LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA: Piazza del Garraffello, che degrado
Vincenzo Prestigiacomo
www.lasicilia.it, 27/09/2005





Gli appassionati del centro storico, quando attraversano piazza del Garraffello e danno uno sguardo ai resti dei palazzi Rammacca e Lo Mazzarino, si fanno prendere dalla tristezza. Adesso che non ci sono pi i grandi tendaggi e le luci accecanti dei commercianti del mercato, quei due scheletri edilizi danno l'immagine di uno sfacelo inquietante.

Ha ragione Nino Vicari, presidente di Salvare Palermo, quando denuncia che il quartiere popolare pi celebre di Palermo in crisi profonda, vuoto di esercenti e di abitanti, con un vasto patrimonio edilizio - fra cui eccezionale quello a carattere monumentale - in gran parte degradato, in parte crollato, ma meritevole di recupero e di riutilizzo.

Sabato scorso cinque giovani milanesi hanno scattato una valanga di fotografie sul degrado dei palazzi Rammacca e Lo Mazzarino. Invero, erano interessati all'aspetto architettonico e si trovavano a Palermo per il congresso nazionale sul tema Lo stato dell'Arte. Cocente stata la delusione di quei cinque studenti nel trovare la Loggia dei Catalani nel coma pi profondo. Uno di loro aveva la riproduzione del libro settecentesco di Patrick Brydone; l'autore scozzese descrive questi luoghi con forte entusiasmo: La piazza del Garraffello affollata di carrozze e di gente che cammina a piedi, e per meglio favorire il piacere e l'intrigo v' la costumanza che nessuno di qualsiasi condizione sia, possa portare dietro un lume. Tutto sa di misterioso. Unica indiscreta la luna, che a volte viene a disturbare la passeggiata con la casta luce. Le signore per non farsi riconoscere camminano molto spesso con le maschere. Questa una istituzione che risale ai tempi degli arabi. Nella piazza del Garraffello i divertimenti principali sono le lunghe conversazioni, un assortimento vario ogni sera. Qui le conversazioni possono cominciare al tramonto e andare avanti fino a mezzanotte. Ci sono anche i sontuosi palazzi Rammacca e Lo Mazzarino da dove ogni tanto arriva una dolce musica.
Oggi negli stessi luoghi a conversare sono alcuni fedelissimi della Vucciria, il loro argomento del giorno il magico Palermo che riuscito a mietere vittime di squadre blasonate come l'Inter.
Ma andiamo a conoscere quella che fu la principesca dimora dei Gravina Filangeri di Rammacca, che occupava l'intero isolato fino alla retrostante via Terra delle Mosche, che, secondo lo studioso ottocentista Piola, si chiam in questo modo perch la strada era battuta di molta gente. All'inizio del Seicento nell'enorme edificio aveva sede l'ufficio della Tavola, il Banco pubblico fondato nel 1553 e poi trasferito a palazzo Pretorio. Nel 1721, un crollo costrinse i proprietari ad iniziare un intero programma di interventi. Sembra che la relazione del progetto sia stata firmata da Giuseppe Amato, l'architetto di palazzo Gaetani-Rostagno. Ma il tremendo terremoto del 1726 mise nuovamente in ginocchio la struttura. La nuova dimora dei Rammacca venne innalzata sul finire del 1730 e porta la firma di Nicol Palma. In una incisione di Giuseppe Vasi (1736) si nota la statua di Carlo III al centro di una machina scenica d'argento sbalzato e pietre dure, innalzata da orafi e argentieri in occasione dell'incoronazione. L'edificio venne abbellito all'interno con saloni affrescati e pavimenti in maiolica che servivano per le sontuose feste da ballo. Il principe di Rammacca fu capitano di Giustizia e gentiluomo di Camera di Sua Maest. La famiglia Gravina Filangeri di Rammacca fu una delle pi nobili, antica e gloriosa per possesso di molti feudi e per numero di cariche ricoperte.
Oggi l'edificio di piazza Garraffello, anche se degradato, abitato da diverse coppie giovani che sperano in un miracolo di recupero dell'immobile e della zona. Palazzo Lo Mazzarino, invece, si trova in uno stato di degrado veramente grave, puntellato e abbandonato al proprio destino. Ormai esiste soltanto la scheletrica facciata con una nicchia vuota dove un tempo era inserito il busto marmoreo di Carlo V. Sembra, comunque, che la scultura sia stata recuperata dalla Soprintendenza e conservata nei magazzini.





news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news