LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piano: La mia leggerezza fatta di testardaggine
Renato Rizzo
La Stampa, 3 ottobre 2005

A GUARENE L'ARCHITETTO IMPEGNATO NELLA DIFESA DEL PAESAGGIO

A me piace stare con la testa nelle nuvole ma coni piedi ben piantati nella tradizione

GUARENE
LI HANNO definito poeta dell'equilibrio, scrittore di versi verticali, ma lui sorride: Da ragazzo ho provato a suonare la tromba in si bemolle, poi a scrivere, persino a produrre vino. Non sono riuscito a portare a termine, come avrei voluto, nessuna di queste attivit. E, allora, ho ripiegato sull'architettura. Renzo Piano si chiude nella battuta per nascondere quel pizzico d'imbarazzo che oltre trent'anni da star sul palcoscenico del mondo non sono riusciti a cancellare. Ritira, a Guarene, il riconoscimento che lo premia per aver sempre inseguito la difesa dell'estetica del paesaggio, creando muri e mostrando, come dice Meo Orengo, di possedere la poesia della leggerezza, la capacit di sconfiggere la legge di gravita, di capire la fragilit del mondo e d'appoggiarvi le sue opere con delicatezza e rispetto gentile.
La leggerezza, allora, come base etica d'una professione che lei, spesso, ha paragonato a quella del muratore: d'uno che lavora pi per la gente che per lo share. Che, cio, offre un servizio e produce cose che servono.
S. A me piace credere che fare architettura significhi stare con la testa nelle nuvole, ma con i piedi ben radicati nella tradizione. La leggerezza, a mio avviso, questo. Ma spero che tra una decina d'anni, se qualcuno vorr ancora darmi un premio. Lo intitoli alla testardaggine. l'altra caratteristica che mi lega a questa gente di terra, che fa vino o scrive libri sempre con l'aiuto della sublime testardaggine. Insiene alla levit, la cocciutaggine ha saputo disegnare questo territorio, come avvenuto in Liguria e in tante altre regioni italiane.
Una natura, un paesaggio che non prescinde dall'uomo, ma che, anzi l'intervento dell'uomo rende migliore e pi bello?
, questa, la natura che preferisco: quella in cui si riconoscono le tracce delle mani, quella conquistata a fatica, sudata, che ci parla dei bisnonni e dei trisnonni. Dove, insomma, riconosciamo i segni di chi ci ha preceduto e speriamo vengano lasciate le impronte di chi ci seguir. Magnifico il mare sconfinato, le montagne incontaminate, le nuvole. Ma provi a fissare per 12 ore, le nuvole... Il paesaggio che non stanca mai quello, certo fragile, che siamo riusciti ad addomesticare.
Ma proprio nella fragilit c' un timore di Paradiso perduto. Basta poco a turbare l'equilibrio.
Vero. La "spazzatura" architettonica prende sempre pi spazio. Qui come nelle citt, del resto. Guardo con spavento a tutto ci, ma non ci si pu rassegnare, occorre continuare a crescere. Parlo di crescita sostenibile, ovvio. Con il rispetto dovuto alla bellezza, senza, per, dimenticare che questo , per gli europei - e per noi italiani, in particolare -un capitale dalla forte valenza economica.
Proprio in questi giorni un gruppo di giovani del Roero ha deciso di acquistare un capannone che deturpava il paesaggio per demolirlo e dare un segno di responsabilit.
Un'idea buona, una provocazione. Valida quando si parla di opere totalmente irrecuperabili. Ma, attenzione, a non generalizzare. La teoria della demolizione ha imperato, specie in Francia, sino a 5-6 anni fa. Ora, giustamente, nel mondo, prevale, quando possibile, il desiderio di armonizzare.
Attraverso l'uso della leggerezza, appunto?
S, ci sono molti interventi possibili. L'utilizzo deU"'aria" con gli alleggerimenti strutturali, il ricorso al verde. C' un vecchio detto: "II medico nasconde i suoi errori sottoterra, l'architetto dietro qualche albero". In certi casi vero. Anche se l'impegno pi proficuo per ritrovare armonia si deve profondere sugli aspetti funzionali. Le citt non siano solo muri, ma persone. Ho in mente le periferie, deserte perch monofunzionali: grandi dormitoli. Demolire? No, farle diventare centri urbani con il loro mix di funzioni, di riti come l'abitare, il dormire, l'acquistare, il lavorare, il divertirsi. E' proprio questa la sfida che ho intrapreso a Sarajevo e nel quartiere milanese di ponte Lambro.
In Italia non ci sono solo brutture da demolire o da armonizzare, ma anche capolavori che si deteriorano nella disattenzione generale.
In un paese meraviglioso e un po' immaginario dovrebbe essere lo stato a salvaguardarli. Non sempre pu e sa. Per fortuna ci sono gruppi e associazione formidabili. Penso al Fai, guidato dall'instancabile Giulia Maria Crespi: ha compreso che la prima salvaguardia passa attravrso il possesso e il riuso. Il tutto con garbo e cultura. Ritorna la leggerezza. Saper coniugare, cio, senza forzature fantasia e ostinazione. Che si tratti di restaurare un edificio, costituire un vino o, magari, suonare una tromba in si bemolle.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news