LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paul Getty, True si dimette
C.Man.
Messaggero, Roma, 4/10/2005

La direttrice lascia l'incarico: accusata di truffa

Al centro della contesa ci sono 42 pezzi etruschi e romani che sarebbero stati comprati illegalmente da "tombaroli" e da altri scavi illeciti. Un contenzioso tra Stati Uniti e Italia che vede al centro la restituzione di migliaia di reperti archeologici che il museo americano "Getty" avrebbe acquistato da mercanti d'arte clandestini. Tanto che proprio ieri la curatrice del Museo, Marion True, ha annunciato le sue dimissioni, ufficialmente a causa di un prestito illecito che avrebbe ricevuto in passato per l'acquisto di una casa in Grecia. In realtà, dietro la rinuncia al suo incarico, che ricopriva dal '96, si celerebbero le forti pressioni per una vicenda giudiziaria che dura ormai da anni e che potrebbe concludersi il 16 novembre prossimo, quando la True, davanti al giudice del Tribunale penale della Capitale, dovrà rispondere dell'accusa di associazione per delinquere, ricettazione ed esportazione clandestina di reperti archeologici provenienti da scavi illeciti.
La notizia delle sue dimissioni arriva proprio nel giorno in cui tre importanti opere del Getty Museum stanno per fare ritorno nel nostro paese: un cratere di Asteas, pittore di Paestum, un'epigrafe greca proveniente da Selinunte e un candelabro etrusco in bronzo. La restituzione, annunciata dal ministro dei Beni culturali Rocco Buttiglione. è un passo verso la soluzione di una vicenda che dura ormai da anni e che vede nel mirino della magistratura la collezione che il miliardario Jean Paul Getty avrebbe accumulato negli anni nei musei e nella villa di Malibù. Un vero tesoro fatto di opere d'arte che per legge devono tornare in Italia. Soprattutto perché, secondo quanto emerso nell'inchiesta del pm romano Paolo Ferri, i responsabili erano a conoscenza dell'origine clandestina. Dal '96, infatti, quando ha assunto la cura del Museo Getty, la True avrebbe acquistato opere d'antichità per un valore di 30 milioni di dollari, molte delle quali rubate. Secondol'accusa italiana, in particolare, i pezzi sarebbero stati comprati da "tombaroli", nonché dal deposito svizzero intestato al mercante d'arte romano Giacomo Medici, e scoperto a Ginevra nel 1995, dove sarebbero stati conservati oltre cinquemila esemplari trafugati dall'Italia. Per questo, l'ex gallerista è stato condannato il 4 marzo scorso a dieci anni di reclusione e a dieci milioni di euro di risarcimento allo Stato italiano. La posizione della True e di tutto il Museo di proprietà del defunto miliardario Jean Paul Getty, si è ulteriormente aggravata, dopo un'inchiesta del "Los Angeles Times" che citava alcuni documenti interni secondo i quali lo stesso fondatore e i suoi più stretti collaboratori erano a conoscenza della provenienza delle opere.




news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news