LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Graffiti in città, la sfida della giunta «No agli imbrattatori, sì al decoro»
Lauretta Colonnelli
CORRIERE DELLA SERA 30-SET-2005

Dopo l'editoriale di Ronchey (criticato da Sansonetti e dall'Unità), la parola a intellettuali e politici capitolini: che si schierano con l'ex ministro

«I graffiti sono anche pericolosi. Nelle pareti dei sottovia, costruite con materiali che riflettono la luminosità, possono essere causa di incidenti per le automobili. Nel Passante a nord ovest, per esempio, abbiamo speso milioni di euro per realizzare pareti riflettenti e lavabili e i graffitari hanno già comincitao a imbrattarle. Che senso ha? Oltretutto nessuno li vede. Non è un posto dove si passeggia, ma solo una strada dove le auto vanno a forte velocità». Parla Giancarlo D'Alessandro, assessore comunale ai Lavori Pubblici, che per arginare i danni causati dai vandali con la bomboletta sta facendo installare telecamere nei pressi dei monumenti e in molti punti del centro storico. «Si sono rivelate l'unico deterrente. Nei cento siti che abbiamo già sotto controllo le scritte non sono più comparse». Ma le spese sono enormi. Dal 2003 ad oggi, l'amministrazione capitolina ha speso sei milioni di euro solo per la manutenzione delle telecamere e 4 milioni e 800 mila euro per la realizazione dei nuovi impianti.
Il problema dei graffiti, ricordato due giorni fa da un articolo di fondo di Alberto Ronchey sul «Corriere della Sera», opprime in modo particolare Roma e il suo centro storico. Ne sa qualcosa il sindaco Walter Veltroni che dal 2001 ad oggi ha speso oltre dieci milioni di euro per ripulire i tesori architettonici della città ed ha intrapreso la strada della dissuasione in tutti i
modi, «regalando» ai graffitari anche alcuni spazi nel X municipio e in altre zone, dove i disegni con lo spray non solo non deturpano ma poptrebbero addirittura risultare gradevoli. Eppure il discorso di Ronchey ha innescato una polemica.
L'ex ministro dei Beni culturali lamenta che le città, già sofferenti tra smog e frastuono, vengano anche «offese o sempre più sfigurate dal fenomeno del graffitismo vandalico su monumenti e immobili». Prosegue elencando gli incalcolabili danni e i costi in restauro che le varie giunte, compresa quella capitolina, sono costrette a sostenere ogni anno per la ripulitura. Osserva che «numerosi graffitìsti comunicano solo ingiurie, parapolitiche o parasportive» e che altri, «pittori amatoriali», reclamano il titolo di artisti metropolitani». L'articolo ha provocato le reazioni de «l'Unità» diretta da Antonio Padellaro, che in un corsivo attacca: «Come ci si può spaventare di un po' di colore, tuttalpiù si smacchia!». E di Piero Sansonetti, che in un editoriale di «Liberazione» accusa l'ex ministro di «fare un balzo del gambero di 40 anni». «Dal 1968 in poi - prosegue - nessuno più aveva osato presentarsi al pubblico dibattito vestito in modo talmente ostentato da benpensante».
Eppure il fenomeno dei graffiti romani è considerato universalmente una vera e propria piaga, tanto da essere arrivato due anni fa persìno sulle prime pagine del «New York Times». E Luca Odevaine, vice capo Gabinetto di Veltroni, ha creato un «Ufficio del decoro urbano» proprio per contrastare, precisa, «chi continua a imbrattare i muri imprimendo una sorta "marchio" del territorio». C'è chi distingue, come l'assessore alla cultura Gianni Borgna, tra quelli che fanno le scritte e quelli che fanno i disegni. «I primi - dice Borgna - sono soltanto degli sciagurati. I disegnatori in certi casi possono essere artisti». Anche quando i disegni li fanno sulla Colonna Antonina?
«No, in questo caso sono degli imbrattatori esecrabili. Ma quando riempirono di colori le facciate cadenti delle case di via Tor di Nona, hanno avuto il merito di attirare l'attenzione sul degrado dì un quartiere storico».
Drastico Paolo Portoghesi, che pure ha caldeggiato il restauro dei graffiti del Sessantotto sulla facciata della facoltà di Architettura a Valle Giulia: «Se trent'anni fa i primi graffiti potevano avere un significato culturale, oggi non sono altro che una ripetizione volgare, uno sfogo, come prendere uno stupefacente. Non è così che si forma l'educazione artistica nei giovani. Credo addirittura che ci siano dei manuali da cui copiare i caratteri. Altro che creatività. E poi ci sono tanti modi di esprimersi senza infliggere danni alla collettività».

A Roma, dove l'amministrazione capitolina spende già due milioni e mezzo di euro l'anno per i restauri si spera in oltre duemila telecamere fisse.



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news