LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. «Un Madre internazionale aperto ai nuovi linguaggi»
Stefano de Stefano
Corriere del Mezzogiorno - Campania 16/1/2020

Parla Kathryn Weir, la neo direttrice del museo: «Felice di essere qui»
Laura Valente: «Organizziamo la Woodstock delle arti»

«Sono certa che non sarà difficile lavorare qui, perché tutti gli artisti hanno voglia di venire a Napoli e di confrontarsi con la cultura millenaria di questa città e con la sua centralità nella produzione contemporanea».

Con una grande convinzione accompagnata da un sorriso cordiale e rassicurante, Kathryn Weir, nuovo direttore del Museo Madre, si è presentata ieri nella sede della Regione a Palazzo Santa Lucia. La curatrice anglo-australiana, sfoderando un buon italiano, ha confessato subito il suo entusiasmo per la nuova impresa che l’attende. «Ho scelto di partecipare al bando della Fondazione Donnaregina – continua – proprio perché sono già stata a Napoli, prima come turista circa dodici anni fa e poi per lavorarci con alcuni artisti. Ma soprattutto sono contenta perché è una città unica non solo in Italia ma in Europa. Inoltre il museo Madre in questo ultimo periodo ha cambiato passo, con una nuova visione progettuale che corrisponde alla realtà dell’arte di oggi, trasversale, multilinguistica, performativa, in cui la presenza umana è fondamentale, aperta all’incrocio con altre forme espressive, dal teatro alla danza, dal video, al cinema, alla musica e così via».

E c’è da crederci, visto che per iniziare questa avventura, Katrhryn Weir ha lasciato la direzione del Départment du Développement Culturel del Centre Pompidou di Parigi. «Nel 2015/2016 – ha poi aggiunto - ho creato Cosmopolis, una rete di relazioni ma anche una metodologia utilizzata nel 2017 per il Pompidou e poi ripresa anche in Cina nel 2018. Una piattaforma che mette in contatto l’arte contemporanea dei paesi in via di sviluppo, dall’Africa all’Asia, col sistema dell’arte internazionale. E che ha portato a tre grandi mostre e ad alcune residenze di artisti. Un’esperienza che potrà prendere forma anche a Napoli, ma affrontando questioni differenti».

Infatti il nuovo direttore ha idee chiarissime per l’immediato futuro. «I miei primi cento giorni, dopo aver parlato attentamente con lo staff, saranno spesi tutti per girare la città e conoscere luoghi, artisti, istituzioni, gallerie e centri culturali, realtà sociali da coinvolgere nei nostri progetti, a partire dalla messa in rete degli artisti di Napoli, in un continuo dialogo con il contesto internazionale. Perciò voglio ascoltare e capire quali sono le dinamiche che esistono oggi qui in città e in regione. Confermando la creazione dell’archivio dell’arte campana e l’attivazione di sempre maggiori occasioni di uso sociale dell’arte». A partire, probabilmente, da quello che vedrà protagonista l’artista cinese Ai Weiwei, già a Napoli lo scorso ottobre.

Dopo la giornata di presentazione, invece, Kathryn Weir ripartirà per definire gli ultimi impegni con il Centre Pompidou. «Ma da marzo sarò qui a tempo pieno. Sto già cercando casa e mi piacerebbe trovarla nel Centro Storico per venire al lavoro a piedi. Sono felicissimi anche i miei due figli, il più piccolo verrà qui con me da subito, mentre il più grande completerà gli studi a Parigi, promettendomi però che sarà a Napoli spesso, anche per mangiare pizza e sfogliatelle, che ha già assaggiato in viaggi precedenti».

«Voglio ringraziare la Regione di cui da qualche mese siamo diventati struttura ‘in-house’ – ha aggiunto poi la presidente della Fondazione Donnaregina, Laura Valente – per la libertà che ci ha lasciato nello scegliere il miglior candidato possibile. Kathryn Weir è stata nominata all’unanimità da una commissione competente e libera, di cui ha fatto parte anche il direttore uscente Viliani, a cui va il nostro ringraziamento per l’eccellente lavoro svolto in questi anni, accompagnando infine con grande professionalità il traghettamento nella terza vita del Madre, dopo quella iniziale con Eduardo Cicelyn e quella più recente proprio con la sua gestione. Una scelta quella di Weir che porterà il Madre sempre più nel mondo e che mi aiuterà a realizzare un sogno che coltivo da tempo, quello di organizzare una Woodstock dell’arte per tre giorni fitti di appuntamenti e presenze».

Infine il presidente della Regione, Vincenzo De Luca: «Quella della nuova direttrice Weir è soprattutto una scelta di passione, di amore per la città e di curiosità intellettuale per l’esperienza del Madre. E ringrazio il cda e la Presidente Valente, per l’eccezionale lavoro svolto in questo anno e mezzo, operando su un rapporto serio tra produzione, organizzazione e gestione: i dati economici infatti sono davvero importanti. Si apre così una nuova pagina, di respiro internazionale che vedrà crescere i riconoscimenti già ricevuti dal museo. D’altra parte Napoli è una città mondo, la sua cultura, storia e creatività sono un grande stimolo per chi vuole promuovere iniziative e scambi favorendo la crescita umana delle nostre comunità».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news