LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Padova. Villa Breda nelle mani del Comune accordo su cinque anni di gestione
Davide D’Attino
Corriere del Veneto, Padova e Rovigo - 2/7/2020

Intesa con il commissario della Fondazione. Giordani: è un bene dei padovani da valorizzare

È più o meno da inizio consigliatura, quindi ormai da tre anni, che la giunta cittadina (a cominciare direttamente dal sindaco Sergio Giordani) continua a manifestare l’intenzione di acquisire la proprietà di Villa Breda. Ovvero l’antica dimora veneziana, costruita intorno alla metà del 1600, che si trova in via San Marco a Ponte di Brenta, proprio a due passi dal ponte sul fiume, e che fa parte dell’immenso patrimonio immobiliare della Fondazione Breda. Cioè l’Ipab che, all’inizio del secolo scorso, il senatore Vincenzo Stefano Breda ha lasciato in eredità ai padovani e che, negli anni scorsi, la Regione ha deciso di sciogliere e porre in liquidazione dopo il crac finanziario di decine di milioni di euro scoppiato una decina d’anni prima, con relativi strascichi giudiziari, per colpa degli amministratori dell’epoca.

Finora però, a differenza di quanto fatto per gli altri beni della Fondazione, tra cui figurano soprattutto l’ippodromo delle Padovanelle e il vicino hotel-ristorante con due piscine, campo da tennis, giardino e sala congressi, il tribunale non ha mai messo in vendita all’asta Villa Breda. Aste plurimilionarie, peraltro, che sono sempre andate deserte (l’ultima a ottobre dell’anno passato). E allora, prima che ai piani alti di via Tommaseo cambino idea, Palazzo Moroni ha deciso di giocare d’anticipo. Tanto che ieri, dopo aver siglato un apposito accordo con il commissario straordinario della Fondazione (il commercialista trevigiano Marco Della Putta), il sindaco Giordani ha fatto approvare in giunta una delibera propedeutica alla presa in concessione dell’edificio (e dell’immenso parco circostante) per i prossimi cinque anni, impegnandosi da subito ad effettuare alcuni lavori di manutenzione straordinaria del valore di 60 mila euro. Nel quinquennio in questione, inoltre, il Comune si farà carico del pagamento di tutte le utenze e delle spese tributarie ad eccezione dell’Imu. E ovviamente, qualora intanto Villa Breda finisse all’asta e trovasse un compratore, Palazzo Moroni libererà l’immobile nel più breve tempo possibile. A meno che, ipotesi tutt’altro che improbabile, non decidesse di partecipare a tale asta.

«Villa Breda e il suo parco - ha commentato il sindaco - rappresentano un bene preziosissimo non solo per Ponte di Brenta, ma per tutta la nostra città. Un bene dei padovani che deve restare ai padovani e che abbiamo l’obbligo morale di valorizzare e riaprire al pubblico, dando così seguito al lascito del senatore Breda». Già, riaprire al pubblico Villa Breda. Ma per farci cosa? «Continueremo a collaborare con Lucia Barbato che negli ultimi anni, con l’associazione Viviamo Villa Breda, si è battuta strenuamente per far sì che il complesso restasse in mani pubbliche. E poi - ha spiegato l’assessore comunale alla Cultura, Andrea Colasio - organizzeremo varie iniziative culturali per far conoscere a padovani e turisti un luogo che possiede un importante valore storico e artistico e che, non a caso, è protetto da numerosi vincoli della Soprintendenza». Parole che l’assessora cittadina al Verde Pubblico, Chiara Gallani, rinforza così: «Sarà nostro compito potenziare al massimo non solo l’edificio, ma anche il grande parco che gli gira attorno e che costituisce un suggestivo polmone verde proprio all’ingresso di Padova».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news