LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Getty-scandalo, spiragli per il Lisippo
Pia Bacchielli
Corriere Adriatico, 27/9/2005

ANCONA - Settemila opere d'arte trafugate, la maggior parte ritrovata in Francia, Regno Unito, Belgio, Svizzera, Grecia e Spagna e in un' altra quindicina di Paesi esteri. Con gli Stati Uniti a rappresentare da soli circa il 40% del mercato mondiale sottratto all'Italia. Dati di un vero e proprio saccheggio compiuto negli ultimi vent'anni ai danni dell' Italia. E le Marche non sono da meno. Secondo un'interrogazione dei consiglieri Prc della Provincia di Pesaro Alessio Mangani e Orlando Lustrissimini, sarebbero duemila le opere trafugate nel 1811 dal principe Eugenio Bonaparte. E da allora le cose non sono andate migliorando. Fino al Lisippo di Fano custodito al Paul Getty Museum, lultimo esempio.
Ed proprio la villa di Malib oggi ad essere messa sotto accusa. A gridare allo scandalo, il Los Angeles Times in un'inchiesta ripresa da Repubblica. Secondo il quotidiano gran parte della collezione del petroliere americano stata acquistata da "tombaroli" e ricettaroli internazionali". Il che dimostra che Getty sapeva che i suoi principali fornitori vendevano oggetti molto probabilmente trafugati ma che nonostante questo continu ad acquistarli. E la polemica si riaccende.
"Sono contenta, qualcosa finalmente si sta muovendo", dice Maria Luisa Polichetti gi sovrintendente delle Marche e oggi consulente per i beni artistici del presidente Spacca. Non che sia una gran novit, aggiunge, di "acquisti avventati" sono pieni i musei di tutto il mondo. Ma la vicenda, Lisippo in primis, " da seguire con attenzione". Per la statua ripescata nel 1964 dal motopeschereccio fanese "Ferri-Ferruccio", pu aprirsi uno spiraglio "ma - avverte la Polichetti - serve un'azione forte, coinvolgendo tutte le istituzioni. Una task force che si muova sulla base di principi giuridici".
E' infatti la legislazione che diversa in ogni Paese a creare l'intoppo. "Il nostro Ministero sta lavorando da decenni in questo senso - ricorda il soprintendente ai Beni Archeologici Giuliano de Marinis - ma di fatto una normativa protezionistica solo in Italia, Grecia e Turchia che sono i Paesi pi esposti. Il resto terra di conquista. Oggi - spiega ancora - gli scenari clandestini non ci sono pi, il business rientra in quello pi vasto di droga e traffico d'armi. Solo in tempi recenti, grazie a convenzioni internazionali, possibile procedere al recupero delle opere trafugate. E solo in casi in cui si pu provare l' illegalit della provenienza. E questo - ribadisce - non il caso del Lisippo". A questo proposito De Marinis categorico: "Bisognava pensarci per tempo. Le lacrime da coccodrillo non servono". La statua, messa all' asta con finte certificazioni dopo un passaggio in Svizzera per "ripulirla", ha perso - dice De Marinis - ogni pretesa di tornare in patria.
Invita a non darsi per vinti l'onorevole Vittorio Sgarbi, gi sottosegretario ai Beni Culturali. "Ci vuole una determinazione del governo - ripete - le strutture ci sono. L'inchiesta pubblicata dal Los Angeles Times? Pu avere un peso, s. Pu essere lo spiraglio per rialzare la testa. Ma se la questione non finisce sulla scrivania di qualche funzionario finisce qui". E ancora: "Nel quadro generale di una rivendicazione dell'Italia, il Lisippo pu rientrare. Ovunque l'abbiano ripescato. Perch dal punto di vista giuridico l'importante che abbia messo piede in Italia. E a quel punto difficile dire che il trafugamento non c'".
Buone novit intanto sul fronte della prevenzione e della lotta ai traffici illeciti di opere d'arte. A fine anno sar istituita la sezione marchigiana del Nucleo tutela patrimonio culturale dei carabinieri, finora accorpata a quella dell'Emilia Romagna. Secondo i dati forniti dal comando regionale dei carabinieri, dal primo gennaio ad oggi sono 35 i colpi messi a segno a danni delle opere d'arte custodite nelle Marche. Mobili antichi, quadri, oggetti sacri dal valore di svariate migliaia di euro che hanno preso la via dei ricettatori. Diversi i rinvenimenti, poca cosa per rispetto alla gran mole dei pezzi rubati. Il colpo pi eclatante, il 21 gennaio ad Ascoli con mobili antichi, armi da collezione e oggetti sacri di grande valore asportato e poi recuperato. A luglio toccato a Recanati. L'ultimo colpo messo a segno stato il 17 settembre alla chiesa di Cagli.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news