LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Esercito far rinascere i tesori afgani
Maurizio Piccirilli
Il Tempo, 4/10/2005

Tesori nascosti. Dimenticati e degradati da trenta anni di guerre e oscurantismo. Le testimonianze artistiche e culturali dell'Afghanistan stanno per tornare alla luce della conoscenza del mondo. Artefice di questo quasi miracolo l'Esercito italiano. A Herat, capitale della regione occidentale dell'Afghanistan, sede di un Pct, provincial construction team, a guida italiana , da tre mesi al lavoro un tenente della riserva selezionata che ha ricevuto un ordine preciso: catalogare i monumenti e le opere d'arte e definirne lo stato di degrado. Elena Croci, giovane milanese esperta di comunicazione d'arte, professione che svolge in autonomia per banche e grandi imprese valorizzando la loro immagine attraverso il mecenatismo, consigliando anche cosa acquisire nell' settore, ha preso il suo compito con molta seriet. Lontano dalle scrivanie di design, dai riti dei vernissage eccola tra le polverose strade della provincia di Herat, mimetica giubbotto anti proiettile e macchina fotografica. un'esperienza che mi coinvolge moltissimo - confida con una voce squillante che d corpo al suo entusiasmo - Sto facendo ricognizione del patrimonio culturale dell'Afghanistan scoprendo cose incredibili. Ormai ho raccolto tanti dati per pubblicare un libro.
Herat una provincia ricca da questo punto di vista. Citata nelle Mille e una notte, vanta origini antiche?
Alessandro Magno passato da qui. E nonostante le crisi politiche che hanno attraverso nei secoli questo paese sono ancora molte le testimonianze di un certo valore. Fino al '500 si sono succedute e sovrapposte diverse culture che hanno lasciato tracce importanti.
Alcune di queste sono simboli di Herat.
Certamente, basti pensare alla moschea del Venerd conosciuta come Masjid-i-Jami, uno degli edifici islamici pi belli al mondo. Il bazar di Char Suq, la fortezza. La madrassa costruita nel 1400 da Shah Ruk moglie di Tamerlano. La sua tomba un altra testimonianza importante e sorge vicino alla scuola coranica. Non si pu dimenticare poi il complesso religioso di Gazar Gah dove si trova la tomba del mistico sufi. Sulla strada che conduce a Kabul c' il minareto di Jam alto 65 metri.
Qual' lo stato di salute di queste strutture?
In genere molto degradata. Alcuni di questi monumenti sono sotto l'egida dell'Unesco ma per ragioni di sicurezza poco stato fatto finora. E in alcuni casi ci sono stati interventi molto discutibili come il restauro di alcune maiolica di epoca tumiride, dei tempi di Tamerlano appunto che stato molto approssimativo. Il minareto di Jam e stato solo ancorato con dei cavi d'acciaio. C' molto da fare e la documentazione voluta dall'Esercito italiano sar uno strumento molto utile.
Alessandro Magno, Tamerlano, ogni pietra trasuda storia?
Ancora di pi. Qui sono passati anche i re persiani, Ciro il Grande Dario fino all'invasione degli unni bianchi di Tamerlano. Ecco le opere importanti rimaste sono proprio di questo periodo.
Ha scoperto qualcosa di particolare?
Una cosa che pochi sanno la presenza di un antico ghetto ebraico nella cittadella di Herat. Fino al 1979, prima dell'invasione sovietica, c'erano cinque sinagoghe e un hammam. Ora una stata trasformata in moschea le altre in madrasse. L'hammam rimasto tale ma musulmano. Anche per questo esiste un progetto di recupero dell'Unesco. La moschea del venerd in uno stato di degrado enorme. Dei 18 minareti ne sono rimasti in piedi cinque e uno senza interventi rapidi non resister a lungo.
Nessuno interviene?
I militari italiani stanno facendo questo lavoro di censimento che potr servire da punto di partenza. Ci sono alcune Ong che si stanno occupando del recupero. Le Ong che fanno riferimento all' Unesco si sono di fatto ritirate. Sta invece facendo un buon lavoro quella del'Aga Khan. Utilizzano manodopera locale alla quale insegnano anche tecniche e metodi di restauro utilizzando antiche procedure. Questo consenti di infondere nella popolazione anche il senso di appartenenza e tradizione perse negli anni della guerra.
E L'Italia cosa fa?
Molto i soldi stanziati sono stati tutti utilizzati. Altri Paesi europei tengono invece ancora i cordoni della borsa stretti.
Come si trovata come donna a girare in un Paese con li atteggiamento oscurantista?
La divisa mi ha molto aiutato. Essere italiana e indossare la mimetica dell'Esercito sono stati ottimi lasciapassare. I soldati italiani hanno una capacit di socializzare e di sviluppare rapporti che consentono di stabilire buoni rapporti con la popolazione. Come donna ho cercato di non provocare la suscettibilit di alcuno. Ho sempre il berretto in testa, aspetto sempre che sia l'interprete a introdurmi. Ma quando vengono a sapere cosa sto facendo con la macchina fotografica e il blocchetto degli appunti anche gli anziani mi stringono la mano. Ecco, forse il senso del lavoro che l'Esercito mi ha ordinato in quelle strette di mano.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news