LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Invito a Palazzo: le banche aprono al pubblico le loro residenze storiche
Rita Dietrich
L'Osservatore Romano 1/10/2005

ROMA, ottobre. Residenze medioevali, palazzi storici rinascimentali e barocchi testimonianza del passaggio delle pi prestigiose famiglie aristocratiche italiane, collezioni d'arte e di arredi, e casali patrizi trasformati in banche, che per un giorno diventano musei, mostrando al pubblico tesori solitamente celati fra gli uffici e le sale per le riunioni aziendali: con la manifestazione Invito a Palazzo, giunta alla sua quarta edizione, sabato 1 ottobre gli istituti di credito italiani apriranno le porte delle loro sedi, per condividere opere d'arte e collezioni private.
Il crescente numero di visitatori e di partecipanti che stato registrato nel corso degli anni ha sottolineato il successo dell'iniziativa ha commentato il presidente dell'Abi (Associazione bancaria italiana), Sella, durante la presentazione del programma dell'evento che si tenuta marted 20 settembre a Palazzo Altieri da 50.000 persone del 2002 siamo passati alle 75.000 dell'anno scorso e adesso speriamo di poter raggiungere la soglia delle 100.000 presenze.
Le novit di quest'anno sono tredici nuove sedi aperte per l'occasione e cinque nuove citt partecipanti. Inoltre molte banche valorizzeranno la giornata organizzando anche concerti e mostre inerenti il periodo storico nel quale stato costruito il palazzo. Solitamente ha aggiunto Sella gli ambienti dove verranno accolti i visitatori sono adibiti a sedi lavorative, ma per un giorno tutto il patrimonio artistico e culturale di cui le banche sono proprietarie e custodi, con una spesa che si aggira intorno ai 300 milioni di euro all'anno, viene mostrato ai cittadini.
Dalle 9 alle 19 del 1 ottobre 55 banche ubicate in 106 palazzi storici di 59 citt italiane offriranno ingresso gratuito e visite guidate per ammirare il patrimonio architettonico, artistico e paesaggistico contenuto nelle loro sedi. Diversi stili e periodi storici, dalle residenze medioevali agli esempi di architettura di inizio Novecento commissionati dalle banche stesse a famosi architetti contemporanei come Giovanni Greppi a Milano, Marcello Piacentini a Napoli e a Roma, Giovanni Michelucci a Firenze, Gi Ponti a Padova, Pier Luigi Nervi a Venezia e Renzo Piano a Lodi. Tutte testimonianze di impegnative ristrutturazioni o nuove costruzioni inserite nei progetti di riqualificazione cittadina eseguiti da questi architetti. E poi ancora arredi originali d'epoca ed esposizioni di collezioni di propriet delle banche che rendono il sistema creditizio italiano un soggetto culturale attivo impegnato nella tutela e nella conservazione di beni artistici nazionali.
Riuniti in diversi percorsi tematici che collegano fra loro le citt, ogni palazzo racconter la sua storia che comprende anche reperti archeologici ereditati dalle banche o scoperti durante lavori di restauro, come le rovine romane nei sotterranei di palazzo Spalletti-Trivelli, a Reggio Emilia, sede del Credito Emiliano, databili dal II al IV secolo d.C, o la collezione di villa Zito a Palermo, sede del Banco di Sicilia, la cui fondazione omonima ha sponsorizzato numerosi scavi a Selinunte, Soluto, Himera e Terravecchia di Cuti, oppure palazzo Calissano ad Alba, della Banca regionale europea, dove sono stati rinvenuti i resti dell'antica citt Alba Pompeia del I secolo dopo Cristo.
Molti palazzi sono del XVII secolo, compresi nel circuito barocco, progettati da famosi architetti dell'epoca: il caso, nella Capitale, di palazzo Altieri, sede dell'Abi, e della Cappella di palazzo del Monte di Piet della Banca di Roma, ambedue ideati da Giovanni Antonio De' Rossi. A Torino c' palazzo Levaldigi, della Banca nazionale del lavoro, costruito fra il 1673 e il 1677 da Amedeo di Castellamonte, e palazzo San Giorgio, della Banca Antonveneta, ubicato in una delle zone pi antiche della citt.
Testimonianza dell'articolato impegno degli istituti di credito nel campo del collezionismo, ad opera di lasciti e donazioni, sono le numerose raccolte di quadri, maioliche, incisioni, arredi, gioielli, sculture e monete che ripercorrono la storia delle citt di provenienza, come la ricostruzione dello sviluppo di Genova dalla sua fondazione fino al barocco attraverso i dipinti custoditi presso la sede centrale della banca Carige, oppure le collezioni di monete e di quadri di propriet della Fondazione banca agricola mantovana, conservate nelle sue due sedi di palazzo del Diavolo e palazzo Strozzi. E ancora, a Milano, palazzo Piermarini della Banca regionale europea, con affreschi provenienti dal Convento di santa Chiara, e il codice pergamenaceo contenente gli statuti del Monte di Piet approvati da Ludovico il Moro nel 1496.
A Prato, invece, verr esposta a palazzo degli Alberti, sede della Cariprato, un'importante collezione di capolavori di maestri toscani, come la Madonna con Bambino di Filippo Lippi, la Crocifissione di Giovanni Bellini e la Coronazione di Spine del Caravaggio.
Un capitolo a parte stato dedicato alle valorizzazioni di palazzi pi moderni come la Direzione generale della Banca nazionale del lavoro di Roma che contiene affreschi e quadri del Lotto, del Barocci e del Canaletto o la collezione custodita a palazzo Dexia Crediop, del tardo Ottocento, sempre a Roma, che annovera opere del Veronesi, di Gaspar Van Wittel e Pier Francesco Mola.
Particolari sono anche alcuni reperti e testimonianze della nascita del sistema creditizio italiano, custodite nelle storiche sedi del Banco di Santo Spirito, del Monte dei Pegni o del Monte Frumentario, fra i primi istituti nel XV secolo sorti per proteggere contadini, popolani e famiglie patrizie in decadenza dalla morsa degli usurai. Fra le raccolte vi sono le prime cedole costituenti i prestiti effettuati o titoli di deposito.
A Roma i palazzi che aderiranno alla manifestazione saranno sette, per la maggior parte situati nel centro storico e collegati con una navetta. Oltre alle pi recenti costruzioni della Direzione generale della Bnl e del palazzo Dexia Crediop, saranno visitatali la Cappella barocca del palazzo del Monte di Piet con decorazioni di Giovanni De' Rossi e il bassorilievo della Piet di Domenico Guidi, i prestigiosi saloni e arredi di palazzo Altieri, residenza del Cardinale Emilio Altieri, divenuto Papa nel 1670 con il nome di Clemente X, palazzo de Carolis di Capitalia, con la famosa scala a chiocciola di Alessandro Specchi, palazzo Mancini, ex Accademia di Francia e dalla seconda met dell'800 succursale romana del Banco di Sicilia, e palazzo Verospi (Unicredit Banca) con la loggia affrescata da Francesco Albani.
Tutti i dettagli sulle citt partecipanti e sui monumenti sono disponibili sul sito istituzionale dell'Abi, www.abi.it.



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news