LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Che bella l'Italia vista con occhi a mandorla
Stefano Bucci
Corriere Economia, 26 settembre 2005

Ma quali vittime del colonialismo? Lo stile italiano ha una radice solida, precisa e innovativa. Si riconosce fin da Tokio...

La rivista giapponese «A+U» celebra l'architettura tricolore. Una profonda metamorfosi dei luoghi

Giappone e Italia, storia di una passione. Una passione eterna, o quasi, visto che proprio in questi giorni la più quotata rivista giapponese di architettura celebra con un numero monografico (il primo dopo ben venticinque anni), italian style of live o meglio quella che viene definita Italian Metamorph, la metamorfosi italiana. Finendo per schierarsi, più o meno involontariamente, nella recente polemica sulla presunta colonizzazione del nostro paese da parte dei progettisti stranieri (giapponesi compresi, a cominciare da Arata Isozaki).
A+U (ovvero Archìtecture and Urbanism , questo il nome della rivista con testi in giapponese e inglese curati da Luca Molinari), non ha davvero dubbi: il panorama dell'architettura italiana è un panorama di tutto rispetto. E pieno di sorprese. Dove, accanto a nomi noti (pur con qualche esclusione eccellente), si ritrovano le belle novità (finora sconosciute ai non addetti ai lavori) dei Metrogramma, del gruppo IaN+ o dell'Osservatorio Nomade. Una ventina in tutto i progetti presentati suddivisi in quattro sezioni che poi sono quattro differenti declinazioni del made in Italy: l'invenzione urbana, le tradizione «riletta», la sperimentazione, i vero e proprio stile.
Non sorprende trovare tra le scelte di A+U progetti ormai celebri come la palazzina residenziale di Cino Zucchi a Venezia, la Bicocca di Vittorio Gregotti, la nuova Fiera di Massimiliano Fuksas, il raffinato intervento di Antonio Citterio per il nuovo Hotel Bulgari, il nuovo show-room di Cavalli progettato da Italo Rota. Piacevoli rivelazioni sono invece quelle dei più giovani (da Labics ai maO ai C + associati), tanto che proprio ad un gruppo nuovo è addirittura dedicata la copertina: il coloratissimo asilo nido-nursery dello Studio Albori a Roma.
Sono progetti (realizzati o no), di cantine per il vino (Archea), negozi di piastrelle (Fabio Novembre) oppure parchi pubblici (Marco Navarra). E (sia pure con una predominanza del Nord rispetto al Sud), toccano di fatto tutto il nostro territorio, da Caltagirone a Bolzano, da Bari a Maranello, da Pescara a Casetta. Il risultato è sorprendente: quello di un panorama variegato che può essere raffinatamente minimalista oppure deliziosamente kitsch, che può guardare alla lezione di Mies van de Rohe oppure reinterpretare il nostro grande passato: perché (questa è in fondo l'opinione di A+U), l'Italia è stata e continua ad essere, forse senza nemmeno saperlo, uno dei laboratori più vivaci e più gloriosi delle attuali tendenze ir materia di architettura. Finendo così pel cambiare in continuazione. Metamorfosi italiana, appunto.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news