LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I 400 interventi dell’Istituto Veneto per i Beni Culturali
Melania Lunazzi
Il Giornale dell'Arte n. 413 1/1/2021

Con quasi trent’anni di attività alle spalle nel campo del restauro, l’Istituto Veneto per i Beni Culturali è una realtà ormai consolidata e forse ancora poco conosciuta al di fuori del Veneto, nonostante un’operatività costante che ha esportato anche in altre regioni italiane e all’estero, con interventi in manufatti e moschee tra Israele, Palestina e Yemen. Dal 1995 ad oggi sono stati quasi 400 i cantieri di restauro portati a termine, di cui più di 200 dal 2011, con progetti in ogni ambito e tecnica su superfici di qualsiasi materiale.

Giuridicamente l’istituto, fondato e tuttora diretto da Renzo Ravagnan, è classificato come un ente non profit deputato per statuto alla formazione superiore di restauratori ed è riconosciuto e finanziato direttamente dalla Regione Veneto. Presso quest’ultima è infatti accreditato per la formazione professionale di tecnici specializzati nel restauro di beni culturali, formazione che viene messa in atto sia attraverso corsi triennali per raggiungere la qualifica di Tecnico del restauro, sia con corsi di specializzazione e di inserimento nel lavoro rivolti a restauratori già diplomati.

Oltre che di formazione l’istituto si occupa di ricerca e progettazione nel settore del restauro e della conservazione del patrimonio storico artistico e architettonico del territorio, operando in stretta sinergia con le Soprintendenze competenti, con il Polo Museale di Venezia e con il sostegno dei Comitati Privati Internazionali per la Salvaguardia di Venezia, della cui associazione è membro.

Obiettivo principale dell’ente è da sempre il restauro del patrimonio culturale della collettività, gestito da istituzioni pubbliche o di diritto pubblico, ed è per questo che gode del sostegno economico per la formazione erogato dalla Regione Veneto: «Di fatto siamo sostenuti economicamente, riferisce Federica Restiani, responsabile scientifica dell’istituto e docente in Storia delle tecniche costruttive e Conservazione dei materiali dell’edilizia storica, dal settore pubblico e attraverso la formazione professionale dei giovami “restituiamo” in qualche modo questo sostegno alla collettività con il restauro dei beni culturali». Un esempio emblematico è senz’altro Villa Pisani a Stra, dove con cantieri scuola l’istituto opera dal 2016 nel restauro periodico di tutti gli elementi interni ed esterni, giardino incluso.

Dopo il restauro del pavimento in opus sectile della Ca’ d’Oro danneggiato dall’alta marea, è in corso, per lo stesso motivo, con gli stessi finanziatori (Save Venice Inc, che è uno dei membri dei Comitati Privati Internazionali per la salvaguardia di Venezia) e con la direzione della stessa Restiani, il restauro della pavimentazione in opus sectile della Chiesta di Santa Maria dei Miracoli (conclusione entro l’anno). Sempre a Venezia e con la stessa direzione lavori, a ottobre si sono conclusi due cantieri importanti: nella Chiesa di San Rocco e in Palazzo Sandi.

Nella Chiesa di San Rocco le operazioni di restauro si sono concentrate sulle superfici murarie della cupola, dipinte a metà Settecento con tecnica a olio da Giuseppe Angeli sulle tracce dei precedenti affreschi perduti eseguiti da Giovanni Antonio de’ Sacchis detto il Pordenone due secoli prima: un cantiere didattico nell’ambito della formazione del corso per Tecnico del restauro attivato dall’Istituto e finanziato dalla Regione con Fondo Sociale Europeo e Ministero del Lavoro.

In Palazzo Tiepolo Sandi Cipolla si è intervenuti sul restauro del fregio pittorico monocromo di Nicolò Bambini presente nel salone del piano nobile e avente per soggetto L’umanità primitiva o Allegoria della lascivia (1724-25). Il dipinto dell’allora settantenne Bambini fa da perimetro al grande affresco «Il trionfo dell’eloquenza», uno dei suoi primi lavori veneziani del giovane Tiepolo. Il fregio monocromo è stato eseguito con la cosiddetta tecnica del marouflage, pittura murale a olio «mediata» poco diffusa a Venezia ad eccezione della celebre impresa del Fumiani a San Pantalon.

In questo caso è stata realizzata mediante l’applicazione di porzioni successive di tela, incollate e chiodate alla centinatura lignea del soffitto, per una superficie complessiva di oltre 50 metri quadrati. Quest’ultimo restauro è stato realizzato con il sostegno dell’Associazione nazionale costruttori edili di Venezia che ha sede nello stesso edificio.

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/i-400-interventi-dell-istituto-veneto-per-i-beni-culturali-/134935.html


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news