LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

campania: Monumento con rifiuti, battaglia da vincere
03/10/2005 Il Mattino



RISPONDE PIETRO GARGANO

Gentile dottor Gargano,
sono membro del consiglio direttivo del Gruppo Archeologico Napoletano, associazione di volontariato che da oltre trent'anni impegnata nella tutela dei beni e dell'identit culturale della nostra citt. Da tempo abbiamo avviato un monitoraggio dei monumenti a rischio, al fine della segnalazione alle autorit preposte. Tra questi vi il colombario romano in via Pigna lato Soccavo. Si tratta di un monumento funerario, in parte tagliato quando nell'Ottocento fu tracciata la via Miano-Agnano "dei canapi", di cui l'attuale via Pigna costituisce un tratto. Malgrado tale menomazione, ancora leggibile, con le classiche celle che ospitavano le olle cinerarie.

Inoltre l'unico monumento di et antica sopravvissuto al sacco urbanistico di questa zona e per la sua ubicazione a fronte strada, se opportunamente valorizzato, potrebbe essere fruibile anche da parte dei distratti passanti. Invece ridotto a una sorta di discarica a cielo aperto, a causa dell'infelice scelta di appoggiarvi cassonetti dei rifiuti. Questa storia va avanti da molto. In seguito a pressanti solleciti nei confronti di Circoscrizione, Comune e Asa, qualche anno fa ottenemmo lo spostamento sul marciapiede di fronte, che venne opportunamente tagliato, dell'unico cassonetto allora esistente. Ma il problema si riproposto di nuovo, quando in prossimit del monumento sono state collocate due campane per la raccolta differenziata ed stato ricollocato il cassonetto per i rifiuti umidi. Vi si inoltre ben presto accumulata un'ingente quantit di immondizia sversata abusivamente, che rendeva quasi invisibile il colombario e non veniva rimossa. Ho segnalato tale situazione tra fine giugno e gli inizi di luglio al Comune e alla Soprintendenza Archeologica, ricevendo risposta solo da quest'ultima, che riferiva di aver interessato Comune e Circoscrizione per i provvedimenti necessari. Effettivamente i contenitori sono stati dislocati altrove dopo qualche giorno (tale rimozione ha reso possibile la visione completa del monumento, da tempo preclusa, e ha cos evidenziato i danni alle strutture causati dagli abusi), ma poco dopo ricomparso il famigerato cassonetto per i rifiuti umidi. Potr immaginare, nella situazione di emergenza rifiuti che sta vivendo la citt, quale sia oggi l'aspetto del monumento, che corre il rischio di essere ulteriormente danneggiato da eventuali incendi di immondizia, come gi accaduto in passato. Ho chiesto nuovamente l'intervento di Comune e Soprintendenza il 13 agosto, ma la situazione non cambiata. A seguito di ulteriori solleciti il Comune ha fatto presente laltro giorno di aver interessato l'Asa. Speriamo che qualcosa venga fatto. Quello che lascia sgomenti il pensiero che non si riesca a ottenere una cosa cos semplice e ovvia come lo spostamento di un cassonetto. E viene da chiedersi se c' qualche pubblico amministratore - a qualunque livello - che, monitorando in via istituzionale il territorio o passando solo per caso, decida di farsi parte attiva per far cessare simili scempi senza bisogno dei solleciti dei cittadini.
Gaetano Barbarulo -

NAPOLI Con quello che si vede in giro, la battaglia del dottor Barbarulo e dei suoi amici per il colombario di via Pigna pu sembrare marginale, ma non lo . Innanzitutto perch dovere di una citt preservare in maniera decente i segni della sua storia. E poi perch la prova dellincapacit di risolvere in maniera seria anche un problema semplice come lo spostamento di un cassonetto. I resti romani che coesistono con la munnezza sono unimmagine metaforica di quello che Napoli potrebbe essere e non .




news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news