LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. C’è chi aspetta il via e chi scalpita. Ma i musei sono pronti a riaprire
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino - 14/1/2021

Aspettano solo il via ufficiale. Ma sono quasi tutti pronti a riaprire, i musei fiorentini, sia statali che civici. Molti già da sabato se — come ha annunciato il ministro Roberto Speranza — il nuovo Dpcm lo permetterà. Perché nelle regioni in zona gialla «potranno riaprire i musei nel rispetto di tutte le misure di distanziamento».

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi non si pronuncia fino a quando non vedrà nero su bianco il provvedimento. Ma già alla fine del primo lockdown e all’inizio del secondo, dopo l’estate, aveva spiegato come i meccanismi di chiusura e apertura erano stati molto ben oliati. Di fatto gli Uffizi sono si sempre considerati «pronti» a riaprire. Alla Galleria dell’Accademia stanno lavorando in vista di sabato. Anche la direttrice Cecilie Hollberg precisa che «attendiamo la comunicazione ufficiale» e oggi dovrebbero far sapere tempi e modi. Ma in via Ricasoli sono ancora alle prese con i cantieri: hanno approfittato della prolungata e forzata chiusura di questi mesi per mettere mano ai lavori in varie sale. Sono ancora in corso quelli nella Sala del Colosso, la prima che si incontra entrando nel museo. E nei prossimi giorni dovrebbero partire anche quelli alla Gipsoteca.

Discorso diverso per il Museo di San Marco, che da una parte non vedeva l’ora di poter mostrare ai visitatori la rinnovata sala del Beato Angelico. Ma dall’altra sta facendo la conta del personale. Perché «aspettiamo la conferma delle unità di personale in quota Ales», come specifica il direttore Angelo Tartuferi, in riferimento a quella fetta di personale non direttamente dipendente dal museo ma fornito dalla partecipata del Ministero. E Paola d’Agostino dei musei del Bargello si dice pronta a «riaprire subito Cappelle Medicee, Bargello e Palazzo Davanzati». Ma non Orsanmichele e Casa Martelli.

Chi non ha dubbi sulla ripartenza sono i musei civici. «Pronti subito, da sabato», conferma l’assessore alla cultura di Palazzo Vecchio Tommaso Sacchi. Che però solo oggi farà sapere se la riapertura interesserà la totalità dei musei comunali, dopo la riunione con i dirigenti previsto in mattinata. Sicuramente sarà della partita il Museo Novecento dove durante il lockdown è stata allestita una delle mostre più attese, la retrospettiva su tre piani dedicata allo scultore inglese Henry Moore, protagonista negli anni Settanta di una storica mostra al Forte Belvedere. «Con Moore al Novecento, la mostra immersiva su Raffaello in Sala d’Arme a Palazzo Vecchio e quella con le foto di Massimo Sestini dedicata a Dante in Santa Maria Novella diamo un segno di rinascita — spiega Sacchi — Abbiamo bisogno di una programmazione a medio-lungo termine per i nostri musei: la cultura non può vivere giorno per giorno, la cultura è programmazione e la programmazione si fa con delle prospettive. Purtroppo le ricadute di una pandemia non sono preventivabili facilmente». Sabato il Museo Novecento coglierà anche l’occasione per mettere in mostra il nuovo allestimento della collezione permanente.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news