LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mostre. Niente pi polizza. Lista d'attesa per la garanzia dello Stato
Antonello Cerchi
Il Sole 24 ore, 26 settembre 2005

Niente pi assicurazione per organizzare le mostre d'arte. Ora si pu ricorrere alla garanzia (o indemnity) statale. Cos prometteva un decreto dello scorso febbraio, diventato operativo ad aprile, firmato dall'allora ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani.

Quelle belle intenzioni, per, al momento sono rimaste tali.

Il ministero non riesce a rispondere ai soprintendenti che bussano per sapere se possono finalmente risparmiare i soldi della polizza.

In sala d'aspetto. Almeno due eventi attendono risposta: la mostra dei disegni di Domenico Morelli, che sar inaugurata il 29 ottobre a Napoli a Castel S. Elmo, e quella sul '700 romano, in via d'allestimento a Roma, a Palazzo Venezia.

Per l'esposizione napoletana abbiamo gi ricevuto il via libera del comitato tecnico di settore del ministero dei Beni culturali spiega Nicola Spinosa, soprintendente del polo museale partenopeo ma manca il s del ministero dell'Economia. Pare che abbiano chiesto se i luoghi in cui si terranno i due eventi siano sicuri. Forse non sanno che in quegli spazi si fanno mostre da vent'anni. Nella stessa situazione si trova l'esposizione romana.

I tempi stringono. Probabilmente anche questa volta prosegue Spinosa dovr stipulare un'assicurazione. Sono preoccupato per ci che potr accadere con la mostra su Tiziano e il ritratto italiano del '500, prevista qui a Napoli al museo Capodimonte a fine marzo del prossimo anno. Sono attesi dipinti da tutto il mondo e il valore dell'esposizione, calcolato sui quadri di propriet non statale, oscilla tra due e tre milioni di euro. Per capirci, quella su Morelli di circa un milione di euro. Eppure molti altri Paesi ricorrono allindemnity: la Francia, la Gran Bretagna, la Spagna, l'Austria.

I dubbi delle assicurazioni. Le perplessit sull'applicazione della nuova norma provengono anche dal fronte assicurativo. difficile metterla in pratica afferma Massimo Maggio, presidente di Progress Insurance Broker, societ leader nel campo delle assicurazioni d'arte , anche perch contempla il diritto di rivalsa statale. Quale trasportatore o quale allestitore accetter in futuro di lavorare sapendo che corre il rischio di dover rifondere, in caso di furto o danni all'opera, i soldi allo Stato?.

I dubbi, tuttavia, non si fermano qui. Sempre dal mondo assicurativo puntano il dito sul modo in cui la norma congegnata. Niente da dire sul fatto che lo Stato possa accollarsi il rischio del prestito di opere di sua propriet. Anche perch questo si traduce in un risparmio per gli organizzatori delle mostre.

Diverso, invece, se lo Stato intende garantire opere di propriet altrui, anche di musei statali stranieri. In quel caso si configurerebbe una vera e propria copertura assicurativa e non una fideiussione, come nel caso di garanzie prestate per beni propri che solo una societ di assicurazioni pu effettuare.
A meno che anche lo Stato non voglia impegnarsi nel settore. Allora spiegano in ambiente assicurativo deve chiedere le dovute autorizzazioni all'Isvap.


II meccanismo
Come funziona la copertura statale
■Assicurazione addio. Le mostre organizzate in Italia e all'estero dal ministero dei Beni culturali o da enti e istituti pubblici con la partecipazione statale, possono fare a meno della copertura assicurativa e affidarsi alla garanzia statale. Lo prevede il decrto del 9 febbraio 2005 predisposto dai Beni culturali
■ La procedura. Sulla richiesta di esenzione dall'assicurazione richiesta che deve essere inoltrata almeno sei mesi prima della mostra decide il comitato tecnico-scientifico dei Beni culturali competente per materia (archeologico, paesaggistico, artistico, archivistico, librario, architettonico)
■ la chiodo a chiodo. La garanzia statale copre i rischi legati al furto, perdita o danneggiamento dell'opera e lo fa da 'chiodo a chiodo", ovvero dal momento in cui il bene lascia il posto in cui attualmente custodito, al momento in cui vi fa ritorno. La copertura statale vale solo per gli spostamenti dell'opera nel territorio nazionale.
Se il bene va all'estero, deve essere assicurato. Se un'opera viene prestata all'Italia da un museo straniero, pu usufruire della garanzia statale dal momento in cui varca il nostro confine
■Diritto di rivalsa. Lo Stato pu rivalersi, in caso di furto o danno dell'opera, sugli eventuali responsabili
■Chi paga. Le risorse per la garanzia statale sono attinte dal Fondo di riserva per le spese obbligatorie e d'ordine del ministero dell'Economia



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news