LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO, Museo e convento: L'identit ritrovata
SERGIO TROISI
GIOVED 29 SETTEMBRE 2005 La Repubblica, Palermo




Sono stati necessari due sindaci, un commissario straordinario, cinque assessori alla Cultura e quasi un decennio di lavori (il recupero iniziato nel 1996; neanche tanto, peri tempi dei cantieri palermitani), ma alla fine la Civica Galleria d'Arte Moderna di Palermo ha trovato la sua nuova sede. Anzi la sua prima sede, visto che, come ampiamente noto, i locali del teatro Politeama assegnati al museo al momento della sua istituzione nel 1910 erano pensati sin dall'inizio come destinazione provvisoria in attesa di una sistemazione pi acconcia.
trascorso dunque quasi un secolo, un periodo ampio in cui compiti, ruoli e funzioni tradizionalmente attribuiti ai musei e alle gallerie d'arte moderna in particolare si sono enormemente dilatati: non soltanto in termini funzionali, dovendo cio fare i conti con strutture di servizio (dalle biblioteche ai bookshop alle caffetterie) ormai nelle esigenze di progettisti e funzionari caratterizzanti gli spazi museali quasi come le attrezzature espositive. Ma anche perch le nozioni di moderno e contemporaneo, che sino almeno alla met del Novecento erano considerate in stretta contiguit, si sono nell'ultimo periodo fortemente differenziate e le raccolte assemblate (almeno in Italia) nell'ultimo scorcio dell'Ottocento hanno ormai assunto un perimetro cronologico chiuso che raramente conduce oltre la met del Novecento.
Problemi di identit che la nuova sede della Civica Gaileria ha affrontato optando perla fisionomia storicizzata delle raccolte e, presumibilmente, perle attivit espositive che andranno programmate partendo dai nuclei fondanti le collezioni: e quindi non soltanto l'Ottocento ma anche quella significativa propaggine novecentesca che annovera alcuni capolavori della collezione (da Casorati a Cagli, da Sironi a Campigli, Pirandello e Guttuso) sinora sacrificati negli ambienti di coda dei locali del Politeama. Bisogner attendere, per questo, il trasferimento delle raccolte (che avr luogo probabilmente al termine della mostra di Lojacono, tra gennaio e febbraio prossimi) e la definizione del percorso espositivo. Con alcuni inevitabili problemi che derivano dall'equilibrio non facile tra il recupero filologico dell'immobile con le sue stratificazioni storiche e le peculiari esigenze di uno spazio museale che i criteri attuali prevedono maggiormente aperto e flessibile.
L'ex Convento di San Anna, infatti, frutto di una serie di interventi succedutisi nei secoli che hanno sovrapposto al palazzo edificato dal mercante catalano Gaspare Bonet tra il 1480 e il 1525 gli ambienti realizzati dopo il trasferimento degli immobili all'ordine francescano, nel 1618. Il restauro condotto con la supervisione della Soprintendenza e dell'Ufficio del Centro Storico rendono oggi pienamente leggibile quella complessa vicenda architettonica.
Ma se le ampie sale al primo piano della costruzione originaria (dove stata allestita la mostra di Lojacono) possiedono i requisiti necessari - grandi pareti, larghi punti di visione - il discorso diverso per i locali al secondo (gi stenditoio del convento) e al terzo livello, dove la pavimentazione in cotto rischia di innescare una interferenza cromatica con le opere esposte e la sequenza continua di aperture riduce notevolmente gli spazi espositivi. Una frammentazione compensata dal magnifico panorama a 360 gradi, uno dei pi belli sperimentati sulla citt antica con una successione mozzafiato di scorci su piazze, cupole e palazzi. Questioni su cui sar necessario riflettere a mente fredda, anche ipotizzando il mantenimento degli spazi del Politeama come sede per mostre temporanee legate comunque al profilo storico e istituzionale della Galleria. Per il momento, il grande complesso architettonico si pone come un alto momento di riqualificazione di una intera parte dell'antico tessuto urbano tra i Lattarmi e la Kalsa, potenziale asse di irradiazione per il recupero sistematico dei quartieri gravitanti sulle antiche arterie commerciali su cui Palermo si ordinata nel corso dei secoli. Non un risultato da poco.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news