LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Statua di Canova danneggiata, a questo porta lossessione del selfie. Larte è solo un trofeo
Manlio Lilli
Il Fatto Quotidiano 5/8/2020

La notizia del turista che per mettersi in posa per una foto ha deciso di sedersi sulla statua di Paolina Borghese al Museo di Possagno ha fatto il giro del mondo. Perché il capolavoro di Canova ha avuto le dita di un piede spezzate. Un incidente, ovviamente. Ma anche la prova che cè qualcosa che non va.

Ormai da tempo. Da quando lossessione del selfie ha travolto le persone. Da quando il desiderio di immortalarsi insieme allopera nel museo ha avuto la meglio. Sulla voglia di ammirare le opere darte. Fino al punto di esserne rapiti. Di entrarci quasi dentro.

La questione è seria, a dispetto di quanto molti pensino. Perché in fondo riguarda la fruizione da parte dei visitatori. Il loro reale interesse a visitare la sala di una pinacoteca, come quella di un antiquarium. Già, perché lingresso in un luogo della cultura comporta evidentemente una scelta. Che non può non essere consapevole. Altrimenti, diventa inutile. Lesperienza si trasforma in una perdita di tempo, fine a sé stessa.

Essere spinti a muoversi per andare in uno spazio dedicato ad osservare non è un dono il più delle volte. E un esercizio. Una abitudine. Che va alimentata. Il problema è che in non pochi casi si va soprattutto per potersi immortalare con il capolavoro noto e celebrato. Naturalmente non per un semplice, ma condivisibile, ricordo personale. Ma piuttosto per poterlo condividere sui social. Per far sapere ai propri amici e follower che siamo andati in un museo piuttosto che in un altro.

Daltra parte se le celebrità lo fanno, perché mai non lo dovrebbero fare anche gli altri? Insomma, le persone normali? Certo è che in questa maniera i grandi capolavori spesso finiscono per vampirizzare le altre opere, vicine. In molti casi, non meno meritevoli di attenzioni.

Il caso della Gioconda, al Louvre è esemplificativo. La sua collocazione nella Salle des Etats richiama sempre le folle dei visitatori. Tanto prese dal celebre dipinto di Leonardo e dalla possibilità del selfie-ricordo, da disinteressarsi completamente delle vicine Nozze di Cana, del Veronese. La Venere di Botticelli, agli Uffizi, utilizzata come quinta di scena da Chiara Ferragni è solo il caso più recente di questa degenerazione della libera fruizione.

Vince il narcisismo, troppo spesso. Riducendo così lopera darte, il capolavoro, ad un trofeo. Contraddicendo quindi la sua natura. Non si ammira più il quadro e la statua. Ci si fa ammirare. Linteresse è spostato su sé stessi. Se cè una qualche ammirazione nei confronti dellopera darte, essa è funzionale alla evidenziazione di se stessi. Ma può accadere che questo desiderio di esserci, spinga il visitatore a mettere addirittura in pericolo lintegrità dellopera.

Ed è quello che è accaduto a Possagno. E nel 2018 nella città russa di Yekaterinburg, dove una ragazza mentre cercava di farsi una foto in primo piano davanti ad un quadro di Salvator Dalì, lha urtato, facendolo cadere a terra. Ogni ricordo è più importante condividerlo che viverlo, cantavano Fedez e J-Ax in un successo dellestate 2016. Accade proprio questo.

Anche in Luoghi nei quali lestasi da contemplazione dovrebbe allontanare ogni desiderio di protagonismo. Luoghi nei quali si dovrebbero mettere in tasca il cellulare per concentrarsi su quello che cè da osservare. Senza pensare ai selfie. Mettendo da parte la frenesia da social, almeno per il tempo della visita.

Tra i cinquanta scatti di Massimo Pacifico, esposti lo scorso ottobre al Museo archeologico di Napoli ce ne è uno che rappresenta una ragazza seduta al centro di una delle sale del Museum der Bildenden Kunste di Lipsia. E intenta ad osservare una grande tela. Non fotografa con il suo iphone, ma con gli occhi. Non si avvicina a quel che sta osservando, ma rimane alla distanza consentita. Quella che le può permettere di avere una buona visione dellopera.

Lo scatto di Pacifico non descrive lunico modo di guardare un quadro. Ma certo ha colto la modalità più immediata. Quella che avvicina di più, perché elimina qualsiasi intermediazione. Peccato però che lesercito di quelli che preferiscono i selfie aumenti. Di giorno in giorno. Facendo il male dei luoghi della Cultura.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/08/05/statua-di-canova-danneggiata-a-questo-porta-lossessione-del-selfie-larte-e-solo-un-trofeo/5890529/


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news