LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mose, avanti tutta
Simonetta Scarane
ItaliaOggi, 29/09/2005

Entra nella seconda fase la realizzazione del Mose. Il sistema di dighe mobili da 4,3 miliardi per la salvaguardia di Venezia dal fenomeno dell'acqua alta una delle tre opere ritenute epocali dal governo Berlusconi insieme al traforo del Frejus ed al ponte sullo stretto di Messina. Non subiranno interruzioni i lavori avviati, e finanziati con i 500 milioni gi erogati dal Cipe che ha stanziato 1,174 miliardi cui si aggiungeranno a breve altri 700 milioni, secondo quanto ha dichiarato il premier, Silvio Berlusconi, al termine della riunione, ieri, a palazzo Chigi, del cosiddetto Comitatone per la salvezza di Venezia del quale fanno parte numerosi organismi della citt lagunare. Il suo un parere solo consultivo. Alla riunione di ieri era presente anche il sindaco Massimo Cacciari, che nelle settimane precedenti aveva fatto sapere che il Mose non avrebbe dovuto dragare tutte le risorse pubbliche a svantaggio degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Anche se la coperta dei finanziamenti pubblici corta, ha fatto sapere il premier, bisogner fare in modo che le risorse vengano indirizzate verso alcuni progetti precisi, che Berlusconi ha detto verranno individuati a breve.
Nella riunione, secondo quanto ha fatto sapere il sindaco Cacciari, stato recepito il concetto che le opere di manutenzione dovranno avere un canale di finanziamento diverso da quello del Mose, come quello che il comune aveva chiesto mesi fa e cio il rifinanziamento delle legge speciale per Venezia. Lo scopo garantire fondi per le opere di manutenzione ordinaria e straordinaria complementari al Mose per la difesa di Venezia dall'acqua alta. In sostanza, nella riunione stato deciso di separare due linee di finanziamento per i lavori di salvaguardia di Venezia: la prima per il Mose, che rientra nella legge obiettivo, e la seconda, per le opere di manutenzione attraverso il rifinanziamento delle legge speciale per Venezia. Su questo, la decisione rinviata ma se cos fosse verrebbero accolte le istanze del comune, cos come ha sottolineato Cacciari. Secondo il presidente della regione Veneto, Giancarlo Galan, il Mose entrato nella seconda fase, quella successiva all'apertura dei cantieri alle tre bocche di porto, grazie alla firma, ieri, a margine della riunione del Comitatone, dell'atto di concessione tra l'agenzia del demanio, il consorzio Venezia Nuova e il magistrato alle acque sull'uti-lizzo delle aree comprese nella zona nord dell'Arsenale di Venezia che ospiter le strutture per la realizzazione, manutenzione e gestione del sistema Mose. Soddisfatti il Consorzio Venezia Nuova, interessato dalla gestione dei lavori per il Mose e il ministro delle infrastrutture, Pietro Lunardi, perch, ha sottolineato, stata confermata e ribadita all'unanimit la continuit della realizzazione del sistema Mose, progetto approfondito e studiato anche dai governi precedenti. Legambiente ha ribadito la propria contrariet all'opera. Il Mose ha costi economici ed ambientali enormi, insostenibili per il delicatissimo ecosistema lagunare, ha dichiarato Francesco Ferrante, direttore generale di Legambiente, faremo un'opposizione ferrea alla prosecuzione dei lavori per la sua definitiva realizzazione.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news