LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino in pista senza l'auto
Max Lib
Finanza & Mercati, 4/10/2005

una questione di sopravvivenza: Torino deve trovare un nuovo assetto economico. Morsa da questa necessit, stata la prima citt in Italia a dotarsi, alla fine degli anni '90, di un piano strategico di sviluppo, sull'esempio di Barcellona, Francoforte, Glasgow. Il principale punto di riferimento nell'elaborazione di questa visione del futuro l'associazione Torino Internazionale creata dall'ex sindaco Valentino Castellani, con l'obiettivo di coinvolgere i principali attori del territorio: enti pubblici, aziende private e organizzazioni di categoria, circoli culturali, centri di ricerca e altri. Cambiata l'Amministrazione, i compiti della struttura sono rimasti. Torino Internazionale ha continuato a operare e ora impegnata a definire un nuovo piano. Non si tratta di imporre misure dirigiste, bens di creare una visione condivisa degli interventi necessari, dice Giuseppe Berta, docente presso l'Universit Bocconi, che ha coordinato la stesura della bozza. E aggiunge: E' giunto il momento di tirare le fila del lavoro svolto in questi anni, verificare la fattibilit dei diversi interventi suggeriti, promuoverne la realizzazione. Il denominatore comune la transizione verso una societ della conoscenza. In termini pi concreti: Torino sta cercando di individuare nuove aree di attivit nel settore dei servizi. E di recuperare, in questa chiave, anche la tradizione industriale della citt. Ormai i confini tra produzione industriale e terziario sono decisamente sfumati, rileva Berta. Il collante tra i due mondi rappresentato da una forte iniezione di innovazione e hi-tech. da rilevare che in Piemonte le attivit di ricerca hanno una incidenza sul pil pari all'1,4%. Pu sembrare poco, ma in realt una percentuale quasi doppia rispetto a quella della vicina Lombardia. Non solo, ma l'81% dei budget gestito e finanziato dall'industria privata: caso pressoch unico in Italia (la media nazionale del 50%). Infine il 90% di queste attivit localizzato proprio nell'area metropolitana del capoluogo piemontese. In questo contesto un obiettivo strategico rappresentato da un maggior coinvolgimento della ricerca universitaria. In particolare un ruolo chiave attribuito al Politecnico, identificato come un centro di eccellenza della citt. E' una struttura in grado di effettuare con grande efficienza ricerche anche per conto di committenti esterni, rileva Mario Deaglio, docente di Economia all'Universit. Al Politecnico viene ora offerta l'opportunit di diventare il punto di riferimento per le strategie di ricerca della citt, in contropartita di un impegno a localizzare ulteriormente la propria attivit su filiere che abbiano concreti sbocchi produttivi. Tra le iniziative avviate che gi seguono questo modello, la pi significativa il distretto dell'Ict (Information and communication technology) coordinato da un'apposita fondazione, Torino Wireless. Oltre al Politecnico e alle altre universit piemontesi sono coinvolti il centro di ricerca Telecom che ha ereditato le strutture dello Cselt (ex gruppo Stet) con pi di un migliaio di ricercatori.
Partecipano anche l'Istituto Boella, che lavora a stretto contatto con ST Microelectronics, un centro di ricerca applicata del gruppo Motorola, il gruppo Alenia, l'Istituto Galileo Ferraris. Compito di Torino Wireless: coordinare le attivit dei soggetti partecipanti, identificare temi comuni di ricerca e soprattutto puntare allo sviluppo di nuove attivit imprenditoriali. Con questo obiettivo il Distretto mette a disposizione di start up e di piccole e medie imprese spazi per insediarsi, servizi di progettazione microelettronica, ricerca di fornitori, realizzazione di prototipi, consulenza imprenditoriale. Sono coinvolte nell'iniziativa anche le principali istituzioni finanziarie della citt: San Paolo Imi attraverso la Compagnia di San Paolo e Unicredit attraverso la Fondazione della Cassa di Risparmio di Torino. Una delle leve individuate per il successo dell'operazione infatti il coinvolgimento di strutture di venture capital. Il tracciato aperto da Torino Wireless, stando alle indicazioni del nuovo piano, andrebbe esteso anche ad altre realt e in primo luogo alla biochimica. In questo settore gi operante un Bioindustry park localizzato nel Canavese, attrezzato con propri laboratori, cui partecipano la Bracco, la Serono, il Cnr, le universit del Piemonte e altri soggetti. Ulteriori aree di intervento individuate sono la cosiddetta filiera della salute con un esteso utilizzo di servizi di telemedicina e assistenza decentrata, il consolidamento del polo aeronautico (Fiat Avio, Alenia), che attualmente occupa oltre 10mila addetti, e altre attivit ancora. Ma non solo in direzione del terziario produttivo che Torino si sta orientando. Alla ricerca di nuove vocazioni ha scoperto di avere numerose carte da giocare nel settore delle attivit culturali e del turismo. Nella vecchia capitale dell'auto erano considerate, sotto il profilo economico, come un asset marginale. Questa visione radicalmente mutata e la citt ora impegnata nel progetto di recupero delle residenze sabaude e della tenuta di Venaria Reale. Ha anche preso la decisione di valorizzare i suoi musei. Si tratta in particolare del Museo egizio, di quello di Rivoli e della Galleria d'arte moderna che hanno acquisito nuove collezioni. In questo contesto Torino si anche attivata con successo per ospitare una serie di grandi eventi internazionali. L'agenda fitta di impegni: le Olimpiadi invernali del 2006 saranno seguite da Universiadi, Campionati mondiali di scherma e di scacchi, Congresso mondiale degli architetti, delle societ mondiali del design industriale (Icsid) e dalle manifestazioni previste in seguito alla scelta della citt come capitale mondiale del libro. La citt si muove anche per recuperare un ruolo nella produzione cinematografica e televisiva. Fino alla fondazione di Cinecitt, voluta e finanziata dal regime fascista, Torino era la capitale del cinema italiano e il centro della citt era circondato da studi di posa. Un piccola Hollywood, insomma. Ora, dopo aver rilanciato il Museo del Cinema, con i fondi del Comune, della Regione e il supporto del Politecnico ha aperto un centro di produzione (virtual reality and multimedia park) affidandolo in gestione a un gruppo privato. Il centro dotato di due grandi studi di posa e di attrezzature d'avanguardia nel campo della postproduzione e degli effetti speciali (immagini virtuali e compositing). Le iniziative, insomma, non mancano. Commenta Deaglio: innegabile l'esistenza di un clima di risveglio anche se molti problemi restano aperti. Ad esempio manca una forte presenza di giovani. Non solo, ma consapevole di dover cambiare, la vecchia capitale dei Savoia non si mai liberata dalle nostalgie di chi, in fondo, preferirebbe lasciare le cose come stanno. Rileva Deaglio La via pi lunga della citt si chiama tuttora Corso Unione Sovietica: dedicato a un Paese che non esiste pi da 15 anni.



news

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

12-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 12 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news