conservazione delle piste di impronte, sotto la sorveglianza della Soprintendenza, e per interventi a carattere turistico-ricettivo e didattici. Sul sito occorre inoltre attivare un Centro visite di cui è già esistente il fabbricato. Dunque, le «carte» ora sono messe a posto. Le tre parti hanno disciplinato i rapporti. Già previsti anche i canoni da versare: dal Comune alla Soprintendenza (2500 euro all'anno per l'uso delle immagini) e dalla Ecospi al Comune (5000 euro all'anno per le attività di valorizzazione della paleosuperficie). Già domani è quindi convocata una riunione operativa per mettere in campo le prime iniziative concrete. Un'apertura in grande stile, con Centro visite funzionante, nell'immediato non è possibile. In tempi brevi è più probabile l'apertura del sito per scolaresche o per piccoli flussi di visitatori. Il che, dopo questi anni in cui la cava ha fatto parlare più della sua chiusura che in termini positivi, è un inizio promettente. «Esprimo a chiare lettere la mia più grande soddisfazione per i passi che l'amministrazione, dal mio insediamento, è riuscita a compiere - dice entusiasta il sindaco Mario Stacca -. È stato appena compiuto un passaggio cruciale per l'apertura del sito anche se il nostro lavoro non è terminato. Stiamo per raccogliere i frutti di un paziente lavoro di confronto e di intese. Voglio ricordare che il Comune sta svolgendo un compito importante per l'apertura del sito pur non avendone una diretta competenza ma è assolutamente fondamentale restituire a tutti un bene di portata mondiale. Con la Soprintendenza e la Ecospi c'è massima collaborazione». Onofrio Bruno

04/10/2005







news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news