LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palatino, scoperta la Casa delle vestali
Paolo Brogi
Corriere della Sera - cronaca Roma 15/9/2005

Riportata alla luce la capanna delle vestali, mitica costruzione dell'VIII secolo che sorgeva accanto al tempio dedicato alla dea e nei pressi delle case dei re sotto il Palatino. Focolari, piani di cottura, buchi di pali, ricettacoli per cereali e un ovale perimetrale, all'interno di un muro perimetrale di 85 centimetri che delimitava il recinto sacro. La scoperta e la datazione eseguite dall'equipe di archeologi di Andrea Carandini, che da oltre vent'anni scava alle pendici del Palatino. Spiega l'archeologo: II ritrovamento dimostra che non abbiamo solo un muro intorno al Palatino ma anche un muro dell'area sacra che faceva parte del complesso del Foro, insomma le due grandi imprese di Romolo che dopo aver tracciato il solco intorno al Palatino ha creato anche il centro sacrale e politico dello stato.

Qui finisce il lavoro da archeologo e comincia quello da geologo. La storia si ferma a questo livello, questo il cuore di Roma.... Ha la forma di una macchia bianca di argilla il punto zero della storia di Roma. Ma proprio qui in mezzo agli assolati e frequentatissimi Fori che Andrea Carandini - l'archeologo che da oltre vent'anni scava questo pendio alle falde del Palatino e della collina Velia su cui sorge l'arco di Tito - ha fatto la pi grande scoperta che si potesse sperare di fare dopo il clamoroso ritrovamento, un anno fa, delle case dei re poco pi ad est.
Riportata ora alla luce, e finalmente datata, la capanna delle vestali, la mitica struttura dell'VIII secolo a.C. sorta come una delle primissime opere pubbliche nella Roma di Romolo accanto alla capanna tempio dello stesso culto, quest'ultima inglobata poi nel corso dei secoli dal tempio medesimo di cui si ammirano oggi i resti del II secolo d.C. eretto sotto Settimio Severo a poca distanza dall'area delimitata per gli scavi. Il culto di Vesta - spiega Carandini - ha per Roma lo stesso valore che Hesta aveva per la polis greca, rappresenta l'idea stessa della citt e ne costituisce l'inizio della storia. Il culto di Vesta il culto del focolare pubblico della citt. Per questo la capanna delle sacerdotesse qualcosa di pi di una capanna, in un tempo in cui le case non esistevano. Le case sarebbero venute molto dopo, a partire dal 650 a.C.
La capanna emersa come un regalo inaspettato con i suoi focolari, i piani di cottura, i buchi dei pali, i ricettacoli per i cereali, l'intero ovale della struttura che doveva essere larga quattro metri e mezzo e lunga probabilmente una decina. E poi dal terriccio ecco uscire anche preziosi pezzetti di ceramica, certamente databili all'VIII secolo, uno del periodo tardo geometrico greco con linee marroncine e giallognole che si alternano, l'altro romano pi tardo con un elegante airone dipinto. Di pezzi cos, finora, a Roma ne erano stati trovati solo altri otto, di cui due recentemente nelle capanne regie e il resto nello scavo di Sant'Omobono, vicino all'Anagrafe.
La capanna stata scoperta e subito reinterrata, per evitare danneggiamenti irreparabili nonostante che l'area degli scavi proprio in mezzo alle carovane di turisti che affollano i Fori sia completamente recintata. Quando riaffiorata con i suoi tesori a undici metri di profondit, rispetto al livello raggiunto qui nel 1600 e ancor oggi rappresentato dalla vicina chiesa di San Lorenzo in Miranda che sembra galleggiare sopra il tempio di Antonino e Faustina, a far da cornice all'evento miracoloso sotto il solleone di agosto non c'era quasi nessuno. Poi l'equipe di Andrea Carandini ha trovato anche il muro che delimitava il santuario, un muro perimetrale dell'VIII secolo largo almeno 85 centimetri che giaceva nascosto sotto il Vicus Vestae e che sorge a partire da quel mitico impiantito bianco sotto il quale non ci dovrebbe essere pi nulla. Per recuperare quel muraglione gli archeologi hanno dovuto scavare in un intrico di muri che vanno dal 150 a.C. al 700 a.C, l'ultimo strato sotto il quale giaceva interrato il muraglione originario del santuario voluto dai primissimi re di Roma. Per Carandini quel muro, ritrovato accanto a un grosso strato di semi di farro alto quattro centimetri che ricopriva il vicolo originario in tutta la sua lunghezza, stata la conferma definitiva.
I semi di farro bruciacchiati rinviano alla pratica della "mola salsa", da cui deriva il termine immolare -spiega Nikolaos Arvanitis, responsabile operativo dello scavo -. Le vestali bruciavano i semi per farci una polvere che veniva cosparsa addosso alle vittime sacrificali. Noi ne abbiamo raccolti oltre tre sacchetti. Andrea Carandini pi che soddisfatto della sua scoperta. In fin dei conti ha operato da archeologo in una zona che era stata gi indagata nel passato da altri colleghi, spinti per da ottiche completamente diverse. I miei predecessori si erano arrestati ai primi muri, in fin dei conti cercavano soltanto grandi manufatti come statue e muri in opera quadrata, non erano interessati a ricostruire la stratificazione delle strutture, non cercavano capanne. Per me invece questo stato il naturale completamento di una campagna di scavi iniziata vent'anni fa e che pian piano mi ha portato fin qui, al termine di un comprensorio grande un ettaro. Cos ho trovato le case dei primi re, fino ai Tarquini che avevano poi deciso di vivere fuori del santuario di Vesta. E cos ora dopo aver identificato i limiti del santuario che comprendeva anche un bosco sacro e le due capanne, siamo riusciti ad identificare quella delle vestali antistante il tempio, peraltro compresa all'interno del muro di limite del santuario. La scoperta dimostra che non abbiamo solo un muro intorno al Palatino ma anche un muro dell'area sacra che faceva parte del complesso del Foro, insomma le due grandi imprese di Romolo che dopo aver tracciato il solco intorno al Palatino ha creato anche il centro sacrale e politico dello stato incentrato tra il foro e il campidoglio.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news