LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Campanello di allarme della Corte dei Conti sul decreto legge salva-deficit recentemente varato dal governo
Reuters 07/05/2002

La magistratura contabile, ascoltata oggi alla Camera, pur riconoscendo l'importanza del provvedimento, sostiene la necessita' che Patrimonio spa rimanga nel bilancio consolidato dello Stato ed esprime "un giudizio negativo" per l'intreccio azionario che si verrebbe a creare tra Patrimonio spa e Infrastrutture spa e per il conferimento di beni da parte di Patrimonio spa ad altre societa' in mano pubblica. "Si tratta di un provvedimento estremamente importante che aderisce all'esigenza, gia' segnalata dalla Corte dei Conti, di valorizzare il patrimonio pubblico ma ci sono delle parti del provvedimento che ci preoccupano come l'intreccio tra la Patrimonio spa (che e' una societa' pubblica e dovrebbe restare in ambito del consolidato della Pubblica ammministrazione) e Infrastrutture spa (che potrebbe aprirsi ai privati). Cio' rischia di annebbiare e diluire la trasparenza in un settore cosi' delicato come quello del patrimonio dello Stato", ha spiegato il presidente della Corte, Francesco Staderini, a margine dell'audizione informale di oggi. A chi gli chiedeva cosa fare per evitare l'intreccio, il magistrato ha risposto che "e' necessario che non ci sia il trasferimento di azioni tra le due societa'". Soddisfazione dell'opposizione per l'intervento della Corte. L'ex ministro del Tesoro, Vincenzo Visco (Ds), ha detto "che le nostre preoccupazioni erano motivate. La Corte dei conti chiede trasparenza e separazione contabile delle due societa'". Sulla stessa linea, Roberto Pinza (Margherita), secondo il quale la Corte ha espresso critiche su tre fronti: "L'incrocio azionario, il consolidamento a bilancio dello Stato ed il potere assoluto che il ministro dell'Economia si e' attribuito su materie di solito riservate al legislatore".
PATRIMONIO SPA RESTI A BILANCIO DELLO STATO "Per la Patrimonio spa resta da definire, in base ai criteri Sec 95, se la nuova societa' sia da includere all'interno del conto delle pubbliche amministrazioni ovvero in altra collocazione all'interno della contabilita' economica nazionale. Sembra auspicabile la collocazione della societa' all'interno del conto consolidato delle pubbliche amministrazioni", si legge nella relazione consegnata dalla corte dei Conti alle commissioni Finanze e Bilancio riunite della Camera. La separazione di Patrimonio spa dal conto dello Stato metterebbe anche a rischio la riduzione del deficit che attualmente il governo opera attraverso le operazioni di cartolarizzazione. "Nell'ipotesi che la nuova societa' non fosse ricompresa fra le amministrazioni pubbliche, le stesse operazioni di cartolarizzazione - a differenza di quanto avviene quando la Stato e' il diretto venditore di immobili - non darebbero luogo ad alcun miglioramento dell'indebitamento netto dei conti pubblici (conto consolidato delle PA), neppure in modo indiretto attraverso il trasferimento allo Stato dei proventi delle cartolarizzazioni (operazione che, secondo le regole Sec 95, sarebbe trattata come un prelevamento di capitale)", spiega il documento. "Maggiori incertezze" presenta Infrastrutture spa riguardo la collocazione nel sistema della contabilita' nazionale. Secondo la Corte dei Conti infatti, "la straordinaria dimensione quantitativa dei flussi che, in questa configurazione, verrebbe sottratta al bilancio dello Stato, al conto delle amministrazioni pubbliche e, di conseguenza, anche al controllo parlamentare, giustifica in ogni caso l'introduzione nella legge di conversione dell'obbligo di una rendicontazione specifica annessa al rendiconto generale dello Stato".
NO A INCROCI AZIONARI PATRIMONIO/INFRASTRUTTURE Netto poi il dissenso sugli incroci azionari. "Sembrano non coerenti con una ordinata costruzione del nuovo assetto gli incroci consentiti dal provvedimento tra Patrimonio spa e Infrastrutture spa, ma anche tra Patrimonio, Cassa Depositi e Prestiti e sue societa' collegate ed altre societa' in mano al Tesoro [...]. La trasferibilita' di azioni, che puo' a sua volta costituire societa' figlie anche con privati, fa si' che il patrimonio immobiliare e mobiliare dello Stato possa essere influenzato dall'andamento di societa' nelle quali non c'e' partecipazione pubblica totalitaria e che, pur collegate alla Infrastrutture, operano esposte ai rischi del mercato [...]. Le considerazioni sopra esposte inducono la Corte ad esprimere un giudizio negativo sia sui legami azionari, sia sui conferimenti di beni che collegano le societa'"
COPERTURA GARANZIE STATALI SU INFRASTRUTTURE SPA Su Infrastrutture "la principale questione da approfondire riguarda copertura finanziaria della garanzia statale sui titoli emessi dalla societa' [...]. Essa si configura come un onere che, ancorche' eventuale, dovrebbe essere commisurato alle notevoli dimensioni dell'esposizione debitoria e, quindi, del rischio connesso alla natura dell'attivita' della costituenda societa'". E' necessario pertanto, "una previsione dell'entita' delle operazioni programmate nel bilancio pluriennale e del Dpef, sia la rimodulazione annuale della programmazione finanziaria". La nascita delle due societa', Patrimonio dello Stato spa e Infrastrutture spa, e' stata prevista dal decreto legge del governo cosiddetto salva-deficit. La prima societa' dovrebbe vedersi attribuire progressivamente tutto il patrimonio immobiliare iscritto nel bilancio patrimoniale dello Stato; la seconda avra' la funzione di project financing per le opere pubbliche.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news