LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA SFIDA DEL DECORO
PAOLO CONTI
CORRIERE DELLA SERA 30SET2005

Come dimostra l'operazione di riasfaltatura di gran parte dell'asse del lungotevere (rapidissimo, ineccepibile) Roma quando vuole cambia. E risolve molti problemi legati al decoro, parola solo apparentemente antiquata e polverosa che invece indica molte piaghe della contemporaneità legate alla convivenza civile. Decoro non è certo solo perbenismo, così come il buon governo di una città non è solo buonismo.
Prendiamo il decoro di piazza san Giovanni. Il racconto di Edoardo Sassi certifica, oltre ogni ragionevole dubbio, il problema di quel pezzo di città. All'alba si trasforma in un suk di disperati. Lì si organizza probabilmente una parte del racket dei mendicanti che poi invaderanno la città. Lì si espone mercé di dubbia provenienza. Doppio problema di decoro: di ordine pubblico e di assistenza a quei disgraziati costretti a sopravvivere ai margini della società. Agiscono di notte perché la notte li protegge: e insieme li isola dal resto della città, perpetuando un circuito drammatico. La storia che il Corriere della Sera racconta non è certo la cronaca di una Porta Portese qualsiasi. È la certificazione di una zona oscura di Roma invisibile ai più: non la vede chi lavora di notte, non la vede chi si alza magari presto.
Altra questione di decoro. I graffiti dei vandali sui monumenti, persino sui marmi romani, sui muri dei palazzi pubblici e anche privati. Ne ha parlato martedì sul Corriere della Sera Alberto Ronchey che, da ministro per i Beni culturali, tentò di varare un disegno di legge «antispray». Finì nel nulla. Ma sarebbe il caso di ridargli vita. Basta guardare cosa accade a Roma. Anche qui è una questione di decoro, nell'accezione di cui sopra.
Ieri sia L'Unità che Liberazione, con diversi toni, hanno ironizzato sull'intervento di Ronchey contro i graffitari. Vale la pena di ricordare che la questione affligge anche Roma. E appartiene alla lista delle preoccupazioni della giunta. Solo nel 2004 l'Azienda Municipale per l'Ambiente ha speso 800 milioni di euro per avviare la campagna «Palazzi-Decoro urbano» (rieccola, la parola) voluta dal Campidoglio. Disse Veltroni: «Si tratta di un intervento di salvaguardia delle bellezze di Roma ma anche di un programma di cambiamento culturale. Solo il 10 per cento dei muri puliti nella prima parte dell'operazione sono stati nuovamente imbrattati dalle scritte. Perché decoro chiama decoro».
Ha ragione Veltroni quando parla di muri «imbrattati» e di «decoro». Non c'è un Keith Haring a ogni angolo di Roma. I teppisti, invece, sono tanti.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news