LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alta velocità: metti un Ponte di Messina fra Torino e Lione
Paolo Hutter
l'Unità 30-09-2005

Il progetto di seconda linea ferroviaria (con annesso secondo
tunnel ferroviario accanto al Frejus) per l’Alta Velocità tra Torino e Lione è per molti aspetti paragonabile
al Ponte sullo Stretto di Messina, oltre che al Mose di Venezia.
È molto meno famoso, al di fuori del Piemonte, ma in realtà costerebbe come Ponte e Mose messi assieme, e i suoi cantieri durerebbero anche di più della somma degli anni delle altre due opere.
Una picconata di Lunardi e una illuminante esternazione di Berlusconi - ambedue nel giro di poche ore - hanno fatto emergere la necessità di “nazionalizzare” l’attenzione e il conflitto su questa grande opera, mentre crescono le probabilità di una prova di forza a breve termine tra polizia e comunità locali della Valle di Susa. La picconata è la decisione piuttosto improvvisa
e brutale del governo di ritirare i suoi rappresentanti dalla
commissione tecnica che cercava di trovare una soluzione concordata con gli Enti locali per la realizzazione di alcuni carotaggi, e soprattutto l’imposizione, invece, – tramite
lettera di preavviso ai proprietari dei terreni – della data del 6 ottobre a partire dalla quale la polizia può forzare e la magistratura può denunciare i presidianti. Regione
Piemonte e Provincia di Torino – pur essendo tendenzialmente favorevoli all’opera – stavano lavorando nella commissione tecnica per cercare di mediare sui carotaggi, di per sé abbastanza innocui ma la cui pendenza ha mobilitato attivamente
da giugno migliaia di valsusini in presidi permanenti, e si erano dichiarate disponibili ad allargare il confronto ai temi più sostanziali dell’impatto dell’opera.
Mentre Lunardi picconava e dava ultimatum, Berlusconi chiudeva
la porta a marce indietro sulle dighe del Mose di Venezia, e alle richieste del comune di Venezia, ed annunciava che tre sono le opere storiche ed epocali per l’Italia. Ovviamente non il riassetto idrogeologico, né l’efficienza idrica, e neanche la modernizzazione delle reti di trasporto locale, ma il Ponte
sullo Stretto di Messina, le dighe del Mose nella Laguna e quello
che il presidente operaio chiama “il traforo del Frejus” (come se
non ce ne fosse già uno). C’è qualcosa di coerente in questa affermazione, anche se si tratta di una gestione politica e culturale di progetti nati prima dei governi del Cavaliere e supportati da lobby capaci di trasversalismo e di prescindere
dal centro-destra. Tutte e tre queste grandi opere sono state
innanzitutto e fermamente contestate dagli ambientalisti (non solo
dai Verdi, ma da tutte le associazioni e da tutti gli esperti) per motivazioni che si sono progressivamente allargate e dal campo ambientale sono andate a basarsi solidamente sul campo economico.
In discussione sono il rapporto tra costo e benefici e l’effettiva priorità rispetto alle necessità del paese.
Nel caso del Tav Torino Lione è mancato finora un confronto aperto
tra i trasportisti e si andati avanti a giudicarla opera strategica come se l’avesse già deciso il popolo sovrano
valutando le alternative. La forzatura di Lunardi, tesa anche a
mettere in difficoltà il centro sinistra piemontese e riaccreditare Forza Italia negli ambienti imprenditoriali
più interessati alla lenta ma lunga pioggia di miliardi pubblici
sottesa alla TorinoLione, potrebbe provocare l’effetto opposto. E cioè quello di aprire gli occhi sull’assurdità di considerare opera prioritaria la delicata escavazione di decine
di chilometri di Alpi per farci passare non si sa bene quanta gente e quanta merce ad alta velocità.



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news