LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Esercizi storici capresi: delibera di tutela
di Maria Grazia Forte
27-09-2005 Il Denaro, Commercio & Logistica, terziario & territorio, Il Denaro


Delibera accolta all'unanimità per tutelare i pubblici esercizi storici di Capri. Il consiglio comunale ha approvato, col consenso di tutti, maggioranza e opposizione, il provvedimento che dovrebbe tutelare gli esercizi pubblici entrati, ormai, nella storia dell'isola partenopea. In conseguenza allo fratto del famoso night club "Number Two", si è riaperta la questione del cambio di destinazione di locali notturni, bar e ristoranti a favore delle griffes mondiali dell'abbigliamento. L'isola azzurra è stata teatro, in questi giorni, di vere e proprie opere di sensibilizzazione nei confronti dell'opinione pubblica. Bar, ristoranti e locali notturni, potrebbero essere soppiantati, nel giro di pochi anni, dai potenti marchi mondiali dell'abbigliamento, decisi a voler imporre le proprie vetrine sulle più belle piazze del mondo. In passato già si è assistito alla chiusura di famosi locali notturni per far posto a ben più note marche di abbigliamento, e già da allora Ciro Lembo, sindaco di Capri aveva palesato la sua intenzione a voler intervenire con una proposta ad hoc, che permettesse di salvaguardare l'attività degli esercizi pubblici entrati nella storia di Capri. La vita caprese, la bellezza di un'isola dal fascino conosciuto in tutto il mondo, deriva anche da questi piccoli o grandi locali, che insieme hanno dato l'impronta caratteristica di Capri. Dalle botteghe dell'artigianato locale, alle cantine, ai piccoli ristoranti, si distingue l'isola azzurra. La vetrina della lussuosa griffe la troviamo tanto a Milano quanto a New York. La specialità a base di pesce da gustare in un ambiente caratteristico, avendo come sottofondo musicale le melodie del mandolino, c'è soltanto nell'isola di Capri. Il provvedimento approvato dal consiglio comunale di Capri, una settimana fa circa, ha l'intento di "intervenire vietando il mutamento di destinazione dei locali commerciali attualmente destinati ad esercizi pubblici". A questa delibera, nello stesso consiglio, ha fatto seguito una variante nel piano regolatore, che permettesse agli esercizi pubblici di proseguire la propria attività per almeno dieci anni consecutivi. La proposta ha raccolto grandi consensi, ma ha creato anche grandi spaccature. La posizione dei proprietari degli immobili si contrappone a quella degli affittuari. "Avremo tra qualche giorno una riunione con i proprietari di bar, ristoranti e locali notturni. La nostra posizione - spiega Giuseppe Massa, presidente dell'Ascom di Capri - come associazione di commercianti, non è ancora ben definita. Speriamo che ad accompagnare questo vincolo, a tutela dei pubblici esercizi, ci siano agevolazioni anche per i proprietari degli immobili. La nostra proposta - prosegue il presidente dell'Ascom di Capri - è creare una situazione di vantaggio anche per i proprietari. Si potrebbe, ad esempio, evitare di pagare la tassa sulla spazzatura oppure evitare di pagare l'Ici, o altri privilegi che rendano la delibera vantaggiosa per tutti". Il provvedimento è stato approvato dopo anni di sfratti più o meno aberranti, sia per i capresi che per gli abitudinari dell'isola. Hanno chiuso negozi di artigianato, dal passato decennale e icone della movida notturna caprese”.

www.ildenaro.it


news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news