LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Senza tempo n legge. Nuove norme ministeriali in materia di ambiente, senza alcun dibattito. Arriveranno mai in porto?
Calzolaio, Valerio
Da Avvenimenti, 23-29 settembre 2005 (g.p.)


Data di pubblicazione: 25.09.2005




Lo scontro si annuncia aspro e di merito. Di qui al voto politico, nel paese e in Parlamento, centrodestra e centrosinistra parleranno soprattutto con i fatti. Sul piano istituzionale le due questioni pi grandi fino alla fine dell'anno sono la finanziaria 2006 e leventuale riforma elettorale. La prima si deve comunque fare, la seconda non si dovrebbe comunque fare (non si cambiano le regole, da soli e alla vigilia del voto). C una terza questione alla quale vi invito a dare uno sguardo non troppo distratto: il governo Berlusconi propone di riformare l'intera legislazione ambientale italiana. Questa settimana avr il parere formale della commissione scelta da Matteoli, poi inizier il suo iter fino ad avere il bollo delle compiacenti maggioranze di centrodestra delle commissioni parlamentari. Infine raccoglier osservazioni pubbliche (varie amministrazioni) e private (alcuni gruppi d'interesse), subir un ultimo passaggio parlamentare per un parere definitivo; poi dovrebbe emanare i decreti con i nuovi testi. Tutto questo percorso potrebbe essere chiuso in circa cento giorni.

Le bozze circolano da neanche un mese, le strutture ministeriali competenti non le hanno mai viste: sono affidate, finora, solo ad amici e consulenti fidati. Sono state inviate ai 24 commissari il 2 settembre, via email. Se le hanno stampate occupano migliaia di fogli e vari chili di carta. La riunione della commissione era prevista per il 7 settembre, la maggioranza dei presenti non le aveva nemmeno sfogliate, il ministero ha chiesto di andare avanti comunque, una settimana per le osservazioni, quindici giorni per il varo, previsto a giorni. Con coraggio e intelligenza il Wwf ha fatto circolare in rete i testi gi dall8 settembre, inviandoli anche agli ignari deputati e senatori. Gi li avevo scorsi ma stata una scelta intelligente. Pensate, ho contato in 5 decreti 214 articoli e oltre 30 allegati. Dovevano essere 7 decreti, ma due sono stati accorpati (tutela delle acque e difesa del suolo) e uno non pronto (gestione delle aree protette). Articoli spesso molto lunghi, con tanti commi. Allegati enormi pieni di schede ed elenchi. E come si fa? Immagino i 24 commissari, almeno quelli davvero competenti, con un po di coscienza. Che osservazioni possono fare? Conosceranno bene alcune materie, si limiteranno a qualche articolo di un solo decreto. Avrebbero bisogno di consultare altri esperti, di simulare alcuni effetti, di verificare stati di attuazione della legislazione vigente, nelle regioni ad esempio, di comparare direttive comunitarie e norme di altri paesi, di raccogliere spunti di docenti, ricercatori, amministratori, operatori. La democrazia parlamentare serve a questo. C un percorso trasparente: istruttoria in commissione, tempi per gli emendamenti, audizioni, dossier dei servizi studi, note degli uffici, comitati ristretti, valutazioni politiche nei gruppi, pareri delle altre commissioni, lettura in aula, discussione, s discussione, su ogni tema, su ogni articolo, su ogni comma. Solo alla fine di tutto questo dovrebbe esserci un voto. Poi passaggio allaltra Camera, stesso iter, modifiche. Ci si arriva lentamente a norme generali ed astratte. Non sempre perfette o coerenti, limitando per il rischio di piaceri frettolosi, di passaggi segreti, di interessi privati. E si arrivati cos alle decine di leggi che ora Berlusconi e Matteoli vogliono cambiare per intero, in legislature diverse, con finalit specifiche, correggendo e affinando, attraverso complesse attuazioni. Quei soli 24 commissari hanno avuto 20 giorni per tutti i testi, le commissioni parlamentari avranno un solo mese. Su testi che gi si dicono di voler cambiare, su testi che per ora nemmeno ci sono. Chi ha studiato i decreti ha gi denunciato i pericoli di sostanza, sui rifiuti come sulla valutazione di impatto ambientale. Magari ci sar anche qualche osservazione che verr recepita. Ma limpianto che ha bisogno di una lunga, approfondita, discussione. Suggerisco alla commissione e al ministro di riflettere bene. La legge dice che nei due anni successivi all'emanazione il (nuovo) governo e il (nuovo) Parlamento possono riscrivere tutto. Forse meglio allora prendersi qualche mese in pi, predisporre schemi sui quali Camera e Senato possono lavorare con calma nei primi due anni della prossima legislatura. Altrimenti, se dovremo prendere o lasciare, dovremo proprio lasciare.





news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news