LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Già spunta la maxi-modifica col condono
ALBERTO GENTILI
il Messaggero 30-SET-2005

ROMA - Giulio Tremontì non è un novellino, di leggi finanziarie ne aveva già scritte tre. Ma mai aveva dovuto subire un assalto così massiccio dei colleghi-ministri. Colpa dei tagli, che vanno dal 10% al 50% dei bilanci dei singoli dicasteri, per un totale di 6 miliardi. Colpa della fretta: «Capisco le lamentele di tutti e mi dispiace di non aver potuto ascoltare e soddisfare le vostre richieste. Ma io questa Finanziaria l'ho dovuta scrivere in appena 60 ore ed è una Finanziaria difficilissima, di assoluto rigore...». L'astuto Tremontì. con la sponda di Gianfranco Fini e la benedizione di Silvio Berlusconi, ha però trovato un escamotage - la Soluzione - per portare a casa la manovra economica e sopravvivere a un Consiglio che ha imposto una diabolica cura dimagrante a tutti i dicasteri. Quattro ore di lamentele, di ministri con la faccia feroce e il piattino in mano. «Siamo nullatenenti», è stato il lamento più gettonato. «Non sei cambiato, Giulio. Sei quello di sempre...», ha ringhiato l'angelica Stefania Prestigiacomo. «Così non possiamo andare avanti, rischiamo di perdere le elezioni a causa dello scontento che innescheremo», ha sibilato Rocco Buttiglione. Ebbene, la Soluzione di Tremonti è un maxi-emendamento. Tecnica non nuova per la verità: ogni anno la Finanziaria viene riscritta (o quasi) alla vigilia di Natale. Ma nuova nella tempistica: non era mai accaduto che il governo varasse una Finanziaria e allo stesso momento decidesse di cambiarla. Di considerarla poco più di una bozza.
«Abbiamo due strade», ha detto in apertura di riunione Tremonti. «O aspettiamo qualche giorno per il varo, oppure battezziamo oggi la Finanziaria e cominciamo subito a lavorare a un maxi-emendamento che tenga conto delle richieste politiche». Obiettivo non dichiarato del supermimstro: evitare di trattare con i ministri prima, e con i parlamentari poi. Ma aprire un'unica trattativa con i partiti. La Soluzione-Tremonti è stata sostenuta da Fini. A conclusione del rosario di proteste ministeriali il vicepremier ha dispensato camomilla: «E' deciso. Ora la Finanziaria e poi, a saldo invariato, prenderemo in considerazione le richieste dei singoli ministri nel maxi-emendamento». E non c'è nessuno, né nel governo, né nei partiti, che non dia per scontata - per rispettare il saldo - l'adozione di un nuovo condono fiscale. Gettito presunto: 3 miliardi. Tremoliti in persona ha prospettato l'ipotesi nel vertice notturno, quello finito alle 6 del mattino: «Nessuno di noi vuole mettere le mani nelle tasche degli italiani, e allora un condono forse si renderà inevitabile...». Silenzio-assenso in sala.



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news