LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una storia intricata. Il processo per colpa di Lisippo. Nessuno lo voleva, cos fin a Gubbio
Massimo Foghetti
Corriere Adriatico, 28-SET-2005





Gli atti del processo contro i primi acquirenti. Nei guai era finito anche un sacerdote. Dopo essere stata offerta ai benestanti della citt, la statua venne comprata per tre milioni di lire. Quindi rivenduta a Milano per quattro.

Il segreto nei fondali.
Lisippo, Atleta di Fano, Getty Bronze, Victorious Youth, sono i vari nomi con cui conosciuta la statua di bronzo ritrovata nel Mare Adriatico da due pescherecci
fanesi nel 1964 ed ora finita al Getty Museum di Malibu. La statua uno dei pochissimi originali attribuibili al grande scultore greco Lisippo (IV sec. a.C.) che fu il ritrattista ufficiale di Alessandro Magno. Quando fu ripescate era incrostata e quasi senza forme. Sulle concrezioni che la ricoprivano si aperto un vivace dibattito. Per alcuni dimostrerebbero che stata pescata in acque al di fuori della giurisdizione italiana.

FANO - La vicenda del Lisippo di Fano singolare, non solo per l'eccezionalit del ritrovamento che caso, pi unico che raro, ha permesso di recuperare un originale greco attribuito a uno dei pi grandi scultori dell'antichit, Lisippo, appunto, attivo alla corte di Alessandro Magno, ma perch l'unica azione giudiziaria che stata intentata contro coloro che contribuirono a fare sparire la statua nei meandri del commercio sommerso, non fu intentata a carico degli autori della scoperta, ma contro i primi acquirenti che, alla fine di un iter processuale piuttosto lungo e laborioso furono alternativamente assolti, condannati e poi di nuovo assolti dei reati loro addebitatigli.
Sulla statua dell' atleta che si incorona, si sono dette tante cose, organizzati dibatti e scritte pubblicazioni, ma degli atti del processo, che tuttavia contengono notizie inedite e curiose, non s ' mai detto nulla.
A conservare il voluminoso incartamento lo studioso Alberto Berardi che fin dai tempi in cui la vicenda divenne di dominio pubblico e pi ancora della sua gestione dell'assessorato alla cultura della Provincia di Pesaro-Urbino, si impegn per fare tornare in Italia il capolavoro.
Implicati nella vicenda all'epoca (era il 1966), risultarono Pietro, Fabio e Giacomo Barbetti di Gubbio, oltre a un sacerdote, un certo Giovanni Nagni (o Narni, o Nardi).
Gli atti del processo che si svolse di fronte al tribunale di Perugia, narrano che "Giacomo Barbetti, cugino di Pietro e Fabio, essendo venuto a conoscenza della possibilit di acquistare la statua, ne fece parola a Pietro che, insieme., al dottor Menichetti, si era recato a Fano e aveva concluso l'affare".
Dopo qualche reticenza, il Barbetti si era deciso ad ammettere quanto veniva loro addebitato, asserendo di essersi limitato a prestare al cugino Giacomo, circa tre milioni di lire, occorrente per l'acquisto. Quest'ultimo, che effettivamente era stato l'acquirente del pezzo, che aveva lascito in custodia per qualche giorno presso il Nagni, l'aveva rivenduto a uno "sconosciuto" di Milano per quattro milioni di lire. In fase di dibattimento Pietro Barbetti, rinviato a giudizio insieme al Nagni, conferm di essersi recato a Fano con il Menichetti per visionare la statua e l aver appreso che essa era stata rinvenuta in acque iugoslave; particolare non secondario, in quanto influente nella prosecuzione del processo.
Ma la notizia di un cos eccezionale rinvenimento non poteva essere tenuta segreta a lungo. Gi, come ebbe da riscontrare negli anni successivi Berardi, a Fano furono in diversi che poterono vedere la statua, dato che essa fu offerta a non pochi benestanti della citt; ma anche a Gubbio, dopo che l'affare fu concluso dai marinai fanesi con il Barbetti, la voce del suo valore rimbalz di bocca in bocca, fino a diventare di dominio pubblico. Di fronte al tribunale, Berbetti precis che "in Gubbio si era sparsa la voce della conclusione dell'affare e per
tanto di propria iniziativa ne aveva parlato con il commissario della Questura di Perugia, intendendo cos porre termine a tutte le dicerie correnti sul grande valore dell'oggetto, che era risultato invece - sempre il Barbetti che parla - di scarso pregio, tanto che nessun competente si era offerto di comprarla".
Evidentemente nemmeno questi primi compratori si erano resi conto dell'effettivo valore della statua che qualche anno pi tardi avrebbe raggiunto cifre miliardarie.
Dunque giunta a Gubbio, la statua fu nascosta per qualche tempo nella canonica di Don Giovanni Nagni, canonica che fu visitata da diverse persone, alcune delle quali addirittura considerarono l'opera d'arte un falso. L'aspetto della statua, infatti, non doveva sembrare tra i pi seducenti, coperta com'era dalle incrostazioni calcaree che le si erano depositate addosso nei secoli di permanenza in acqua. Un potenziale cliente la giudic "uno dei pezzi fabbricati in serie nelle acciaierie di Terni". Nel maggio del ' 65, seccato dal continuo andirivieni, il sacerdote aveva pregato il Barbetti di riprendersi la statua, richiesta che fu subito accolta. In questa prima fase del processo il Pm chiese per gli imputati 10 mesi di reclusione e 200.000 lire di multa; la difesa l'assoluzione per non aver commesso il fatto.
Alla fine il giudice sentenzi l'assoluzione degli imputati per insufficienza di prove; ma la vicenda non finisce qui.


Le tappe della vicenda.
Il nodo del contendere. Una statua del IV secolo a.C. attribuita a Lisippo. Si tratterebbe dellunica opera certa dello scultore greco
Il ritrovamento. Nel 1964 l'opera d'arte venne recuperata da un peschereccio fanese, il "Ferri-Ferruccio".
Il passo falso. Il prezioso ritrovamento non fu mai denunciato alla sovrintendenza, come prevedeva e prevede tuttora le legge. La statua fu rivenduta per tre milioni di lire.
LOdissea. La statua dopo essere sbarcata nel porto di Fano ha preso vie traverse che sono passate per l'Umbria e per l'Europa centrale. Poi da Londra il salto oltre l'Atlantico.
Lacquisto scottante.
La statua del Lisippo stata acquistata dal "Paul Getty museum" nel novembre 1977 per 3.900.000 dollari. Un acquisto illegale, visto che i responsabili della struttura museale americana sapevano della provenienza illecita dell'opera d'arte.
Allombra di un magazzino. La statua della discordia chiusa in un magazzino del museo californiano che non ne vuol sapere di restituire il Lisippo all'Italia.
In campo. Il primo a riproporre la questione stato il consigliere regionale Giancarlo D'Anna che. in vacanza a Malib, non ha potuto vedere te statua perch imballata e riposta nel magazzino del museo. L'onorevole Vittorio Sgarbi ha parlato di "doppia beffa" e ha invitato il governo a intervenire per ottenere la restituzione. Il presidente della Provincia Ucchielli ha scritto a Berlusconi. Il vicepresidente del gruppo parlamentare della Margherita Lusetti ha rivolto un'interrogazione in Parlamento.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news