LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Prato. "Pecci pronto a riaprire, il piano B è portare arte ai Gigli"
Anna Beltrame
La Nazione - Prato 15/1/2021

«Noi siamo pronti, possiamo aprire il giorno dopo il via libera del governo. Non vediamo l’ora di poterlo fare». Cristiana Perrella, direttrice del centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, è da tempo in prima linea: i musei, gli spazi di cultura, sono presidi fondamentali in questi tempi così difficili. E’ stato lo stesso ministro Dario Franceschini ad annunciare, ieri mattina a Firenze, la possibilità di riaprirli dal 18 gennaio, ma solo nelle regioni gialle e solo nei giorni feriali. «Purtroppo non poter riaprire nei week end e dover rispettare il coprifuoco delle 22 limita le possibilità di visita. Quanto annunciato è comunque meglio di niente», commenta Perrella. Così, se non ci saranno dietrofront da Roma e la Toscana continuerà ad avere la sua patente gialla, dopo due mesi e mezzo di lockdown la prossima settimana le porte del Pecci si apriranno di nuovo, con ogni probabilità dalle 14 alle 20. Torneranno le attività didattiche in presenza e si potranno visitare le mostre in corso, a cominciare da «Protext! Quando il tessuto si fa manifesto», chiusa appena dieci giorni dopo l’inaugurazione.
«Se non ci avessero fatto riaprire avevamo un piano B – confida Perrella –: portare l’arte contemporanea ai Gigli. Un giorno un’opera, un giorno un’altra e raccontarle ai visitatori del centro commerciale. Lavoro, consumo e social: questa non è vita, ma è stata ed è la vita di tante persone. Chiudere i musei, specialmente quelli come il nostro, non votati ai grandi flussi di turismo e finanziati con risorse pubbliche, secondo me è stata una scelta sbagliata».

In questi mesi il rapporto del Pecci con la città si è rafforzato. «Abbiamo sperimentato forme diverse di comunicare l’arte, la bellezza e la libertà – racconta la direttrice – . Allo stesso tempo abbiamo reso più più strette le relazioni con altre istituzioni culturali anche a livello internazionale. Sono stati mesi difficili, ma ci hanno costretto a metterci in discussione, ad essere flessibili e innovativi. I risultati sono stati importanti e positivi, è però arrivato il momento di riaprire le porte alle persone, con tutte le precauzioni del caso, naturalmente».

Perrella annuncia che riaprendo, il Pecci esibirà alcune mostre: Vuoto, , di Jacopo Benassi, fotografie inaugurata a settembre e aperta fino a febbraio; Protext!, rassegna di artisti che utilizzano tessuti per lanciare messaggi di carattere umanitario, sociale e politico-internazionale, "una mostra pensata per Prato in cui ogni artista avrà una sala per sé", spiega Perrella; Litosfera, dialogo fra un video di Sara Tirelli ed Elena Mazzi con un'installazione ambienale di Giorgio Andreotta Calò. Infine, Raid, video e tre foto di Marcello Maloberti.

La prima mostra interamente progettata per il 2021 sarà una retrospettiva dedicata a Chiara Fumai: un omaggio all’artista scomparsa nel 2017 a soli 39 anni dopo aver sviluppato in modo originale e potente i linguaggi della performance art e dell’estetica femminista. Intanto, si stanno per concludere i lavori di ampliamento e restauro delle aule didattiche del museo, che potranno accogliere più bambini e magari anche classi intere delle scuole che per colpa del Covid di altri spazi hanno bisogno. Perché è dalla scuola e dai ragazzi che è importante ripartire, oggi più che mai.

https://www.lanazione.it/prato/cronaca/centro-pecci-perrella-1.5913726


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news