LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. La situazione umiliante dei Girolamini
Tina Lepri
Il Giornale dell'arte, 21/08/2020

Dopo furti, crolli e mancati restauri il complesso Unesco rischia di perdere 7 milioni di finanziamento UE


Nel centro storico di Napoli, sito Unesco sin dal 1995, i previsti e urgenti lavori di restauro sono fermi da tre anni nel celebre cinquecentesco complesso dei Girolamini. È chiuso, nascosto dalle impalcature, mentre cadono pezzi da soffitti e strutture di sostegno.

Quello dei Girolamini è un insieme importante: comprende la chiesa monumentale San Filippo Neri, la ricca Quadreria con opere famose (Zuccari, Pomarancio, Ribera, Guido Reni ecc.) e una biblioteca tra le più importanti d’Europa, con 180mila volumi sotto sequestro giudiziario dal 2012, dopo il grande saccheggio e dispersione di centinaia di libri antichi e rarissimi incunaboli (XVI- XVII sec) rubati dal suo direttore Marino Massimo De Caro.

In realtà i restauri avrebbero dovuto essere conclusi da tempo. Nel 2013 è iniziato l’iter per le gare di appalto concluse solo nel 2015: ad oggi sono stati montati soltanto i ponteggi e tutta la piazza dei Girolamini è un grande cantiere inattivo coperto da teli svolazzanti, circondato da reti metalliche, invaso da erbacce, cristallizzato in uno stato di degrado e provvisorietà.

Nel 2017 l’architetto Paolo Rocchi, collaboratore della ditta che si è aggiudicata l’appalto di parte dei lavori, compresa la chiesa dove il restauro è a buon punto, rileva «forti criticità su tutti gli elaborati progettuali redatti dalla Soprintendenza». Ci vuole una variante, quindi un nuovo progetto. Nell’ottobre 2018 le due amministrazioni responsabili dei Girolamini, Comune e Soprintendenza, ordinano la sospensione dei lavori per «l’elaborazione del progetto di variante». Da allora la situazione non si sblocca, tutto è fermo tranne gli ultimi crolli nell’area dell’aranceto. Il restauro urgente è finanziato dall’Unesco mentre la ditta, paralizzata e custode dei materiali, minaccia l’iter giudiziario.

La situazione umiliante dei Girolamini si aggiunge al pesante degrado dei tanti complessi monumentali di Napoli vandalizzati o in stato di semiabbandono. Per il ripristino dei Girolamini l’Unione europea ha stanziato 7,7 milioni di euro come parte del progetto Unesco per il centro storico ma, denunciano la stampa e autorevoli comitati di cittadini indignati, la scadenza di questi fondi Por è datata 2020 e si rischia di perderli, come è successo altre volte. Ma l’attuale direttrice ad interim dei Girolamini, Simonetta Buttò, ci rassicura: «Quel rischio è superato dai fatti: la laboriosa variante al progetto è quasi pronta. I lavori urgenti, iniziati a metà luglio dopo i crolli dovuti al cedimento dei solai, proseguiranno senza interrompersi». Attivare i cantieri è un compito prioritario, aggiunge Buttò, ma quello principale è prendersi cura della Biblioteca e di tutto il complesso dei Girolamini «per ridare decoro a un sito affascinante ma abbandonato al degrado».

L’interim di Simonetta Buttò sta per scadere. Il posto di direttore dei Girolamini verrà assegnato entro settembre 2020 (così è previsto) al vincitore del concorso internazionale del Mibact. A lui spetterà il compito non facile di salvare e far rinascere questo straordinario luogo di cultura e di bellezza.

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/la-situazione-umiliante-dei-girolamini/133849.html


news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news