LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Archeologia e paesaggio. Un restauro datmosfera
Gillo Dorfles
CORRIERE DELLA SERA, 28-SET-2005




Quando Sklovskij il grande estetologo russo coniava il termine di ostranenije straniamento a indicare come la decontestualizzazione d'un brano letterario ma in generale d'un qualsiasi elemento artistico portasse ad alterare e spesso ad accrescere l'efficacia di quel testo, non aveva forse considerato il processo inverso: quanto, cio, sia importante per il significato e la valutazione d'un'opera d'arte, il mantenimento del suo contesto. E, infatti, proprio del peso d'una cosiffatta contestualizzazione ci si rende conto, ad esempio in molti casi di opere dell'antichit, di famosi insediamenti archeologici, che soffrono se avulsi dal loro contesto e privati dell'originario territorio (si pensi solo al tipico caso dei Cloisters di New York, chiostri romanici strappati al Sud della Francia e ricostruiti ai margini di Manhattan). Ma si pensi anche a casi recenti: quello dell'archivio del Bauhaus ideato da Gropius per tutt'altra localit che quella berlinese attuale; o al monumento per Pertini progettato da Aldo Rossi non certo per il budello di via Manzoni.
Ho citato questi pochi esempi perch una teoria molto efficace circa i problemi del contesto ci viene ora offerta da un prezioso volumetto del noto archeologo-architetto Raffaele D'Andria (Un teatro di terra: il parco archeologico da Velia a Bramsche-Kallkriese, Ombre Corte, pp. 130, 12,50), responsabile dell'Ufficio tecnico della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino e Benevento, dunque non solo dei maestosi templi dell'antica Poseidonia (Paestum) ma dell'area della citt di Velia, la greca Elea, e di Buccino, l'antica Volcei. L'approccio di D'Andria di estremo interesse anche per i non-archeologi per il fatto d'aver posto in primo piano l'importanza da attribuire al contesto in ogni ricostruzione, soprattutto nei casi di parchi archeologici che dovrebbero sempre poter rifarsi alle situazioni ambientali e orografiche e non limitarsi al solo scavo delle arcaiche vestigia. Il restauro (...) non solo l'attuazione di protocolli per il "disvelamento" e la messa in valore del "luogo" (...) non solo la riproposizione conservativa (...) nel testo materiale; bens anche la calibratura di quest'ultimo nei rapporti di paesaggio con il contesto. Di quanto sopra una prova eccezionale la cittadina degli eleati e del grande Parmenide, l'odierna Velia, dove l'incontro tra mare e collina, tra ricostruzione dell'anfiteatro e delle terme pur conservando alcune delle costruzioni medievali, ha permesso di ottenere o di ricomporre quella straordinaria atmosfera che pu ricondurci al quinto secolo a.C. proprio per la contestualizzazione ricercata e ottenuta. Ma, se il percorso seguito da D'Andria da Velia a Paestum, ma anche dai parchi archeologici di Campiglia Marittima, di Orvieto, di Gabii, fino a quello in Germania di Bramdische-Kallkriese tutto un affascinante viaggio ipogeo, e insieme paesaggistico, quello che pi mi preme di sottolineare la maniera con cui l'autore affronta il complesso problema degli scavi, dei restauri e della ristrutturazione dei relativi parchi. sin troppo facile discorrere di restauri conservativi in occasione di monumenti dei secoli scorsi o polemizzare attorno a tante ricostruzioni pi o meno fantasiose in molte delle grandi metropoli arcaiche (da Chichn Itz a Persepoli, da Efeso a Pompei); quello che in realt viene spesso disatteso il problema dell'intimo rapporto tra paesaggio e retaggio, tra recupero urbanistico e genius loci. Un genius che dopo duemila anni spesso totalmente metamorfizzato, per cui spetter all'archeologo recuperare, se possibile, l'antico rapporto tra natura e artificio anche riandando a ricordi storici ancora rintracciabili. L'esempio del parco archeologico di Bramsche-Kallkriese citato da D'Andria riguarda il luogo d'una battaglia avvenuta nel 9 d.C. nella selva di Teoburgo dove, per stimolare l'immaginazione del visitatore nella ricostruzione mentale della battaglia, si sono sottolineati alcuni elementi e percorsi che costituiscono, appunto, il contesto del quasi inesistente testo archeologico.
Non c' dubbio, in definitiva, che anche nel nostro Paese sin troppo ricco delle memorie tangibili d'un glorioso passato sar possibile una diffusa consapevolezza di questo passato, solo con la giusta applicazione dei restauri e soprattutto delle atmosfere che li circondano. Non si dimentichi, infatti, che se esistono intere zone romane sotto le nostre citt (da Napoli a Verona, da Aosta a Milano) che difficilmente potranno essere recuperate perch sepolte sotto dense strutture urbane, per contro del tutto inammissibile che tutta la met d'una citt come Poseidonia si trovi ancora nascosta sotto campi di granturco (e neppure di pregiate colture) che non permettono di contemplare l'intero tracciato dell'anfiteatro, oggi per met occultato dalla vegetazione (quasi come avveniva alle rovine di Ushmal nello Yucatan o a quelle del Guatemala!).
Il caso di Paestum non che uno dei tanti esempi che gridano vendetta. Tanto pi quando si pensi che, anche solo l'incremento economico che un turismo elitario sarebbe in grado di apportare, basterebbe a compensare adeguatamente la mancata vendita di qualche quintale di granturco.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news