LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cultura è lavoro (che va difeso)
Walter Veltroni
Corriere della Sera 9/5/2020

La cultura è un lavoro. Non va mai dimenticato. E non lo è solo quello di chi crea.

È la fatica quotidiana di una platea enorme e silenziosa fatta di macchinisti del cinema, di datori luci del teatro, di fonici dei concerti, di custodi di sala dei musei, di autisti di camion del circo. La cultura è anche questo lavoro. Umile e grande.

Un milione e mezzo di persone sono occupate in questo settore. I talenti milionari, dei quali il Paese ha comunque un gran bisogno, quanti saranno: mille, duemila? Gli altri aspettano con ansia una telefonata che li convochi per truccare un attore, per restaurare un quadro danneggiato o cucire un costume.

La precarietà è connaturata a questo lavoro. Questo meraviglioso lavoro. Che oggi è sterminato dal virus. Musei chiusi, set fermi, concerti impossibili, teatri vuoti, circhi senza pubblico, orchestrali muti, librerie con la mascherina, ballerini senza partner. Lorrenda frase Con la cultura non si mangia, è diventata una realtà, purtroppo.

Una desolazione che ha esattamente la stessa dignità della crisi spaventosa che sta falcidiando ovunque la creatività e il lavoro italiano. Non di più, non di meno. Un teatro che chiude i battenti è una perdita non meno grave di quella un negozio che tira giù la saracinesca. Perché è lavoro. E oggi, nel mondo culturale, tutto è fermo e non si sa quando mai ripartirà.

La cultura vive del rapporto del tutto originale che si crea tra chi produce e chi consuma. Esistono insieme, solo insieme. Un quadro visto sul computer, uno spettacolo teatrale fruito solo in tv, un concerto di musiche di Rossini o del pianoforte di Keith Jarrett ascoltati su Spotify, un film senza lemozione della sala e del pubblico, un circo virtuale senza bambini: tutto utile, comunque utile, ma freddo.

Il lavoro della cultura ha bisogno del calore della fruizione collettiva. Per questo bisogna difendere, oggi più che mai, in questa emergenza devastante, la cultura italiana. Bisogna difendere il lavoro culturale. Quello degli elettricisti e quello degli autori, che sono in fondo la stessa cosa. Non esistono, né luno né laltro, se non in un rapporto di mutuo appoggio.

Nel 1941, lanno dellentrata in guerra degli Usa, Roosevelt registrò una della sue conversazioni radiofoniche dedicandola al cinema e al suo valore economico e civile. E nel New Deal la cultura ebbe un ruolo importante. Due giorni orsono il presidente Macron ha presentato un importante progetto organico sul rilancio della cultura francese articolato attraverso misure di emergenza e interventi strutturali.

Il rischio è che invece il nostro Paese finisca col chiudere una delle sue filiere produttive e identitarie più importanti. Il ministro Franceschini certamente si batte per evitarlo e ha stanziato fondi importanti per i musei. Ma bisognerebbe subito presentare un grande piano nazionale di organizzazione del consumo culturale e di rifinanziamento della sua attività produttiva e di tutela e conservazione del patrimonio. Intanto intervenendo per fermare la chiusura in corso di una miriade di teatri e di sale cinematografiche, di musei e librerie, di circoli culturali e attività di strada e la disperazione di centinaia di migliaia di lavoratori, artisti. Bisognerebbe costringere le grandi piattaforme digitali e chi opera su beni pubblici, come letere, a restituire il favore alla comunità sostenendo finanziariamente la produzione culturale nazionale ed europea.

Si potrebbe pensare, lo ha proposto Pierluigi Battista su questo giornale, a un Fondo per la cultura italiana. Bisognerebbe insomma avere il coraggio di smantellare vecchie abitudini e strutture e di percorrere vie nuove, più moderne e trasparenti.

Senza la sua cultura lItalia non sarebbe più lItalia. La cultura è lavoro, è pensiero critico, è libertà, è ricchezza della nazione.

Cè da augurarsi che il presidente del Consiglio voglia evitare che il nostro Paese smarrisca una delle virtù che lo hanno reso grande e unico nel mondo.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news