LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CALABRIA: Una grande sinergia per il turismo
Giornale di Calabria.it, 1° ottobre 2005


Iniziativa dell’Amministrazione comunale di Scalea che vorrebbe coinvolgere i comuni compresi tra Tropea e Maratea



SCALEA. Un “Sistema turistico locale” che coinvolga i comuni della fascia tirrenica delle province calabresi di Cosenza e Vibo Valentia, ma anche Maratea, nella vicina Basilicata. Promotrice dell’iniziativa è l’amministrazione comunale di Scalea che, con il sindaco Mario Russo, insieme agli altri enti locali, vuole contribuire in modo radicale allo sviluppo e alla qualificazione turistica.

“I territori del Tirreno Cosentino, dell’area di Tropea e Maratea, sono sotto l’aspetto turistico i più dinamici ed a maggiore potenziale dell’intera fascia litoranea - spiega Russo - in particolare, il riconoscimento nell’area di riferimento, di un Contratto di Programma denominato “Tirreno Sviluppo”, sottolinea l’unitarietà e la capacità di coordinamento progettuale nell’ambito dell’idea condivisa dai comuni e delle relative strategie espresse.

In questo quadro territoriale ed economico d’insieme, la legge sulla “Riforma della legislazione nazionale del turismo”, si presenta come un’importante opportunità da cogliere a livello locale per dare un colpo di acceleratore al processo di sviluppo, in un ambito territoriale particolarmente vocato al turismo. Con la Legge 135 - sottolinea ancora Russo - si è definito formalmente il “Sistema turistico locale” come un nuovo modo di gestire il territorio, superando i localismi e le frammentazioni esistenti, in una logica di rete e di integrazione tra il turismo, l’ambiente, i beni culturali e tutte le altre attività produttive ed economiche ad esso connesse”.

Il sindaco di Scalea evidenzia un passo della legge nella quale si sottolinea che “gli enti locali o soggetti privati, singoli o associati, promuovono i sistemi turistici attraverso forme di concertazione con gli enti funzionali, con le associazioni di categoria che concorrono alla formazione dell’offerta turistica, nonchè con i soggetti pubblici e privati interessati”. “Il sistema turistico locale - afferma Russo - è quindi creato attraverso un modello concertativo tra una molteplicità di attori: enti locali (Comuni, Comunità Montane, Province), soggetti privati (imprese turistiche, operatori turistici, enti funzionali (Camere di commercio, Università, Istituti scolastici.
Enti Parco), associazioni di categoria (organizzazioni di imprenditori, associazioni di agricoltori e di artigiani, collegi di operatori, ecc.) e, inoltre, tutti i soggetti pubblici e privati che siano portatori di interessi specifici”.

L’obiettivo di un sistema turistico locale, aggiunge, “è quello di qualificare l’identità di un territorio che abbia requisiti di omogeneità, in una logica di distretto e di filiera in cui sono comprese strutture ricettive e per il tempo libero, beni culturali ed ambientali, produzioni tipiche ed artigianato. In tal modo può essere fornita un’offerta integrata dei valori locali e migliorata l’intera potenzialità del territorio, attraverso forme di concertazione”.

Poi il sindaco Russo spiega il perché dell’iniziativa: “L’ambito territoriale di cui il Comune di Scalea vuole farsi promotore può essere individuato correttamente nel “Sistema turistico locale” per proporsi alla Regione Calabria e Basilicata, in quanto organo di coordinamento e di programmazione in tema di turismo, per l’avvio delle pratiche e dei necessari espletamenti di legge al fine del suo riconoscimento”.
Ma, ecco le finalità del Sistema turistico locale che potrà senz’altro contribuire a: meglio utilizzare ampie risorse disponibili non ancora valorizzate; ridurre la frammentazione dell’offerta: mancanza di coordinamento fra gli imprenditori turistici sia orizzontale che verticale, cioè sia fra offerte analoghe che fra offerte diverse; eliminare la carenza dell’offerta in molti settori (sia di ricettività che di servizi); eliminare la stagionalità con conseguente politica dei “prezzi alti”, spesso “alternata” per aree; ridurre l’incomunicabilità fra le diverse aree: montana e collinare a livello di offerta e quindi di domanda; far crescere la domanda nazionale ed internazionale di turismo rivolto al mare, alla collina ed alle aree protette; accedere alle risorse previste dalla legge 135/2001; incidere positivamente sull’ambiente; diventare un territorio pilota dello sviluppo turistico sostenibile e di elevata qualità. Attraverso la Conferenza dei sindaci del Pit 1, composta da 14 sindaci dei Comuni dell’area, i territori hanno espresso la volontà di promuovere e attuare tutte le procedure necessarie alla definizione, istituzione e creazione del Sistema Turistico Locale denominato “Alto Tirreno Cosentino”: “un progetto di sviluppo locale, basato sulla propria identità, estremamente positivo per lo sviluppo globale del territorio”.

http://www.giornaledicalabria.it/index.php?categoria=E&id=38054&action=mostra_primopiano


news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news