LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Barcellona. 101 anni fa il primo strappo in Catalogna (ora a Boston)
Roberta Bosco
Il Giornale dell'Arte numero 409, agosto 2020

Lo stacco dell'affresco del Pantocratore della chiesa di Mur, in Catalogna, fu il primo di una serie che diede origine all’attuale collezione di arte romanica del Mnac di Barcellona

A causa dell’emergenza sanitaria, in diversi Paesi il turismo rurale è ancora più di moda di quanto già non fosse. È molto probabile, quindi che quest’anno la calma di Mur, un paesino ai piedi dei Pirenei, venga alterata così come lo fu nell’estate del 1919 con l’arrivo del mercante d’arte Ignasi Pollack e dell’équipe del restauratore italiano Franco Stefanoni, maestro della tecnica dello «strappo» che aveva messo a punto per tutelare il patrimonio italiano durante la prima guerra mondiale. Stefanoni strappò l’affresco del Cristo che presiedeva la chiesetta di Santa Maria e lo consegnò al collezionista Luís Plandiura, che due anni dopo lo vendette al Museum of Fine Arts di Boston, dove è tuttora esposto.

In occasione del centenario di questo primo strappo, il Museu Nacional d’Art de Catalunya (Mnac) di Barcellona promuove la visita ai luoghi d’origine delle opere che adesso sono conservate nelle sue sale e formano una delle collezioni di arte romanica più importanti del mondo. «La rimozione del Pantocratore di Mur segna una vera svolta nella salvaguardia dell’arte nelle zone rurali e l’inizio di un’intensa campagna che durò fino al 1923, anche se ci furono interventi sporadici fino al 1978», spiega Pepe Serra, direttore del Mnac.

La tecnica dello strappo permetteva di rimuovere la pellicola pittorica, come se fosse un negativo, e trasferirla su tela. Con questo sistema sono arrivate al Mnac le opere che formano la sua eccezionale collezione, provenienti dalle chiese di Sant Climent e Santa Maria de Taüll, Sant Joan de Boí e Santa Maria de Aneu, tra le altre.
«L’architetto modernista Josep Puig i Cadafalch, allora presidente della Comunità della Catalogna, era favorevole a mantenere gli affreschi nel luogo d’origine, ma presto si rese conto che nonostante l’intervento fosse rischioso, era preferibile al saccheggio e al deterioramento», spiega Serra.

L’anniversario rappresenta un’opportunità per valorizzare le aree d’origine delle opere e la loro importanza storica, architettonica, artistica e paesaggistica. «Anche se non è possibile né raccomandabile ricollocare le opere nelle rispettive chiese, visitare i luoghi d’origine consente di percepire un’atmosfera speciale», assicura Serra, elogiando iniziative come la fedele riproduzione dei dipinti di Mur o la proiezione (videomapping) del Pantocratore di Sant Climent de Taüll.

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/101-anni-fa-il-primo-strappo-ora-a-boston-/133586.html


news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news