LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La rivoluzione Boeri: fuoritutto quello che era dentro
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 25/4/2020

Giocare sui grandi spazi. Ampliare le case è difficile, i luoghi comuni no

La cattiva notizia è che larchitetto Stefano Boeri, guardando alla ripartenza del dopo-virus, scorge due scenari. Entrambi da guardare con molta cautela. I pensatoi di architettura si interrogano sulle strategie: come ripensare case, piazze, città. La presidente della Scuola di Architettura dellUniversità di Firenze, Susanna Caccia Gherardini, punterebbe sul potenziamento degli spazi aperti. Marco Casamonti e Massimiliano Fuksas rispondono con le case anti-virus.

E lei Boeri, quale visione ha del futuro, quali sono questi due scenari?

Il primo è il potenziamento del digitale, che può essere spinto fino a forme di controllo e sorveglianza estremi: droni, riconoscimento facciale, geolocalizzazione generale. In Cina li ho visti applicare, sono al limite della totale privazione dei diritti elementari.

È comprensibile che la spaventi. Laltro?

Lavorare sullaspetto fisico, è la strada delle barriere, dei muri, dei plexiglass per separare le persone, dividere lo spazio pubblico. In entrambi i casi ci vuol poco a finire in un regime totalitario o in incubo distopico fatto di piazze murate.

Il tema è la fisionomia delle città dopo la pandemia. Cosa fare allora?

Le città hanno due possibilità: lavorare sul tempo, sui ritmi di vita, de-sincronizzandoli, aprendo scuole e uffici a orari diversi, non più contemporaneamente, così da evitare intere fasi della giornata dove le città si ingolfano e le persone si ammassano. Spandendo la vita urbana non dico su 24 ore ma almeno su 16. Cambiare radicalmente il nostro modo di vivere il tempo.

Oppure?

Oppure lavorare sugli spazi aperti. A Firenze avete bellissimi e grandi lungarni, un parco vicino al centro come le Cascine: iniziate a portare fuori ciò che sta dentro. A fornire ogni negozio di un dehors. Magari con marciapiedi e strade più strette, tanto dovremo organizzarci con meno traffico e parcheggi.

Ma le piazze di Firenze sono già piene di dehors, il Comune ha concesso licenze a valanga e talvolta, come per piazza della Repubblica, ci si è pure pentiti.

Mi riferisco principalmente a spazi di condivisione, come il progetto illuminante che Richard Rogers pensò 35 anni fa per le sponde dellArno. Dovremo trovare chi si prende cura degli spazio aperti e i piani terra, anche commerciali, potranno dare idee e risorse. Avete il modello dellEstate Fiorentina a cui rifarvi come volano culturale di piazze, strade e cortili.

A Firenze abbiamo già i marciapiedi che più stretti non si può.

È un cambiamento radicale e bisogna avere coraggio. Ripensare i mezzi di trasporto pubblico con una maggiore distanziazione interna e intensificando le corse. E lavorare per aumentare sharing ed elettrico. In 4 anni al massimo dovremmo chiudere per sempre con la mobilità basata sui combustibili fossili.

Lei ci chiede di uscire di casa e vivere il più possibile sotto il cielo?

Laria, il suo circolare nello spazio, sarà fondamentale dopo questa esperienza di chiusura. Anche per combattere il virus. Penso a concerti e cinema allaperto non solo destate, imparando a riscaldare gli ambenti dinverno. Ci stiamo già lavorando. Con attenzione ma si può fare.

Chissà il consumo di energia

Stiamo già progettando quartieri energeticamente autosufficienti: eolico, geotermia, idrogeno. Ma serve unoperazione di decentramento.

Difficile proporre unidea così per Firenze.

Firenze ha già una sua natura policentrica eccezionale. Non dovete pensare solo al quadrilatero del turismo: ridistribuite i flussi in modi alternativi, sia quelli dei turisti che dei cittadini.

Sono anni che ci si prova, o almeno se ne discute. Pare sia una sfida impossibile.

Ma non cè più alternativa. Dario Nardella e Tommaso Sacchi si stanno prodigando al massimo su questo tema, ho molta fiducia in loro. E a causa della pandemia, potrebbe essere la volta buona. Avremo meno turisti per un po, possiamo lavorare per riportare i fiorentini in centro.

Lei immagina una Firenze capace di vivere fuori con il distanziamento sociale?

Avete un problema di densità degli spazi ma ciò che ci viene chiesto ora è attivare un processo molto radicale: questa emergenza ci dà anche loccasione di mettere a posto centinaia di piccoli centri storici attorno alle città, dal territorio verso Pistoia ai borghi bellissimi dellAppennino.

Ma non parlavamo di ripopolare il centro?

Il centro è già abbandonato. Punto. Lo avete lasciato in mano agli Aribnb. Quindi, se da una parte occorre lavorare per ripopolarlo, dallaltra è fondamentale pensare anche a rendere vivibili i centri fuori dal centro. Il processo di fuoriuscita dalle città è inevitabile, va orientato.

Qual è il modo giusto?

Non ripetere gli errori degli anni 80 con la cementificazione tra Firenze e Pistoia e sulla costa. La città è piccola e circondata da ville e borghi storici da sfruttare. E poi Firenze ha già una buona sintassi urbana: corsi e lungarni che sembrano piazze, una gamma di piccoli, medi e grandi slarghi. Bellissimi. Può diventare la sua qualità.

E sulle case al tempo del coronavirus, cosa pensa?

Che è sbagliato ragionare di soglie minime di metri quadrati. Gli spazi sono quelli che sono, inadatti al distanziamento sociale. Meglio pensare ad arredi flessibili, a case capaci di cambiare nel corso della giornata: camere che sono da letto di notte e studi di giorno, letti che diventano tavoli. E ridurre la congestione. Ampliare le case sarebbe difficile in tempi brevi. Ampliare gli spazi comuni invece sì. Con presidi sanitari diagnostici diffusi a livello sia di condominio che di quartiere.

Anche i quartieri cambieranno?

A Tirana ne vedrete uno nuovo tra due anni progettato da noi in chiave post-Covid: con spazi aperti ancora più ampi, abitazioni tutte con un piano di coworking, scale e ascensori più grandi, ingresso di merci solo dal tetto, tramite droni, per togliere le auto dalla strada. Il tetto diventerà la quinta facciata delle case del futuro.

È fantascienza.

No, futuro prossimo.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news