LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli oggetti parlano della Liberazione
Giorgia Mecca
Corriere della Sera - Torino 15/4/2020

Con la staffetta della memoria le piccole cose escono fuori dai cassetti e narrano la storia

Dal personale al collettivo. Per celebrare i 75 anni dal giorno della Liberazione, a partire dal 25 aprile, il Museo diffuso della Resistenza di Torino organizza la Staffetta della memoria , uniniziativa online che ha lobiettivo di restituire spazi, momenti e testimonianze della vita partigiana vissute in prima persona o tramandate di generazione in generazione. I cittadini possono prendere parte a questo racconto collettivo mostrando agli altri oggetti risalenti alla Seconda guerra mondiale: lettere, taccuini, pagine consumate di diari, borracce, ritagli di giornale, ma anche capi di abbigliamento e strumenti di uso domestico. Il progetto si svolge in collaborazione con la Rete italiana di cultura popolare e Istoreto, listituto piemontese per la storia della Resistenza e della società. Si tratta di una pratica di public history, storia pubblica, che mette al centro le persone, i cittadini e la memoria che conservano di quel periodo storico, dice Roberto Mastroianni, presidente del museo che ha sede in corso Valdocco 4. Avevamo già provato a fare qualcosa di simile nel 2017, con una mostra spettacolo in cui le persone ci hanno portato ciò che conservavano di quel tempo, caratteri tipografici della stampa clandestina, coperte fatte con materiali di recupero. Tra i reperti da custodire nella memoria collettiva cerano anche ununiforme, una maschera antigas, un barattolo di vetro contenente una razione di latte in polvere da conservare in luogo fresco e asciutto secondo le indicazioni, donata dallesercito statunitense e un portasigarette speciale, quello che salvò Bruno Segre dagli spari della Guardia nazionale repubblicana nel 1944 ma che, per usare le sue stesse parole, non mi impedì di finire nella caserma carcere di via Asti. Si tratta di pezzi di cronache personali, talvolta anche piccoli, che servono però a comprendere meglio la vita di quegli anni. Dal 25 aprile all8 settembre, due date simboliche per la nostra repubblica, sui canali social del Museo (oltre che sul sito web www.museodiffusotorino.it, su Instagram alla pagina @museodiffuso, su Facebook e YouTube cercando MuseoDiffusodellaResistenza), sarà possibile visitare virtualmente una grande esposizione partecipata che manderà in onda i video di tutte le persone che decideranno di aderire a questo progetto. Chi vuole partecipare alla costruzione e alla curatela della mostra deve inviare allindirizzo e mail info@museodiffusotorino.it un filmato che duri al massimo tre minuti e che racconti il proprio oggetto e la funzione che aveva, oltre a un introduzione storica che aiuti a contestualizzarlo meglio (il video deve essere spedito attraverso wetransfer, tutte le informazioni sono consultabili sul sito, insieme alla liberatoria da firmare e da allegare alla email). Il risultato sarà una mostra aperta, scritta, curata e costruita insieme a tutti i cittadini, continua Mastroianni. Lessico familiare, custodito nei cassetti delle proprie case, che si trasforma in storia cittadina e del nostro Paese, cronaca privata che diventa narrazione pubblica.

La raccolta dei video termina il 31 luglio 2020, fino a quel momento ognuno potrà mandare il proprio contributo. Il museo a porte chiuse in realtà, grazie alla Rete e alle infinite connessioni che permette, è più aperto e condiviso che mai e dà a tutti la possibilità di far sentire la propria parola, di raccontarla agli altri. Anche se virtualmente, perché con uno schermo si riescono a raggiungere più persone. A futura memoria, per continuare a non dimenticare ciò che è accaduto, anche e soprattutto a settantacinque anni di distanza. Si tratta di un anniversario importante, per cui avevamo in programma molte iniziative che sono soltanto rimandate e speriamo di far partire subito dopo lestate. Tra i progetti in sospeso, cè linaugurazione di una grande mostra fotografica dedicata alle immagini di Felix De Cavero, uno dei pochi fotografi e reporter partigiani, membro della quattordicesima brigata garibaldina e ideatore, nellimmediato dopoguerra, della prima esposizione della Resistenza a Torino, la Mostra artistica documentaria partigiana, in una galleria di via Roma. Sono passati più di settantanni da allora, è tempo di mostrarle di nuovo, per raccontare ai più giovani cos è stato il 25 aprile.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news