LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una Centrale dei Beni Culturali per Napoli: la rivoluzione proposta dal Prof. Giordano dopo il crollo dell’arco Borbonico
Francesca Sabella
Il Riformista 6/1/2021

«Napoli dovrebbe comportarsi come le altre città europee nelle quali è solo l’amministrazione comunale a prendersi cura del patrimonio culturale, occupandosi della manutenzione e della valorizzazione dei suoi beni. Perché una città accogliente e funzionante è innanzitutto un fiore all’occhiello per il sindaco che la governa»: ne è convinto Paolo Giordano, professore di Restauro dell’Architettura e coordinatore del dottorato di ricerca in Architettura e Beni Culturali dell’università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli e da poco membro dell’osservatorio della qualità dell’Architettura della Regione.

L’idea di nominare un unico responsabile che pensi alla valorizzazione della città e dei suoi beni, porrebbe fine a quel groviglio burocratico composto da Comune, Soprintendenza, Autorità portuale e altri enti che pure orbitano nella dimensione cittadina.

Come per le città di Oporto, di Nantes o di Amiens, la soluzione di una gestione unica dei beni sarebbe ideale anche per Napoli. Lo sarebbe se chi governa la città dimostrasse di avere a cuore la sua storia e spendesse le giuste risorse per tutelarla. Le indagini di Openpolis sugli ultimi dati disponibili rivelano che Napoli sborsa appena 13,57 euro pro capite per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali: ultima in classifica, nessuna grande città italiana fa peggio. La più virtuosa, invece, è Firenze che per i suoi beni culturali spende 117,51 euro pro capite.

Per beni culturali si intendono le cose immobili e mobili che presentano interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico: dai musei alle biblioteche passando per monumenti, parchi e manoscritti rari. I beni culturali sono di diversa tipologia e diversa proprietà: pubblica, dello Stato o di enti territoriali, o privata. In quanto a bellezza e storia, Napoli non è seconda al capoluogo toscano né ad altre città italiane, ma dimostra di non saper valorizzare le proprie ricchezze e, quindi, è come se non le avesse. Un copione che si ripete troppo spesso, specialmente di fronte ai disastri frutto dell’incuria e della mancanza di un’adeguata politica manutentiva.

Crolla l’arco borbonico di Via Caracciolo, pezzo unico della nostra memoria? Ed ecco che si scatena il solito scaricabarile: «Doveva pensarci il Comune», «Perché la Soprintendenza resta a guardare», «No, è tutta colpa dell’Autorità portuale». Probabilmente non si saprà mai chi avrebbe dovuto provvedere alla manutenzione ordinaria, fatto sta che l’arco borbonico è stato sgretolato dalla violenza della mareggiata che nei giorni scorsi ha devastato il lungomare. L’episodio ha risvegliato qualche coscienza, ma sempre in ritardo, sempre un poco più tardi, sempre quando ormai il dado è tratto e il danno è fatto.

«Dare la colpa all’Autorità portuale anziché al Comune è troppo semplice: la colpa è di tutti – sottolinea Giordano – Noi cittadini non abbiamo quella coscienza critica capace di capire che ci troviamo di fronte a beni preziosi e non abbiamo la dignità di tutelarli. Noi come le istituzioni». E allora cosa fare per salvare le eccellenze storiche e architettoniche della nostra città? «Bisogna stabilire che solo il Comune deve occuparsi della tutela e del restauro dei beni culturali – afferma Giordano – e che deve farlo coinvolgendo le università e i giovani che hanno l’entusiasmo e le competenze per centrare questo ambizioso obiettivo». Ma ci deve essere anche un cambio di mentalità e uno sguardo nuovo sulla cultura, iniziando a considerarla per quello che è: un volano importantissimo per lo sviluppo dell’economia di Napoli. «Un sindaco deve investire sui bene culturali perché producono reddito – conclude Giordano – Una città accogliente e ben tenuta stimola il turismo. La cultura deve essere vista come una risorsa patrimoniale da mettere a reddito. Oggi non è così».

https://www.ilriformista.it/una-centrale-dei-beni-culturali-per-napoli-la-rivoluzione-proposta-dal-prof-giordano-dopo-il-crollo-dellarco-borbonico-186906/


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news