LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Finanza creativa, condoni edilizi e fiscali, vendita di beni pubblici
Redazione Econews
Redazione Econews, 23 settembre 2005

Finanza creativa, condoni edilizi e fiscali, vendita di beni pubblici, una tantum. Sono le parole chiave della politica economica del ministro dellEconomia, Giulio Tremonti, tornato a via XX Settembre dopo le dimissioni di Domenico Siniscalco.



Di Tremonti stata l'idea di rendere strutturale il meccanismo delle cartolarizzazioni, l'operazione di cessione di immobili pubblici attraverso societ ad hoc che gestiscono la privatizzazione e il collocamento sul mercato.



Suo poi il brevetto dello scudo fiscale, il rientro in patria dei capitali esportati illegalmente all'estero con l'unico dazio di una "dichiarazione riservata" e una minimissima ammenda del 2,5% sulla somma ricondotta in Italia.



Sue le sanatorie, soprattutto quelle edilizie, dove Tremonti ha dato il meglio di s: dal condono per le tasse locali a quello tombale, da quello del canone Rai a quello per l'affissione abusiva di manifesti elettorali, da quello sul cumulo fra reddito e pensione all'emersione del sommerso, dalla grazia per le contravvenzioni non pagate (poi ritirata) alla famigerata sanatoria edilizia per le costruzioni realizzate illegalmente fino al marzo del 2003.



La strategia tremontiana del colpo di spugna ha attirato numerose critiche: da Confindustria, dai sindacati, dall'opposizione, dalle associazioni ambientaliste (soprattutto per il condono edilizio e l'ipotesi di messa all'asta di beni culturali di pregio) e anche da alcuni esponenti della stessa maggioranza.



Siniscalco, ad esempio, non appena entrato in carica al posto del ministro creativo ha subito sottolineato che non era pi tempo di condoni. Pi di una volta inoltre queste una tantum sono state messe allindice sia dall'Unione europea che dal Fondo monetario internazionale.



Tremonti da parte sua ha sempre sostenuto la validit delle scelte con le cifre: sommando tutte le entrate i diversi condoni introdotti dal 2001 in poi hanno portato nelle casse dell'erario pi di 27,2 miliardi di euro.



Peccato per che nel caso del condono edilizio le entrate saranno inficiate dalle uscite a carico degli enti locali per realizzare infrastrutture e servizi per gli edifici abusivi sanati, realizzati fuori dalla pianificazione locale. Tremonti ha per sempre rilanciato.



Appena tornato al governo, come vicepremier, ha subito riproposto la sua creativit: Se dipendesse da me - ha spiegato in una intervista al Tg5 - venderei con concessioni di 100 anni tutte le spiagge e tutti gli stabilimenti marittimi. Con il ricavato finanzierei grandi piani di turismo, veri e concreti, nel Mezzogiorno.



Dichiarazione che valsa a Tremonti un'altra valanga di critiche e che gli ha imposto una parziale retromarcia. Oggi si profilano nuove sanatorie. Nella Finanziaria in discussione si ipotizza la riapertura del condono fiscale del 2003 con l'obiettivo di rastrellare altri tre miliardi e nei prossimi mesi, prima delle elezioni, potrebbe arrivare anche la regolarizzazione dei contributi Inps.



E anche i termini del condono edilizio, grazie alla sponda di alcuni deputati di maggioranza al lavoro per preparare emendamenti parlamentari alla finanziaria, potrebbero essere prolungati, coinvolgendo, come ricordava a Notizie Verdi il senatore dei Verdi Natale Ripamonti, le costruzioni abusive realizzate dopo il marzo del 2003.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news