LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Monza. La maledizione della Reggia: dal sogno alla corrente staccata
Marco Galvani
Il Giorno - Monza 4/1/2021

A poco più di sei anni dall’inaugurazione, il sogno del rilancio della Villa Reale di Monza, prestigioso fantasma restaurato dopo decenni d’abbandono, si arena di nuovo. Colpa dei conti in rosso e della guerra fra il l’ente pubblico da cui dipende il monumento e il privato che gestiva il complesso.

Ora il Consorzio preferisce ripartire da zero. Cancellando quanto fatto finora dal concessionario Nuova Villa Reale. E rifiutando la sua proposta di "subentrare nei contratti attivi e passivi, al fine di assicurare continuità nella gestione". Si tratta non soltanto delle utenze, dall’energia elettrica all’acqua, ma anche degli accordi per la mostra su Dalì, per il personale, i servizi di guardiania, biglietteria e guardaroba. E per il bristrot Vicook della famiglia stellata Cerea.

Dopo aver confermato a fine novembre l’immediato recesso dal contratto dando 15 giorni di tempo (ultimatum passato senza che nulla succedesse, aprendo quindi la strada a un ‘divorzio’ in tribunale) per ricevere il pagamento delle "somme dovute a oggi al concessionario" (8,3 milioni di euro) e rimandando al 15 gennaio la consegna delle chiavi del corpo centrale della Villa, Attilio Navarra, legale rappresentante della società Nuova Villa Reale, è pronto a smantellare la ‘sua’ porzione di reggia. Il 23 dicembre il Consorzio ha comunicato ufficialmente di non avere intenzione di ‘ereditare’ alcun contratto né di rilevare alcun arredo, tendaggi compresi.

Nonostante a fine ottobre il Consorzio avesse espressamente confermato di avere un’unica priorità: riaprire tutta la Villa. E sia. Ma tutto quello è presente oggi nel corpo centrale non ci sarà. Niente mobilio, niente bookshop, tende, né bar e cucine: "Da domani (oggi, ndr) iniziamo a smontare ed entro l’11 gennaio i locali dovranno essere vuoti e dovranno essere fuori anche Vicook e la mostra di Dalì (che sarebbe dovuta rimanere in calendario fino a dicembre 2021) – l’ultimo aggiornamento di Navarra -. Amarezza per il personale (9 addetti della società Cultura Domani e altri 5 di Nuova Villa Reale in cassa integrazione dalla scorsa primavera ndr ) e anche per quanto fatto finora all’interno della reggia, a cominciare dagli arredi disegnati dall’architetto Michele De Lucchi. Erano molto belli: pezzi unici, li metteremo all’asta".

Intanto, il 15 gennaio è confermato l’incontro per la riconsegna delle chiavi del corpo centrale al Consorzio. Un epilogo "doloroso" - il commento di Navarra -, ma ormai inevitabile dopo aver tentato invano, per tre anni, di chiedere la revisione del piano economico della concessione per i bilanci costantemente in perdita (quasi un milione e mezzo di euro all’anno) e della mancata realizzazione del progetto di restauro delle altre ali della Villa Reale. Nemmeno nell’ultimo anno, dopo il primo invio dell’atto di recesso a novembre 2019, la contesa ha fatto passi in avanti verso una soluzione ‘amichevole’. Fino all’ultimatum (scaduto) del concessionario.

https://www.ilgiorno.it/monza-brianza/cronaca/reggia-1.5875692


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news